Friuli Venezia Giulia, una tappa obbligata

Un giro tra parchi, dinosauri, castelli e porticcioli

 

Anche – forse soprattutto – col clima invernale, il Friuli Venezia Giulia è una meta ottima. Noi ci siamo stati, un paio di volte (molto meno di quanto avremmo voluto) e, infatti, ne abbiamo già parlato, sul sito e sulla rivista. Siamo stati dalle parti di Cormons (e ci ricordiamo le sue cantine) e soprattutto nel circondario di Monfalcone, dove Adriatica (la barca dei velistipercaso) ha subito varie manutenzioni (al Cantiere Hannibal).

E tra una riunione e l’altra per decidere se cambiare il motore o la vela, siamo andati a esplorare le Foci dell’Isonzo, in particolare il Parco e la Riserva dell’Isola della Cona, dove hanno s-bonificato (cioè ri-allagato) una parte del terreno per restaurare filologicamente il territorio, cioè ricreare le condizioni per il passaggio e la sosta degli uccelli migratori. Si può fare bird-watching, ma anche belle passeggiate in bicicletta o a cavallo, o gite in barca.

A Duino, al villaggio del Pescatore, siamo andati a vedere l’Adroasuro, il dinosauro fossile vecchio di 70 milioni di anni. Lì vicino poi c’è Aquileia, storicamente imperdibile (il Museo e anche la Basilica). Io-Syusy sono andata ovviamente a indagare il mistero (peraltro ampliamente svelato) delle grotte in cui si celebravano i riti del Dio Mitra, il culto precristiano. Se andate in Friuli non potete perdere i Castelli, quello di Duino e soprattutto di Miramare. E a quel punto siete ormai nei paraggi di Trieste.

Io-Patrizio ci sono stato varie volte, in occasioni di manifestazioni legate al mare e alle barche: ho sempre trovato meraviglioso il lungomare con le più vecchie e gloriose associazioni di marinai, i porticcioli come l’Adriaco e altri dove si possono vedere bellissime barche d’epoca. Dappertutto quella che conta è la gente, ma in Friuli di più: abbiamo provato a chiedere ai friulani “da dove venivano i tuoi nonni?”. E la risposta è stata stupefacente: ognuno aveva quattro nonni che venivano da ogni parte d’Europa e d’Italia: dalla Slovenia, dall’Austria, dall’Ungheria, dalla Polonia, dalla Grecia o magari dal Veneto e dalla Sicilia. Il Friuli è da sempre terra di confine, propaggine della Mitteleuropa. Una volta magari sarà stato un limite, foriero di conflitti, ma adesso è una meravigliosa opportunità: la variabilità linguistica del Friuli lo rende un posto aperto, pronto alle nuove identità europee. E si vede, e si sente.

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 1386 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social