Sbarco in Normandia 2001

Sbarco in Normandia 2001. Finalmente giunge il momento di partire anche per noi. Quest’anno la destinazione scelta è la Normandia, attraversando la Borgogna e, sulla via del ritorno, un po’ di Bretagna e di Valle della Loira; il periodo fine ...

Diario letto 6561 volte

  • di ivy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Sbarco in Normandia 2001.

Finalmente giunge il momento di partire anche per noi.

Quest’anno la destinazione scelta è la Normandia, attraversando la Borgogna e, sulla via del ritorno, un po’ di Bretagna e di Valle della Loira; il periodo fine agosto e il mezzo, la nostra auto, una skoda fabia diesel.

Io (Ivana) e il mio compagno di viaggio e di vita (Riccardo) abbiamo trovato molto utile studiare il nostro itinerario navigando in rete sul sito www.Viamichelin.Com che calcola in modo molto preciso le distanze chilometriche, il consumo carburante, il costo delle autostrade, che illustra la mappa del viaggio e che da’ consigli su cosa visitare, gli alloggi e i ristoranti.

Naturalmente abbiamo spesso e volentieri visitato il sito della “maison de France” www.Franceguide.Com, e abbiamo sperimentato la prenotazione “on line” dei nostri alberghi sui siti www.Accorhotels.Com e su www.Gaf.Tm.Fr, il primo immediato e perfetto, veramente comodo, il secondo più lento e laborioso.

- In una splendida mattinata di sole, varchiamo il Passo del Sempione, a noi molto vicino, e percorriamo l'autostrada elvetica (acquisto di una “vignette” costo 40 fr., circa 50.000 lire, valevole tutto l’anno, per percorrerla in lungo e in largo), costeggiando il bellissimo lago di Lemano.

Dirigendoci prima verso Pontarlier e poi verso Beaune, attraversando i bei paesaggi della Borgogna, con i suoi vigneti che si estendono a perdita d’occhio e i suoi graziosi paesini, giungiamo in serata ad Auxerre.

Ceniamo in un antico locale, scelto anche da un gruppo di ragazzi per festeggiare l’addio al celibato di un amico, travestito da donna, con tanto di cartello dalla scritta “proprietà privata” al collo! Carino e divertente! Scendiamo a passeggiare lungo la riva del fiume Yonne, ammirando il grandioso spettacolo che offre il riflesso sull’acqua delle cattedrali illuminate, e godendoci il fresco e la pace della sera.

- Il giorno seguente continuiamo il nostro viaggio verso il nord imboccando l’autostrada in direzione di Parigi.

Esprimo il desiderio di vedere il Castello di Versailles e Riccardo, pur imprecando contro il caos del traffico e il caldo afoso, esaudisce il mio sogno e, dopo aver trovato parcheggio a fatica (e a pagamento), entriamo dal grandioso cancello della Reggia.

Visitiamo i giardini (entrata gratuita) dove mi è facile immaginare lo svolgersi degli amori, degli intrighi, della vita quotidiana dei reali di Francia e di tutta la sua corte. Il Palazzo è imponente, fantastico; i giardini sono perfetti, ordinati, costellati di fontane adorne di statue mitologiche, e di aiuole di fiori d’ogni genere.

L’incontro del giorno: un simpatico scoiattolo che ci guarda incuriosito e che scappa impaurito (al mio vano tentativo di fotografarlo), nel vicino boschetto, saltando di ramo in ramo.

Riprendiamo il cammino in autostrada verso Rouen, la capitale della Normandia, che è bellissima, se non fosse per il caldo, il traffico ed il nostro nervosismo, e non riusciamo ad ammirarne le bellezze (la grandiosa cattedrale gotica e le caratteristiche viuzze con le case a colombaia), che con il calare del fresco della sera e con le luci nella notte.

- Il sorriso sulle labbra, al nostro risveglio il mattino dopo, indica che è giunto il gran giorno di toccare l’oceano Atlantico.

Solo 60 Km ci separano dall’immensità blu. Arriviamo a Dieppe in una giornata fantastica: acque calmissime, di un colore verdazzurro intenso, leggera e piacevole brezza marina, cielo blu

  • 6561 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social