La festa delle luci a Lione

Siamo ritornati da Lione da pochi giorni ed eccomi a descrivervi il nostro viaggio di 4 giorni. Un anno fa, saltellando da un sito francese all’altro ho scoperto che proprio a Lyon si svolgeva , nel mese di dicembre, La ...

Diario letto 19116 volte

  • di Erika50
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Passeggiando per le stradine della vecchia Lione mi sono fermata all’11 di rue Mourguet dove c’è la Soierie Saint-Georges, un atelier per la creazione e vendita di foulards,cravatte,stole, e sciarpe in seta o velours o satin. Il negozio è situato in un palazzo rinascimentale ed è qui da due secoli.Un tempo i laboratori della lavorazione della seta si trovavano nella Vieux Lyon ma poi furono spostati a Croix-Rousse.Invece questo laboratorio è rimasto qui e lavora ancora per i castelli di Versailles e di Fontainebleau e per i più famosi sarti del mondo.Qui ho acquistato una sciarpetta per me ed un’altra per una mia cara amica. Inoltre ho avuto la fortuna di poter accedere nel retrobottega dove il proprietario, Ludovic De La Calle,un vero artista, ci ha fatto visitare un laboratorio e vedere il funzionamento di un telaio a mano per la tessitura della seta.

E adesso apro una parentesi storica per spiegarvi perchè la città di Lyon era collegata alla lavorazione della seta. Nel 1536, in virtù di un privilegio accordato da Francesco I, Lyon diventa l’unico deposito generale della Seta autorizzato dal Regno di Francia.

Allora i tessitori di seta, d’oro e d’argento si stabiliscono nel Quartiere della Vieux Lyon e nel 1788 si contano 14777 telai. J.M.Jacquard agli inizi del 19° secolo inventa la sua celebre macchina per tessere .

Numerosi immobili, concepiti per accogliere queste nuove macchine tesssili, vengono costruiti sulla collina nel quartiere della Croix-Rousse.Il Canut era l’operaio che tesseva la seta su queste macchine ma spesso ero lo stesso proprietario che svolgeva lo stesso lavoro dei suoi operai.Dal suo laboratorio, spesso umile e nascosto, sono usciti i più bei tessuti che hanno decorato le corti reali di Francia e Russia. Poichè le condizioni di vita di questi operai non erano delle migliori ci furono anche delle famose rivoluzioni, tra cui la prima nel 1831 in cui si contarono circa 150 morti.

Due giorni dopo siamo stati in questo quartiere ed abbiamo visitato La Maison des Canut, un museo con annessa una boutique.

Lione è anche famosa per i suoi numerosissimi Trompe l’oeil che alla lettera significa inganna occhio. Sono i muri dipinti di Lione che ci fanno penetrare nella storia della città. Questi capolavori sono stati creati da una cooperativa di 11 pittori Cité Création E sempre in questo quartiere abbiamo visitato Le mur des Canuts in Boulevard des Canuts. E’ uno dei più grandi d?Europa perchè si estende su una superficie di 1200 mq di facciata ed in esso si racconta la storia di questi operai della seta. Per non allontanarci dal tema, ci siamo spostati, percorrendo un grande viale dove c’era un immenso mercato di prodotti alimentari e di abbigliamento, in via Clos Jouve, vicino all’Università, e qui abbiamo visto un muro dipinto intitolato Les Routes de la Soie (Le strade della seta), in cui viene evocata la storia della seta da Gengis Khan a Marco Polo.

Avremmo desiderato vederli tutti ma il giorno 8 era stato indetto uno sciopero dei trasporti urbani per cui, poichè le distanze erano enormi, Lione è una grandissima città, abbiamo dovuto operare delle scelte e ci siamo diretti con il bus 18, linea Croix-Rousse /Jean Macé a visitare La Fresque Lumière, nel quartiere di Gerland, 106 avenue Jean-Jaurès. Su una stessa facciata i pittori conducono Lione, grazie ad una visione futuristica di fantascienza, ben oltre il 3°millennio.Si notano la Cattedrale di Fourvière in lontanaza e la Halle Tony-Garnier, dall’architettura audace, in primo piano

  • 19116 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Sonia Marocchi
    , 28/8/2015 11:22
    Vorrei sapere se lo spettacolo delle luci c'è tutti i giorni dal 5 all'8 o solo l'8 sera.... non ho capito bene

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social