1. Slovenia

    di , il 20/6/2013 13:17

    In questo spazio si parla di viaggi in Slovenia

  2. Ruggi
    , 23/7/2014 18:00
    Parto dalla fine del tuo scritto: si, è vero, le distanze
    non sono molto grandi ma poi in realtà, al di fuori delle autostrade, i tempi
    con il traffico aumentano e di molto.

    Ma lasciamo perdere questo aspetto. E veniamo al vostro
    programma..



    La prima sosta è forse un po’ vicina alla partenza, quindi
    potete anche guardare qualcosa a Spittal o al vicino Milstaetter see: Dico
    questo perché poi da lì sarete in autostrada sia nel tratto austriaco che in
    quello sloveno (attenti: sia in Austria che Slovenia si viaggia in autostrada
    con la “vignette”!! Si comperano anche nei distributori): vi dirigete verso
    Villaco e poi un’autostrada, la galleria delle caravanche, l’autostrada slovena
    che porta a Lubiana. Attenzione: i venerdì e sabato c’è molto traffico in ambedue
    i sensi, con tedeschi che vanno o tornano dalla Croazia. Se dovete transitare
    in quei giorni, ditemelo che vi indico strade alternative.



    Il giro verso Caporetto vi porta invece fuori strada,
    fareste un giro vizioso per il prosieguo del viaggio: potete salvarlo per
    l’inizio del vostro rientro.



    Ottimo il soggiorno a Bohini ed i giri intorno.



    Io sinceramente non terrei come base Lubiana: la città si
    visita in poco tempo, in teoria anche in una giornata (castello e centro
    storico) ma purtroppo d’estate è generalmente caldissima! (io penso al
    piccolo…) Perciò al caso aumenta di un giorno a Bohini e da lì puoi arrivare a
    Lubiana - centro in circa un’oretta (70 km fino alla circonvallazione) e magari
    in un giorno di brutto tempo…



    Per la sosta seguente potete invece trovare qualcosa vicino
    a Postumia (prima o dopo): ottimi anche i siti seguenti. Da Postumia potete
    arrivare a Caporetto passando per Idria (miniera di mercurio): non pensare che
    a Caporetto (bel museo della guerra a parte) ci sia molto da vedere… Molto di
    più nella parte italiana a Gorizia e dintorni… Se dovete rientrare da qui a
    Roma avete le autostrade italiane. Se invece andate verso Siusi, allora si che
    potete fare la valle dell’Isonzo, il Vrsic e da qui fare il percorso inverso
    all’andata (anche passando per Tarvisio)



    Se ti sembra che abbia messo meno delle giornate da voi
    programmate, potete sempre fare una puntatina (un paio di giorni) verso Maribor
    e Ptui….



    Dimmi cosa ti sembra dei miei consigli ed al caso riscrivimi
    che puntualizziamo qualcosa.



    Aspetto..
  3. saratara
    , 23/7/2014 10:37
    Ciao Ruggi,

    buongiorno. Sono Sara e scrivo da Roma, questa estate, con mio marito e mio figlio, di 1 anno, vorremmo fare un giro di un paio di settimane in Slovenia. Partiremo dall'Alpe di Siusi, in Trentino, da che punto ci conviene entrare per non fare un viaggio di troppo ore? Noi avevamo pensato di fare sosta a Linz in Austria e da lì entrare in Slovenia. Poi pensavamo di stare un paio di notti dalle parti di Caporetto, per vedere la zona circostante e fare la strada del passo del vrsic. Poi 5 notti sul lago di Bohjni, per fare anche il lago di Bled, il parco del triglav ecc. E poi 5 notti a Lubiana per fare oltre la capitale le grotte di san canziano e postumia, lipiza, il castello di predjama, ecc. Che dici si può fare? Essendo con un bimbo piccolo preferiamo essere più stanziali per l'alloggio e magari trovare 2 appartamenti da cui fare gite in giornata visto che le distanze non mi sembrano molto grandi.

    Grazie e buona estate
  4. Ruggi
    , 1/5/2014 22:00
    Contentissimo che ti sia servito: peccato per Pirano.... ma alla prossima, ciao
  5. Doc McStuffins
    , 28/4/2014 22:27
    Ciao Ruggi, siamo da poco rientrate dal viaggio in Slovenia e volevo prima di tutto ringraziarti per i tuoi consigli, che ci sono stati molto utili.
    Alla fine abbiamo visitato sia le grotte di Skocjan che quelle di Postumja (le bimbe erano calamitate dai cartelloni pubblicitari con le foto del famoso trenino, che si incontrano un poi' ovunque) e devo dire che ne è valsa la pena: due esperienze diverse ma entrambe affascinanti. Siamo state a Rakov Skocjan, che è abbastanza in ordine nonostante le gelate dell'inverso: i sentieri erano tutti puliti e le bimbe si sono divertite a scendere lungo sotto i ponti naturali e ad entrare nelle piccole grotte.
    In effetti, come tu mi avevi anticipato, le foreste hanno subito grossi danni, ma ho potuto constatare che ovunque si stanno dando un gran da fare per ripulire i boschi dagli alberi caduti.
    Il lago di Cercnika lo abbiamo visto dalla strada che porta a Sneznik...un op' di acqua c'era, ma anche tanti prati con bellissimi fiorellino gialli.
    Il castello di Sneznik è più bello da fuori: dentro ha un aspetto un po' tenebroso...il gestore dell'agriturismo in cui alloggiavano mi ha consigliato di andare perché c'erano gli animali e sarebbe piaciuto alle bambine...abbiamo poi scoperto che gli animali c'erano, ma impagliati!!! La custode ti accompagna nella visita spiegando la storia del castello, dentro gli arredi sono originali, ma anche un po' logori. In generale se ci si trova in zona vale la pena, ma sicuramente c'è di meglio. La chiesa di Hrastovlje mi è piaciuta molto: la custode mette un nastro che descrive cosa rappresentano i vari affreschi; è stato interessante.
    Causa maltempo non siamo riuscite a visitare Pirano: ho provato ad andarci due volte e in entrambi i casi si è scatenato il nubifragio...
    Una bella scoperta è stata invece Idrija: carina la città, buoni i ravioli (piatto tipico), interessante la visita al Pozzo di Antonio (la miniera di mercurio), in particolare è da segnalare la simpatia e la gentilezza del personale. In molti posti abbiamo potuto seguire le visite in italiano, anche se non erano previste: siccome la maggior parte dei turisti in giro erano nostri connazionali, le guide si prestavano a fare le spiegazioni anche nella nostra lingua ( ad es. a Skocjan e Idrjia). Comunque devo dire che non c'era un particolare afflusso turistico: i luoghi che abbiamo visitato erano tutti piuttosto tranquilli. Grazie ancora per le tue dritte...e al prossimo viaggio!
  6. allegrapercaso
    , 26/3/2014 13:51
    se viaggiate con bambini quando ancora non si può fare il bagno fuori sono molto belle quelle di Catez !
  7. Ruggi
    , 26/3/2014 13:34
    Per angela 29: Grazie per le integrazioni. Per Pirano, ti dirò che ci sono posti anche migliori...: sono lì 2/3 gg alla settimana, da ormai 20 anni.... e ti assicuro che, per esperienza, in Italia (o Austria) ne trovi di migliori...
  8. Ruggi
    , 26/3/2014 13:28
    Sono stato in parecchie delle terme slovene. Portorose, in quel periodo, sarà certamente affollatissima (di italiani per lo più): nelle vicinanze esitono anche le terme a Strugnano, più isolata. Ed a Portorose o Pirano arrivi in auto (5 min.) ma anche con mezzi pubblici. prova a dare un'occhiata...
    Per quelle del nord est molto belle Moravske, più tradizionali ma interessanti Rogaska slatina ed al confine con l'Austria, Radenci. Il top dovrebbe essere Olimia (ci va spesso mia nipote). Io sono stato anche a Dolenjske toplice,(vicino a Novo mesto) begli impianti e posto molto tranquillo anche per passeggiate o visite nei dintorni. le altre (Lasko, Dobrna, ecc) sono più "misere" (più da ammalati che non da relax)
    Prova a vedere e poi dimmi cosa scegli, albergo compreso che posso aggiungere ancora qualcosa.
  9. memetta
    , 26/3/2014 11:57
    Ciao Ruggi,
    ti scrivo perchè sto pensando se andare qualche giorno (o per il 25 Aprile o per il 1° Maggio) in Solvenia. Considerando che sono sono già stata e ho fatto tutta la parte ovest, mi piacerebbe fare un po' di relax e avevo pensato o Portorose, anche se mi sembra forse troppo turistico, oppure la zona delle terme ad est che non conosco assolutamente. Hai consigli in merito da darmi?


    se posso aggiungere per Doc, scusa l'intromissione, sono stata l'anno scorso sia a Postumia che a San Canziano e mi sono piaciute entrambe le visite (personalmente più Postumia). A San Canziano non c'è la guida che parla Italiano ma solo inglese o tedesco. Portatevi delle scarpe adeguate se andate a San Canziano perchè si scivola molto!
  10. angela29
    , 25/3/2014 17:57
    Ciao Ruggi,

    faccio un'aggiunta per Doc su Rakov Scocjan (o Valle dei Gamberi) poichè ci sono stata la scorsa settimana: è una bella camminata in mezzo alla natura con cavità naturali dalle quali sgorga il fiume Rak; la locanda e l'hotel erano chiusi. Non so se solo per la stagione.

    Ad Idria la discesa alla miniera è divertente (ti danno il caschetto e le casacche da minatore) e anche interessante; la guida parlava abbastanza bene l'italiano.

    C'è anche una casa museo del minatore da visitare.

    Interessante anche il castello e la tradizione dei merletti.

    A Pirano consiglio di fermarsi alla Cocoladnica Olimje (la stessa della località termale) per un dolce intermezzo cioccolatoso!

    Buon viaggio

    Angela
  11. Ruggi
    , 25/3/2014 14:15
    Soprattutto fammi sapere al ritorno anche perchè certe attrazioni, poco note anche a noi della zona, se sono valide, possono essere utili ad altri. Comunque su Caporetto non hai sbagliato di molto: le postazioni sia austriache che italiane erano in montagna, mentre il paesino (noto solo per il fatto che lì è avvenuta la rottura del fronte) è nella valle; quando s' "immagina" per memorizzare, capita. Sapessi quante volte è capitato a me.... (alle volte è colpa anche dei prof. che , non essendoci mai stati, ti danno idee sbagliate....)
    ci risentiamo
  12. Doc McStuffins
    , 25/3/2014 09:40
    Ops.. che granchio ho preso!!! reminescenze delle lezioni di storia a scuola mi facevano pensare a Caporetto come ad un posto in alta montagna...
    Grazie ancora per le tua gentilezza: le tue dritte mi hanno chiarito molto le idee...adesso non ci resta che fare il conto alla rovescia dei giorni che ci separano alla partenza! Al ritorno ti farò sapere come è andata
  13. Ruggi
    , 24/3/2014 19:32
    Per quanto riguarda le temperature ti preciso che anche la
    zona da te scelta è considerata montagna , pur trovandosi relativamente vicina
    al mare: da qui scende la bora verso Trieste! (vedrete anche , purtroppo, i
    disastri che qui hanno fatto le nevicate di questo inverno , sulla
    vegetazione….).

    Passiamo al resto:



    -
    da Trieste a Pirano c’è mezz’ora. Il silo/parcheggio è “quasi”
    obbligatorio: da qui un bus gratuito ti porta al centro. Diciamo che la visita
    , partendo dalla piazza, passando per le rive, salendo al duomo, (compresa
    qualche sosta) ti porta via un’ora abbondante : se vuoi salire anche alle mura
    (soprattutto se la giornata è serena ed hai la vista da Lignano a
    Grado/Aquileia e Trieste) aggiungi un’altra mezz’ora.



    -
    Le saline: le foto che sicuramente hai visto su internet, sono
    immagini di tarda estate (sempre che non sia un’estate piovosa) , quindi puoi
    solo vedere una distesa di “vasche” con l’acqua marina, dopo una bella
    camminata, ma piuttosto lunga per arrivare ad una piccola casa /museo con
    attrezzi e mobilio. Il panorama generale sul complesso lo hai da Sezza.
    Partendo da Pirano, puoi invece deviare verso Strugnano ed hai un altro impianto, più piccolo.



    -
    Hrastovlje è una cittadina fortificata ed ha la chiesa con la
    “danza macabra”: tutto qui!



    -
    Per Lipizza guarda, se non lo hai già fatto, orari e costi
    su http://www.lipica.org/it/




    -
    San Canziano: entri da una lunga galleria artificiale e man
    mano ti avvicini alla parte spettacolare, con il fiume che scorre sul fondo e
    scompare (per poi tornare alla luce vicino a Trieste ). La risalita avviene con
    un ascensore. Vedi se ci sono visite in italiano: non che sia indispensabile ma
    aiuta…



    -
    Il lago lo danno “pieno” in genere da dicembre a giugno, tutto
    sta a vedere se…. c’è acqua! Comunque si possono vedere le sorgenti e gli
    inghiottitoi. Mi sembra ci siano anche visite guidate (non ho idea se solo in
    sloveno ed al massimo inglese o anche italiano)



    -
    Idria: sono stato troppi anni fa ed allora non era ancora
    visitabile: io penso che alle bimbe, se non altro, piaccia sentirsi… un
    minatore, sono cose che si ricordano! Non mi sembra molto grande.



    -
    L’ospedale partigiano, l’ho visitato. E’ interessante la
    posizione ma anche l’impianto (purtroppo rifatto recentemente dopo
    un’alluvione…). Sulla mia guida della Slovenia danno 15 min. di percorso dal
    posteggio



    -
    Caporetto non è in montagna. (234 m.) e la neve la vedono di
    raro! Molto bella la zona intorno con la valle dell’Isonzo.



    Se hai bisogno di altro scrivi pure.
  14. Doc McStuffins
    , 22/3/2014 14:36
    Ciao Ruggi, grazie per le preziose indicazioni. Ho pensato a Pivka perchè, come dicevi tu, ho trovato un posto economico e con la possibilità della mezza pensione (di solito la sera le bimbe sono stanche morte!) e poi pensavo di visitare la parte meridionale della Slovenia perchè mi dava l'idea che nella parte più settentrionale della Primorska e nella gorenjska ad aprile faccia ancora freddo (specie nelle zone montuose).
    Dopo aver letto le tue indicazioni, direi che potrei andare direttamente a Piran da Trieste, sulle saline sono ancora indecisa: mi ispiravano un sacco... L'acquario di Piran non l'avevo preso in considerazione perchè siamo appena state a quello di Genova e di pesci ne abbiamo visti a bizzeffe. la chiesa di Hrastovlje se mi porta via tanto tempo per sta volta la salto, tanto più che alle bambine sarebbe interessata poco o nulla...
    Per Lipica mi sto informando: ho mandato una mail (spero mi rispondano) per sapere i giorni in cui ci sono gli spettacoli dei cavalli (perchè non essendo ancora in alta stagione in teoria li fanno solo di domenica, così organizzo il resto in funzione di quello).
    Per quanto riguarda le grotte, ero già più propensa per San Canziano e visto che anche tu mi dici che sono più belle andrò sicuramente a quelle.
    Il lago di Cerknica magari lo saltiamo, a meno che abbiamo la fortuna di trovarlo con l'acqua: ci informeremo al momento. Rakov Skocjan lo faremo, seguendo il consiglio di Allegrapercaso.
    A questo punto avendo escluso alcune cose Ti chiedo consiglio su altri due posti che mi ispiravano:
    -Idrja, per vedere il pozzo di Antonio: lo consiglieresti?
    -l'ospedale partigiano di Franja, che dovrebbe essere dalle parti di Cerkno: sai se ci si arriva solo a piedi (ho letto di un cammino si 1 ore e mezza, ma non so se ci si arriva vicino anche in auto)
    -Caporetto: ho pensato che potrei rientrare in Italia da lì al ritorno, ma non so essendo in montagna se ad aprile rischio di trovare ancora la neve...
    So che sono molto belle anche la zona dei laghi Bled e Bohinj e le zone alpine della Gorenjska, ma avrei pensato di "tenermele" per una futura vacanza, magari in estate...
  15. Ruggi
    , 21/3/2014 19:53
    Terrò a mente! (come meta per una prossima gita!) grazie
  16. allegrapercaso
    , 21/3/2014 13:46
    Rakov skocjan è un parco, ci arrivi al centro con l'auto, poi prosegui a piedi all'interno del bosco, segui il percorso del fiume che appare e scompare sottoterra;
    è una passeggiata piacevole e facile, i bambini possono correre liberi, c'è una locanda caratteristica con trattoria