Florida Fly & Drive

Un itinerario adatto ad amici, coppie, famiglie dove si passerà dalle bellezze naturali, a cittadine piene di movida o silenziose e raffinate, da mondi paralleli in cui la finzione è molto reale a luoghi dall’aroma caraibico o tutto nostrano e ...

Diario letto 41737 volte

  • di Luna Lecci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Cartina alla mano cominciamo a conoscere i quartieri di questa città che negli anni ’80 la vide punto di transito della cocaina proveniente dalla Colombia, dalla Bolivia, dal Perù e di crimini violenti che ispirarono la fortunata serie televisiva Miami Vice (Città del Vizio) e Scarface. Prima tappa la Downtown con gli imponenti grattacieli che si affacciano sulla Biscayne Bay e se avessimo avuto tempo (e voglia) sarebbe stato interessante visitare il Miami Art Museum.

E' poi la volta della folkloristica Little Havana dove per più di dieci isolati lo scenario cambia: qui sono presenti molte comunità latino-americane, caraibiche (molti gli esuli cubani a seguito della rivoluzione di metà anni '60), si parla creolo e spagnolo (ogni volta che chiediamo indicazioni, in lingua inglese, ci rispondono in ispanico!), le case sono basse e colorate. L'ottava strada, la Calle Ocho, è piena di ristoranti, negozi, anziani che giocano a domino nelle piazze, fumano sigari, locali dai quali si sente, perché ad altissimo volume, salsa, merengue e l’aria è pervasa dall’aroma del caffè cubano.

Moltissimi, in tutta Miami, sono anche gli italiani (sarà anche per questo che ci sono voli diretti Alitalia?) e ce ne rendiamo conto dai numerosi ristoranti, negozi... che incrociamo (pare che “siamo” molto attivi anche nella produzione di barche)!

Nel primo pomeriggio, a un quarto d’ora dalla Downtown, nel punto più a sud di Key Biscayne, entriamo con l’auto in “un mondo a parte”, nel Bill Baggs Cape Florida State Park ($ 8 – www.floridastateparks.org), un paradiso tropicale in cui si può passeggiare, girare in bici, nuotare, pescare, fare picnic, ammirare la natura selvaggia e alloggiare in camping. Facciamo una lunga camminata, giriamo intorno al Faro, immortaliamo farfalle e per finire un bel tuffo.

Seguiamo le indicazioni del quartiere d’ispirazione mediterranea: Coral Gables (www.coralgables.com) dove tante sono le ville sfarzose e ci fermiamo nella particolarissima Venetian pool (L-M 11-17,30, S-D 10-16.30 - $ 11 per viverla, $ 1 solo per vederla, 2701 De Soto Boulevard). Diamo un’occhiata all’Università, al villaggio studentesco mentre percorriamo strade abbracciate da alberi altissimi, verdi, con tronchi enormi e intrecciati. L’atmosfera si fa più chic: siamo arrivati a Coconuts Grove, il quartiere dalla lussureggiante vegetazione (bouganville, palme…) e sembra di rivivere le sensazioni provate a Beverly Hills. Per lo shopping consigliano South Beach, ma a noi non interessava e non ci siamo andati.

Forse saremmo dovuti rimanere un giorno in più per girare con più calma, visitare Villa Vizcaya, il museo Wolfosian…, ma non pensavamo Miami fosse così vasta! Dopo un'intera giornata in auto rientriamo in hotel per una doccia, un po' di riposo e nuovamente fuori per cena e per una lunga passeggiata di minimo km 5 per l'Art Déco Distcrit, uno dei quartieri più glamour, costruito a metà anni trenta, i cui edifici di allora sono oggi adibiti ad alberghi (Colony Hotel, The CarLyLe…) e luoghi di svago che si accendono di luci soffuse color pastello al calar della sera. Bellissimo è camminare su una passerella di legno, parallela all’Ocean Drive, dove da una parte si ascolta l'oceano, dall'altra si sbirciano i giardini, le piscine degli hotel e si incrociano tanti runners (alcuni dai fisici statuari) o famiglie con bambini: un variegato popolo della notte!

Molto turistica, ma assolutamente da percorrere è Lincoln Road piena di ristoranti dove sarà possibile gustare cibi da tutto il mondo. La nostra scelta ricade, vicino un’osteria romana, sulla cucina brasiliana spendendo $ 50 totali e mangiando discretamente

  • 41737 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social