Cebù e Bohol: magiche Filippine

Meta nuova per noi e poco conosciuta al mondo del turismo europeo: le Filippine! Siamo in quattro e partiamo da Roma con la Singapore Airlines (davvero grande compagnia: volo comodo e molto ben servito!) e dopo 12 ore arriviamo a ...

  • di roberta57
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Meta nuova per noi e poco conosciuta al mondo del turismo europeo: le Filippine! Siamo in quattro e partiamo da Roma con la Singapore Airlines (davvero grande compagnia: volo comodo e molto ben servito!) e dopo 12 ore arriviamo a Singapore per imbarcarci di nuovo verso Cebù (altre 3 ore e mezza di volo) l’isola dove staremo la prima settimana. In aeroporto ci aspetta Sergio Forti, il gestore del resort dove siamo diretti che ci accompagna per l’ultima – faticosa – tratta del viaggio di 3 ore per arrivare dall’altra parte dell’isola. Il Sampaguita Resort ci aspetta finalmente con i suoi giardini pieni di gigli, i bungalow di fibre e cocoon, i massaggi, un’ottima cucina e il suo mare spettacolare... E’ un posto particolare, specificamente organizzato per il diving, ma in realtà consente di vivere benissimo e di godersi una vacanza spettacolare anche a chi, come noi, pratica solo lo snorkeling.

Le barche, ad ala di gabbiano, ricoperte di gomma antiscivolo, sono capienti e comodissime ed eravamo i benvenuti a bordo insieme ai sub. Noi seguivamo dall’alto le loro immersioni, grazie ad un mare limpidissimo e ad una luce a perpendicolo che rende tutto luminoso e splendente.

In realtà abbiamo presto scoperto che potevamo benissimo restare in casa e fare snorkeling sulla barriera di fronte al resort che è una delle più belle che abbiamo mai visto in tanti anni di viaggi in giro per il mondo. La vita al resort è tutta una sorpresa e presenta, grazie alla sua peculiarità, aspetti insoliti: si mangia tutti insieme, si fa amicizia con facilità, è un piacere stare insieme la sera e i momenti liberi negli spazi comuni a chiacchierare e scherzare, anche grazie alle doti di padrone di casa di Sergio.

Bisogna beccare le persone giuste però, altrimenti diventa una convivenza difficile.

Il paesino più vicino è Moalboal che, a parte un grazioso mercatino (di generi vari ma non di artigianato, quasi inesistente nelle Filippine) anche di alimentari, offre davvero poco. C’è anche un altro paesino (di cui non ricordo il nome) pieno di bar e localetti e di forme “varie” di divertimento, comunque... L’ultimo giorno prima della partenza da Cebù, abbiamo fatto una escursione alla cascate: bella la passeggiata nel bosco e belle le cascate, dove si può fare il bagno.

Con dispiacere lasciamo dopo una settimana di relax, massaggi e mare il Sampaguita per andare a Bohol. Dopo il lungo tragitto arriviamo al Porto di Cebù city e ci imbarchiamo (dopo un traffico di check-in vari, verifica bagagli etc, degni di un aeroporto) per Bohol dove arriviamo dopo una traversata di un paio d’ore. Da lì trasferimento all’isoletta di Panglao (collegata con un ponte a Bohol) con il taxi fino al nostro Bohol Beach Resort.

Il resort è davvero bello, affacciato su una lunghissima spiaggia bianca immacolata tutta sua, piena di palme e con pochissimi ombrelloni, sdraio e amache. Di turisti europei neanche una traccia, praticamente tutti giapponesi, coreani e cinesi, oltre a qualche locale. Il mare riserva sorprese senza fine. Ci sono molte escursioni da fare su isolette a pochi minuti di barca e quello che si vede è davvero unico! Dalle tartarughe ai serpenti di mare, passando pesci e spugne a volontà.

Provateci, datemi retta! Approfittando di un paio di giornate nuvolose (un sollievo, a dire il vero, dopo tanto sole) partiamo per cedere le Chocolate Hills, le colline piene di corallo al centro dell’isola che restano diverse e separate come vegetazione dal territorio circostante! Belle e strane da restare senza fiato

  • 39562 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social