Come organizzare un viaggio (per pigroni) a Favignana

Se sei pigro, ma con la voglia di provare emozioni e ti piace gustare il cibo preparato da professionisti e non ristoratori improvvisati, allora...

Diario letto 37884 volte

  • di J74&M67
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Se sei pigro, ma con la voglia di provare emozioni e ami il prossimo... ma preferisci un certo distacco per non iniziare ad odiarlo e ti piace gustare il cibo preparato da professionisti e non ristoratori improvvisati, allora, se lo desideri, puoi perdere un po' di tempo a leggere questo diario, altrimenti passa al prossimo.

Con l'età sono diventata orgogliosamente pigra, quindi non ho più voglia di fare lunghe ricerche in Internet per prenotare una vacanza lunga... (Escludendo i weekend fuori porta per i quali uso ancora questo metodo). Così per le mie vacanze 2015 ho organizzato la mia pausa a Favignana... così; mi sono recata in agenzia dalla mia cara amica/consigliera e con il mio solito entusiasmo pre-prenotazione, le ho comunicato la mia scelta vacanziera..."Ho letto un gran bene su Favignana, mi organizzi tutti i trasporti per giungere in quest'isola? Prima settimana di giugno e come sistemazione, ok per un hotel pernottamento e colazione".

Ed è così che mi ritrovo a Milano Malpensa alle 7:00 di un sabato mattina, per volare fino a Palermo, dove una navetta mi porterà fino al porto di Trapani e li con aliscafo Ustica line sbarcherò all'isola.

Poso i miei piedi su terra Favignana e mi dirigo verso l'hotel Florio nella piazza centrale (a piedi dal porto sono 5 minuti), la sistemazione alberghiera non è male, un hotel 4 stelle, con buona colazione e stanze grandi... poso i bagagli, sono le 14:00 si da inizio alla mia settimana vacanziera.

Come ci si sposta qui, in quest'isola 9 km per 4 km circa? Ma in bici! Alt... sono in vacanza non voglio far fatica, ok che è tutta in piano, ma bisogna comunque pedalare! La soluzione appare d'innanzi a me, mentre passeggio in una viuzza che collega le due piazze... bici con pedalata assistita presso "noleggio Isidoro"... il piacere della bici con la comodità di uno scooter... e soprattutto l'assistenza di un professionista come Roberto.

Per farvi capire quanto è piccola Favignana, io che sono sportiva come un gatto di 8 kg su un termosifone, ho fatto il giro dell'isola 3 volte in una settimana! Facendo comodamente soste in bar, ristoranti e spiagge per un bagno di sole. Su Favignana si è già detto tutto in molti diari, in questo vi parlerò brevemente delle mie esperienze positive e non, di quello che, a mio modesto parere, merita vedere, visitare, conoscere, provare.

Come si presenta quest'isola a livello balneare? Accontenta tutti, chi ama la sabbia, chi i sassolini, chi gli scogli! Dove sono? Bene... prendete carta e penna, disegnate una farfalla, non siate troppo artisti, come la disegnerebbe un bambino ed anche un po' stilizzata... finito! Ecco Favignana... il corpo centrale è il suo monte (314 mt) dove si erge il castello di Santa Caterina, nell'ala destra in alto trovate gli scogli, mentre in basso le calette di sabbia. Sull'ala sinistra in basso calette con sassolini ed in alto scogliere. Naturalmente, visto le dimensioni di ogni spiaggetta, se potete, evitate luglio/agosto, lo dicono gli stessi isolani... altrimenti portate tanta pazienza, come quando si hanno tanti parenti in casa. Divertitevi a scoprire le molte calette, alcune proprio appartate. Se amate la pace e la tranquillità, evitate Lido Burrone, anche se molto blasonata.

Adesso,dopo le spiagge, possiamo affrontare il tema della ristorazione; Favignana è molto turistica e questo si rispecchia molto nei locali dove mangiare, sono un po' i classici ristoranti "turistico-globalizzati" dove non mangi cose sublimi,che magari ti aspetti andando in Sicilia, e dove i prezzi sono un po' lievitati! Qui non si comprende bene se, i ristoratori, (ovviamente non tutti), lo facciano di professione tutto l'anno o si improvvisano nei mesi stagionali!

Piccolo racconto di cosa mi è capitato in una semplice cena: ci accomodiamo al tavolo da me prenotato, ordiniamo e dopo un tempo ragionevole ci arriva quanto richiesto. Fin qui tutto bene. Ad un certo punto ci viene un certo desiderio di ordinare un altra golosità. Il dramma. Nessuno si avvicina più al tavolo dove è già avvenuta la presa di un'ordinazione. Tu cerchi inutilmente di farti notare... nulla, sei diventato invisibile...riesci a "placcare" un cameriere, leggi il panico nei suoi occhi.. "vuole ordinare altro?" .... Non posso essere così crudele e fare una nuova ordinazione, finiamo il vino, paghiamo e usciamo! Quindi se andate a Favignana ordinate fino al caffè! Abbiamo provato 3 ristoranti prima di trovare quello doc., con piatti ben forniti, camerieri che non ti dimenticano, puoi ordinare più di una volta, come normale che sia! E non lo abbiamo più abbandonato fino alla fine della vacanza! Per accompagnare i piatti, merita gustare i vini bianchi del luogo: sono buoni, ve lo dice una che ama i rossi... (Ristorante SI; "Rais" in piazza Europa)..(ristoranti NO; "la bettola", "papu',"). Per un arancino super, consiglio "il girarrosto" nella via tra "papu'" è "la bettola", mentre per servizio bar, "caffè Europa", servizio efficiente e ottimo tutto

  • 37884 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social