Egitto, un viaggio senza fine nella terra degli inizi

Perché intraprendere un viaggio in Egitto?!?! Perché l’Egitto è storia, è cultura, archeologia, mistero, innovazione, magia, è un libro di storia sempre aperto che si può sfogliare senza mai annoiarsi...

Diario letto 809 volte

  • di Valerytravels
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro

Perché intraprendere un viaggio in Egitto?!?! Perché l’Egitto è storia, è cultura, archeologia, mistero, innovazione, magia, è un libro di storia sempre aperto che si può sfogliare senza mai annoiarsi, perché l’Egitto è la terra dei faraoni, delle mega costruzioni, delle mille scoperte archeologiche, è la terra da dove tutto ebbe inizio. Perché l’Egitto è ricco di storie e racconti ma anche di domande a cui forse nessuno potrà mai rispondere. Perché l'Egitto ti lascia senza parole davanti ai suoi panorami spettacolari, all’ombra delle sue imponenti piramidi, davanti ai mille colori dei geroglifici ma soprattutto perché tutto ciò ti convincerà a visitare questo paese ancora e ancora.

diario di viaggio

Avendo a disposizione solo quattro giorni e volendo assorbire il più possibile dalla storia egizia, decidiamo di abbandonare per questa tappa il viaggio fai da te e ci affidiamo a un’agenzia locale, la “SunpyramidsTour”, agenzia seria e affidabile che ha organizzato per noi un piano di viaggio in base alle nostre esigenze e soprattutto in base al tempo, consigliandoci le tappe imperdibili e dandoci la possibilità di scegliere gli itinerari consigliati.

Passaporto, assicurazione sanitaria, biglietto aereo e finalmente il 23 Dicembre si parte verso la terra dei faraoni.

Partenza da Cagliari, volo diretto da Roma/Fiumicino e arrivo al Cairo nel pomeriggio con Alitalia, durata circa quattro ore.

All'arrivo in aeroporto è possibile acquistare il visto obbligatorio per entrare nello stato egiziano, al costo di circa 25 dollari quindi non abbiamo avuto bisogno di acquistarlo prima della partenza ma è sempre meglio consultare le informazioni dello stato egiziano per eventuali cambiamenti. Troviamo ad attenderci nel parcheggio il minibus per la tratta aeroporto/hotel. L’hotel è stato prenotato tramite Booking, il “Great Pyramid Inn” , hotel vicinissimo a Giza.

Attraversare le strade di una città con quasi venti milioni di abitanti (tra centro città e aree periferiche) è quasi un’impresa di sopravvivenza, infatti, il traffico è intenso, con tantissime auto, motorini e clacson che risuonano continuamente da creare una giungla stradale. Ma è anche affascinante vedere come tutto scorre in una città così caotica.

Per il costo molto basso dell’hotel non ci aspettavamo comfort e lusso, in fondo ci saremo dovuti stare pochissimo e ci serviva l’indispensabile, invece troviamo un ambiente molto accogliente, con tantissime decorazioni a tema egizio, una camera spaziosa, buon Wi-Fi e personale gentile con un buon italiano ma l’aspetto fantastico è stato quando ci ritroviamo sulla terrazza per un drink di benvenuto. È bastato varcare la porta per ritrovarci difronte tutta la loro imponenza, le tanto sognate piramidi di Giza, proprio lì davanti ai nostri occhi, così vicine a noi da non sembrare reali e invece dal nostro hotel era possibile ammirarle sorseggiando un cocktail. Dalla terrazza abbiamo potuto assistere allo spettacolo di suoni e luci proiettate sulle piramidi e sulla sfinge e ascoltare il racconto affascinante sulla storia dei faraoni. Consigliamo assolutamente di non perdere uno di questi spettacoli, la nostra fortuna è stata potervi assistere dall’hotel ma è possibile acquistare il biglietto tramite agenzia o “get your guide” per assicurarsi un posto nelle prime file. Finita la magia di luci, tutti gli ospiti dell’hotel sono stati invitati ad assistere ad un altro spettacolo, uno show danzante SUFI, in cui uomini, detti anche Dervisci, con indosso un abito con gonna larghissima, si esibiscono in velocissime giravolte fermi sul posto. Anche noi ospiti siamo stati coinvolti a provare la pesantissima gonna con ovviamente scarsi risultati. La cena era compresa nella nostra prenotazione. Scopriamo una cucina egiziana molto varia, per lo più composta da materie prime, soprattutto verdure e legumi, pollo, riso e pane con spezie, profumi e colori che ritroverete ovunque, quindi una cucina per tutti i gusti

  • 809 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social