Il rosso mare di Suzi, Jasy e Albi...

Marsa Alam ed escursione al mercato dei cammelli a Shalateen. Un racconto forse un po' critico...

Diario letto 6120 volte

  • di Suzi Cellarosi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Finalmente si parte! Siamo sempre in tre, il numero perfetto per fare una vacanza, io la mia amica Suzi e sua figlia Jasmine.

Abbiamo prenotato una settimana a Marsa Alam e precisamente al Floriana Dream Lagoon, il tutto prenotato un mese prima , ad un prezzo secondo noi molto alto, ma visto i consigli di chi ci era già stato e soprattutto dall'ottima descrizione del venditore del pacchetto, ci siamo detti che per 970 euro a giugno ne varrà veramente la pena!!

Partiamo dall'aeroporto di Bergamo il 16 giugno alle 8 circa della mattina, nessun ritardo e il volo è stato piacevole, impiegheremo quattro ore e mezza prima di mettere piede nel piccolo aereoporto di Marsa Alam, dove tra mille peripezie, una fiumana di turisti che si mette in coda nel poco spazio disponibile, controlli dei passaporti , compilazione del visto per terra (25€ già pagati all’agenzia)… e chi più ne ha più ne metta, finalmente usciamo e veniamo accolti da un vento caldissimo che avevo quasi dimenticato... siamo in Egitto!

Difatti dico a Suzi che pur essendoci più di 40 gradi il vento caldo che ci accarezza le chiome, rende tutto più sopportabile, e mi ricorda le mie precedenti visite in questo paese, prima a Hurgada e poi Sharm, sempre in questo periodo dell'anno.

Durante il percorso che ci porterà nel nostro villaggio, vediamo il classico paesaggio roccioso e desertico, dove non c'è praticamente nulla. Guardo le mie compagne di viaggio attonite (per loro è la prima volta che vengono in questo paese) nel vedere che a parte qualche raro resort sulla costa, e scheletri di abitazioni mai finite, il tutto appare incompleto, sporco e misero, meglio portare lo sguardo verso…. l'orizzonte, almeno lì l'uomo non ha intaccato la purezza del territorio. Suzi dice: “Sembra Hiroshima the day after….”

Arriviamo nel nostro villaggio e dopo i vari benvenuti ci danno le chiavi della stanza....mi accorgo che il vento che ho trovato appena uscito dall'aereoporto non c'è più! Aiuto si muore dal caldo,e anche all'ombra non si riesce a stare...

Che dire...a parte il caldo che ci accompagnerà per l'intera settimana senza l'ombra di quel vento che ho poc’anzi citato, l'impatto non è stato molto positivo. Ma inizio col dirvi che la cosa che a noi è piaciuta di più in assoluto del nostro resort sono i giardini, con bellissimi fiori e piante: bouganville, palme da datteri e bellissimi ibiscus!! Tortorelle intontite dal sole allietano i giardini nevicati di petali di fiori… Per il resto la camera è normalissima, (vista piscina bellissima) così come in generale tutta la struttura nubiana del villaggio, niente di eccezionale.

Scopriremo poi che l’aria condizionata e’ malfunzionante e non ci sono zanzariere alle finestre…(le zanzare ci sono, eccome !!) sigh. Sicche’ per non morire di caldo (38-42° per tutta la settimana) lasciamo andare tutte le notti il nostro “trattore della coldiretti” che a volte “accelera” con un rumore impressionante. (anche se lo tieni spento si sentono i “decolli” dalle altre stanze!! )

Difatti il nostro primo giro di perlustrazione ci porta in spiaggia dove parcheggiamo le nostre stanche membra sui classici lettini e ci concediamo il meritato riposo, apro una parentesi dicendo che il piccolo bar lascia molto a desiderare...ma è poco importante... dopo di che facciamo il primo bagno...

Ci accoglie una bella laguna dove l' acqua color turchese è bassa, e per poter nuotare bisogna camminare per più di un kilometro... io e Suzi ci portiamo al largo per vedere se riusciamo a intravvedere qualche pesce, ma avendo solo gli occhialini vediamo ben poco... ci rifaremo nei giorni successivi con tutta l'attrezzatura al seguito

  • 6120 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social