Alla scoperta dell'Ecuador gioiello del Sud America

Un viaggio sorprendente in Sud America, in un Paese che si è rivelato uno scrigno di bellezze naturali, con splendidi paesaggi andini, laghi, vulcani, resti della misteriosa civiltà inca, città coloniali ben conservate, colorati mercati indigeni, gente gentile e disponibile, ...

Diario letto 5202 volte

  • di Uzbe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 15
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Quito

Il volo Venezia-Madrid-Quito sorvola in atterraggio un paesaggio molto verdeggiante. Controllo molto veloce e raggiungiamo il centro di Quito (2850 m), confortati dall’ottima sistemazione e cena all’Hotel Dann Carlton. Il mattino seguente, a pochi chilometri da Quito, si trova la Mitad del Mundo, il monumento al centro del mondo che evidenzia l’esatta posizione dell’equatore o della linea dell’Ecuador, da cui il paese prende il nome. Interessante il Museo Solar Inti Nan, poco lontano, all’aperto, dedicato alla geografia astronomica che spiega l’importanza della posizione geografica dell’Ecuador. Rientro per la visita di Quito, fondata nel 1534, la seconda capitale più alta del mondo dopo La Paz (Bolivia), dominata dal vulcano attivo Pichincha. Maestosa la vista che si gode dalla collina de El Panecillo (3016 m), tappezzata dalle case come un mosaico, dominata dalla statua della Madonna, la Vergine del Panecillo, alta 45 metri. Grazie al suo centro storico ben conservato, Quito, assieme a Cracovia (Polonia), è stata la prima città al mondo nominata patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco nel 1978. La Plaza Grande e l’imponente cattedrale gotica “Cuore di Gesù”, la Piazza dell’Indipendenza fiancheggiata dai palazzi presidenziale e arcivescovile, il tempio gesuita barocco “La Compania de Jesus”.

Otavalo-Magdalena

La strada che porta ad Otavalo, da poco ultimata, è un’opera di alta ingegneria e offre la vista di bei panorami nella regione dove si parla la lingua quechua, in particolare la vista del vulcano Imbabura (4609 m), del lago San Paolo, le cascate Peguche e il lago vulcanico della laguna de Cuicocha. Il mercato indigeno di Otavalo, tra i più importanti delle Ande, anche se in funzione tutti i giorni della settimana, in realtà è molto più animato al sabato, quando vi convergono i venditori non solo della regione, ma anche dei territori limitrofi. Vi è esposto un ampio campionario dell’artigianato ecuadoriano, in particolare di tessuti dei quali gli otavalenos sono raffinati produttori. Sosta, poi, a Peguche, dove gli abitanti realizzano in casa i lavori di tessitura che poi vendono al mercato, prima di arrivare nella località di Magdalena, circa 3000 metri, presso la comunità indigena di Karanki dove, in un’abitazione con un bel panorama, ci viene offerto un ottimo pranzo. Per entrare in contatto con le popolazioni locali il gruppo è ospitato presso la comunità, una o due coppie in ogni famiglia, che mette a disposizione vitto e alloggio interagendo sulle varie attività. Ci ospita una famiglia composta da 5 persone, con una bambina, Carolina, che ci fa anche conoscere la sua coppia di lama. Una passeggiata in altura per ammirare il paesaggio, prima della deliziosa cena vicino al caminetto. Tanti sorrisi, ma un po’ di difficoltà con il dialogo per la lingua. Prima di coricarci nella camera molto colorata, per il freddo, ci preparano la boule d’acqua calda.

Cotopaxi-Lasso

Il gallo ci sveglia prima delle 5. Fuori la nebbia umida a poco, a poco, si dirada. Troviamo la colazione pronta e il caminetto acceso. Salutiamo la padrona di casa e fiancheggiando il vulcano Cayambe (5792 m) innevato raggiungiamo il mercato di Saquisil molto più autentico di quello di Otavalo, suddiviso in varie piazze con la gente che arriva da tutta la regione, bello, vivace e colorato. Lasciamo suoni, profumi e colori ed entriamo nel Cotopaxi Park. Il Cotopaxi (nella lingua quechua il suo nome significa “Colle della luna”) è il secondo vulcano attivo più alto del mondo (5897) e abbiamo la fortuna di ammirarne lo splendore grazie al vento che libera dalle nuvole la sua cima innevata

  • 5202 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social