Un weekend in Emilia Romagna nelle terre dei Malatesta

Dalla Valmarecchia a Rimini in un fine settimana d’autunno
 
Viaggiatori: 1
Spesa: Fino a €250 €

Giorno 1 – da Santarcangelo a Rimini

Santarcangelo di Romagna

Quando giungo a Santarcangelo di Romagna è metà mattina di una soleggiata giornata autunnale. Qualche difficoltà per trovare parcheggio, perché quello di piazza Cagnacci, su cui avevo puntato per la prossimità al centro storico, è pieno. Riuscito a lasciare l’auto non troppo distante, mi incammino per via Faini, che costeggia in un tratto il campo del gioco della palla al bracciale, delimitato lato collina da altissime mura la cui sommità inquadra porzioni della rocca ed una fila di pini marittimi.

Visitata la settecentesca chiesa collegiata, mi dirigo verso piazza Ganganelli. Contornata da edifici ottocenteschi, è caratterizzata dal grande arco dedicato a papa Clemente XIV, da un monumento ai Caduti e da una fontana. Per via Saffi affronto la salita al colle, dominato dalla torre del Campanone. Un breve percorso mi porta al cospetto della massiccia Rocca Malatestiana, caratterizzata da tre torri poligonali. Proseguo ancora verso ovest fino al convento dei Frati Cappuccini, dove visito la chiesa. Ripercorse le strette e caratteristiche vie del borgo, ed attardatomi più volte per osservare alcuni scorci di puro medioevo, ridiscendo nella luminosa piazza Ganganelli per un’ultima sosta prima di riprendere il mio itinerario.

Verucchio

Percorro la valle del fiume Marecchia fino a raggiungere Verucchio, borgo già individuabile a distanza, adagiato sulla sommità di un colle boscoso. Lasciata l’auto nel parcheggio di via Mura del Fossato, salgo fino a raggiungere piazza Malatesta, su cui prospetta il palazzo Comunale. Sotto i suoi portici, il bronzo di una donna seduta e pensosa. Proseguendo in salita raggiungo dapprima la collegiata dei SS. Martino e Francesco e poi il monastero di Santa Chiara. Il tratto di via Marconi che interessa il lato orientale del borgo mi conduce, questa volta in discesa, fino al belvedere sulla Rocca Malatestiana, che si erge su una rupe isolata. Una via acciottolata scende fino all’ex convento di Sant’Agostino, dove è ospitato il Museo Civico Archeologico, che esibisce innumerevoli reperti riconducibili alla civiltà Villanoviana, sviluppatasi tra il IX e l’VIII sec. a. C. Particolarmente interessanti gli oggetti in ambra ed i resti di un trono in legno intagliato.

Proseguendo verso sud lungo la SP258, appena prima della località di Pietracuta devio su una strada bianca che mi conduce in prossimità dell’argine destro del fiume Marecchia. Di fronte, al di là del fiume, su di una piccola collina sassosa si trova il santuario della Madonna di Saiano, mentre più lontano sulla sinistra il castello di Montebello integra il profilo di un colle.

San Leo

Ritorno alla strada principale e guido fino a San Leo. Parcheggio l’auto in un ampio slargo sterrato della SP22, che due curve e un paio di centinaia di metri separano dalle prime case dell’abitato. Muovendomi a piedi ho la possibilità di cercare il punto migliore per fotografare lo sperone roccioso ed il forte sulla sua sommità: uno spettacolo davvero speciale.

Una volta raggiunto il borgo antico, ubicato nella parte più bassa dello sperone, raggiungo piazza Dante, su cui prospettano alcuni notevoli edifici e le tre absidi della pieve di S. Maria Assunta. Di origine preromanica, in conci di pietra, ha un interno a tre navate su pilastri e colonne in parte romane. Nel presbiterio, elevato sopra la cripta, è ubicato un ciborio che ha più di 1000 anni. Non lontano dalla pieve, da cui lo separa uno spiazzo erboso, sorge il duomo di San Leone, costruito nel XII secolo. L’interno è a tre navate separate da pilastri cruciformi e colonne; mi attraggono in particolare una statua dorata della Madonna con il Bambino e angioletti, ed un crocifisso dipinto collocato nel presbiterio sopraelevato sulla cripta. Isolata dal duomo, sorge una torre del XII secolo trasformata in campanile. Una caratteristica comune ai due edifici sacri è che l’ingresso in entrambi avviene per mezzo di un portale ubicato in una navata laterale: le facciate “principali “sono infatti cieche, rivolte verso occidente e prossime al ciglio dello sperone.

Guarda la gallery
weekend emilia romagna

rom_2

rom_3

rom_4

rom_5

weekend emilia romagna

rom_7

rom_8



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Emilia-Romagna
Diari di viaggio
dove andiamo in vacanza quest'estate? a cattolica, nella regina dell'adriatico!

Dove andiamo in vacanza quest’estate? A Cattolica, nella regina dell’Adriatico!

Sta arrivando di nuovo la stagione estiva ed in tanti si chiedono dove passare le vacanze quest’anno. Io un’idea ce l’ho e oggi ve ne...

Diari di viaggio
la terra dei motori

La terra dei motori

Primo o ultimo non conta... L'importante è avere dato il meglio di sé in ogni singolo giro. Zaino in spalla, giusto qualche cambio...

Diari di viaggio
saludecio, una capitale antica sulle colline della romagna

Saludecio, una capitale antica sulle colline della Romagna

Appollaiato su di un poggio che degrada dolcemente verso il mare, si trova uno dei borghi più interessanti del panorama della bassa...

Diari di viaggio
la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

Se non ora, quando? Tour in moto lungo tutta l’Italia

È dal 2014 che viviamo in the road insieme (io, Andrea; Sonia, la mia ufficiale in seconda; la nostra moto, una Royal Enfield Classic...

Diari di viaggio
un weekend in emilia romagna nelle terre dei malatesta

Un weekend in Emilia Romagna nelle terre dei Malatesta

Giorno 1 - da Santarcangelo a Rimini Santarcangelo di Romagna Quando giungo a Santarcangelo di Romagna è metà mattina di una soleggiata...

Diari di viaggio
passeggiata per le vie di bobbio, il borgo più bello d'italia

Passeggiata per le vie di Bobbio, il borgo più bello d’Italia

Un programma televisivo di qualche anno fa l'ha decretato borgo più bello d'Italia ed io non potevo farmi sfuggire l'opportunità di...

Diari di viaggio
gite in emilia-romagna: bobbio e la val trebbia

Gite in Emilia-Romagna: Bobbio e la Val Trebbia

Maggio 2021: dopo tanti mesi di zona rossa e arancione, finalmente si può viaggiare all’interno della nostra Regione. Ne approfittiamo...

Diari di viaggio
una giornata nel borgo di castell'arquato

Una giornata nel borgo di Castell’Arquato

senza rinunciare a gustare una delle specialità della zona: ottimi panini, prezzi regolari e gentilezza del personale. I panini vanno dai...

Diari di viaggio
parma 20.20. l'incrocio di una vita

Parma 20.20. L’incrocio di una vita

E sono a Parma. Questa volta non come Turista “per Caso” ma come ospite! Ho soggiornato per tre lunghi anni in questa città e vi...