Week end romantico tra Liguria e Toscana

Ciao, vorremmo contribuire anche noi con il resoconto del nostro breve, ma carino, week end tra La Spezia e la Lunigiana. Solo due giorni, per cui siamo rimasti vicino a casa.. Abitiamo nel Tigullio e abbiamo deciso di andare verso la Toscana. Sabato 19 luglio: spiaggia del Pozzale (isola di Palmaria). Si arriva solo con il battello (o, chi...
 
Partenza il: 19/07/2008
Ritorno il: 20/07/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 500 €

Ciao, vorremmo contribuire anche noi con il resoconto del nostro breve, ma carino, week end tra La Spezia e la Lunigiana. Solo due giorni, per cui siamo rimasti vicino a casa.. Abitiamo nel Tigullio e abbiamo deciso di andare verso la Toscana.

Sabato 19 luglio: spiaggia del Pozzale (isola di Palmaria). Si arriva solo con il battello (o, chi può permetterselo, con barca privata).

È una spiaggetta carina, rivolta verso l’isola di Tino, dove dicono i locali, ci sia il mare più bello della zona. Siamo arrivati a La Spezia a mezzogiorno e purtroppo la prima barca era alle 13.30. Ci avevano detto che c’erano molti battelli invece non è proprio così, informatevi sugli orari presso il Gruppo Battellieri del Golfo (La Spezia). Il biglietto adulti costa 6,50 euro andata e ritorno. Siamo rimasti fino alle 17 anche perché ormai quasi tutta la spiaggia era all’ombra. Il posto è carino, peccato per la marea di barche ancorate troppo vicino alla spiaggia.

Volevamo fare un giro a Tellaro ma era impossibile parcheggiare la macchina, niente da fare, torneremo in moto oppure quando ci sarà meno gente. Per dormire abbiamo prenotato in Lunigiana, al B&B La Casala a Gragnola (comune di Fivizzano, Massa Carrara, 80 euro a notte pernottamento e prima colazione in camera). Il posto merita davvero, è molto carino ed i proprietari Carla e Marco sono gentilissimi e ospitali. Noi abbiamo dormito nella camera Margherita, disposta su 2 piani, con letto a baldacchino, pavimenti in legno e travi a vista (e tv al plasma per la felicità di Paolo perché quel week end c’era Motomondiale e Gran Premio). Si tratta di un casale ristrutturato con gusto e la vista è bellissima, si trova proprio di fronte al Castello dell’Aquila, la cui visita era in programma per il giorno successivo. Stampate le istruzioni “come arrivare” alla Casala perché noi abbiamo fatto fatica a trovare il posto e il Tom Tom non ci ha aiutato (l’ultimo km è strada sterrata) ma il posto merita.

Cena: siamo andati a mangiare al ristorante “Dai Cento” a Podenzana, unico paese dove si mangiano i panigacci (molto simili ai testaieu genovesi). Non era proprio vicinissimo però io non li avevo mai mangiati quindi.. Siamo andati! Consigliamo la prenotazione, soprattutto nei week end! Più o meno saranno una ventina di km da Gragnola. Costo della cena: 30 euro (vino escluso perché Paolo è astemio e a me non piace bere da sola!). Domenica mattina: visita al Castello dell’Aquila. Bisogna telefonare per prenotare la visita. Risponde direttamente la proprietaria che vi guiderà nel suo castello completamente ristrutturato in tempo record! Alla Casala abbiamo scoperto che Marco ha lavorato alla ristrutturazione del Castello, quindi ci aveva già raccontato alcune cose interessanti del posto ma visitarlo con la sig.Ra Graziella è bellissimo. Lei è una donna straordinaria, piena di entusiasmo. E’ un piacere sentirla parlare del suo castello e del maestoso lavoro di ristrutturazione.

La cosa interessantissima è che durante i lavori sono stati trovati i resti di un cavaliere assassinato intorno al 1300 e immediatamente sepolto. E’ l’unico caso al mondo di “omidicio e occultamento di cadavere” di quell’epoca e quindi oggetto di interesse mondiale. Ora io la faccio breve ma la storia è interessantissima! La visita costa 5 euro e dovrebbe durare un’ora (in realtà noi siamo rimasti più di 2 ore, e saremmo rimasti ancora se non fosse stata l’ora di pranzo!).

In teoria il programma del week end prevedeva la domenica pomeriggio al mare ma visto che il sole non voleva farsi proprio vedere abbiamo pensato di andare a fare un giro alle grotte di Equi. Peccato che erano chiuse per la pausa pranzo, riaprivano alle 14.30 ed erano solo le 13, troppo tempo.. Così abbiamo deciso di andare a Bocca di Magra a chiedere gli orari dei battelli per Punta Corvo, così la prossima volta che torneremo da queste parti siamo già preparati! Da lì siamo andati a visitare Monte Marcello, considerato uno dei 100 borghi più belli d’Italia. Senza offesa e senza nulla togliere al borgo ma a noi non è piaciuto (sarà stato il brutto tempo, sarà che abitiamo nel Tigullio quindi “abituati” alle 5 terre, Camogli e Portofino, imparagonabili!). Purtroppo ha iniziato a piovere, volevamo fermarci in qualche bar sul mare ma.. Preferiamo rientrare a casa, tanto abbiamo già deciso che torneremo da queste parti per andare a Punta Corvo e Tellaro! Abbiamo scoperto che da Bocca di Magra partono i battelli per Punta Corvo (biglietto adulti 8 euro) e aggiungendo 2 euro a persona si può andare anche a Tellaro (così non abbiamo problemi per parcheggiare l’auto e a Bocca di Magra c’è un mega parcheggio). Vi faremo sapere… Ciao a tutti e buoni week end a tutti.

Laura e Paolo Leivi (GE)



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...