Vietnam e Cambogia dicembre 2010

Vietnam e Cambogia da backpacker.
Scritto da: marzia-paolo
vietnam e cambogia dicembre 2010
Partenza il: 17/12/2010
Ritorno il: 10/01/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Vacanze di Natale: torniamo nuovamente in Asia, continente che noi adoriamo. Siamo partiti da Milano per Bangkok il 17 dicembre 2010. Abbiamo volato con Qatar Airways, scalo a Doha, ottima compagnia, paragonabile alla Emirates. Dopo aver trascorso due giorni a Bangkok, con visita ad Ayuthaya, il 20 dicembre prendiamo un volo Air Asia per Hanoi. L’impatto che si ha arrivando in Vietnam è sicuramente differente rispetto a quello con la Thailandia. L’aeroporto di Hanoi è in stile sovietico…si respira un’aria del tutto diversa. Abbiamo visitato il Vietnam da nord a sud, senza volutamente prendere aerei, ma viaggiando a contatto con la popolazione locale; scelta che si è rivelata assolutamente azzeccata.

20 dicembre

Visita del quartiere vecchio di Hanoi, dove ogni via è dedicata ad una specifica professione, dove si vedono ancora lavorare gli artigiani sui marciapiedi. Hanoi è una città molto trafficata, ci sono motorini ovunque ed è davvero difficile attraversare la strada. Abbiamo fatto un giro intorno al lago e con sorpresa siamo anche riusciti a vedere la tartaruga porta fortuna. Bisogna però stare attenti agli scippi nella zona del mercato, per il resto la città è sicura. Con più tempo a disposizione si può visitare la Pagoda dei Profumi che si trova fuori città.

21 dicembre

La nostra guest house ad Hanoi ha organizzato per noi l’escursione alla Baia di Halong in giunca e trekking a Cat Ba. Abbiamo scelto una giunca deluxe per poter apprezzare al meglio questa parte di viaggio che si è rivelata sicuramente una delle più belle. In tutto il Vietnam ci sono agenzie ovunque che offrono prezzi e servizi di tutti i tipi, ma se non avete tempo e voglia, gli hotel vi organizzano escursioni, biglietti dei treni, bus, aerei, visti ecc…ovviamente pagando qualche dollaro in più! Siamo giunti ad Halong con un minibus, circa 4 ore di viaggio, durante le quali abbiamo potuto apprezzare scene di vita quotidiana e meravigliosi paesaggi. Consigliamo vivamente a chiunque si rechi in Vietnam di non tralasciare questa escursione, la Baia è fantastica, soprattutto se si ha la fortuna di vederla con il sole. Dopo una breve visita alla grotta nei pressi della Baia, abbiamo preso la canoa e ci siamo addentrati con la nostra guida, tra le varie insenature.

22 dicembre

Arrivo in barca a Cat Ba. Trekking nel parco nazionale e visita a piedi dell’isola. Il sentiero che costeggia la spiaggia rappresenta una bella e semplice passeggiata per poter ammirare il paesaggio straordinario. Ricorda il percorso delle Cinque Terre. L’isola è rimasta molto autentica, infatti alle 22 hanno spento tutte le luci, noi ed un altro amico italiano conosciuto lì, eravamo le uniche persone ancora in giro…

23 dicembre

Ritorno ad Hanoi e partenza in treno per Huè. 540 km in SOLE 15 ore…dalle 19:30 alle 10.30. Dopo aver viaggiato con i super veloci, sterilizzati treni in Giappone in un precedente viaggio, ci troviamo sui treni lumaca vietnamiti!!! Per fortuna il viaggio è stato allietato dai nostri compagni di cuccetta, due ragazzi inglesi, e dai magnifici paesaggi che abbiamo potuto apprezzare nelle ore mattutine. Esperienza che consigliamo vivamente.

24 dicembre

A Huè faceva molto caldo, ma fortunatamente non era afoso. Abbiamo visitato la Cittadella, dove però è rimasto ben poco, il tutto è in fase di ristrutturazione. Sono esposti alcuni carri armati utilizzati durante la guerra ed è possibile visitare un piccolo museo. Da non perdere la visita al mercato locale vicino al principale centro commerciale dove è in vendita una delle specialità vietnamite: la carne di cane.

25 dicembre

Visita alla DMZ accompagnati da un veterano di guerra originario di Saigon che ci ha portati a visitare diverse basi, cimiteri, musei e il diciassettesimo parallelo. Ci ha portati anche nei tunnel di Vinh Moc. E’ stata un’esperienza molto interessante e toccante, aver potuto parlare con qualcuno che vissuto la guerra in prima persona ha sicuramente lasciato il segno. E’ stato decisamente un modo diverso e particolare di trascorrere il giorno di Natale.

26 dicembre

Sotto una pioggia battente lasciamo Huè per dirigerci con un’auto privata a Hoi An con diverse tappe intermedie tra cui Danang, China Beach e Marble Mountain. Arrivati a Hoi An abbiamo avuto la sensazione di essere stati catapultati indietro di molti anni. Hoi An, patrimonio dell’UNESCO, è una città magica, piena di strette vie, dove circolano ancora molte biciclette e pochi motorini. Passeggiamo tra i negozi, con musica classica di sottofondo…Per noi la città più bella del Vietnam.

27 dicembre

Affittiamo le biciclette e ci dirigiamo a circa 2 km da Hoi An al vegetable village. Un paesaggio rurale ci sovrasta…che meraviglia, la tipica immagine che ognuno di noi ha in mente quando pensa al Vietnam…Donne con il classico cappello a cono, contadini che lavorano la terra con i loro bufali, anziane signore che zappano e masticano betel. Sono tutti entusiasti di vederci, ci salutano con un timido Hello. Qui non vedono molti turisti, la vita scorre lentamente, si ha un senso di pace e di armonia…da provare! Qui ad Hoi An abbiamo trovato la gente più cordiale di tutto il Vietnam, veramente gentili, disponibili, onesti e sempre sorridenti. Soddisfatti della nostra passeggiata prendiamo un taxi e andiamo a Danang dove prendiamo un treno per Nha Trang, altre 9 ore, passate ad ammirare dal finestrino i paesaggi incantevoli che ci scorrono lentamente, ovviamente, davanti.

28 dicembre

Nha Trang è la stazione balneare più famosa del Vietnam. Ha una spiaggia lunga 6 km lungo la quale si snodano diversi locali, resort, bar e stabilimenti balneari. E’ possibile affittare un lettino ed un ombrellone in vero stile caraibico alla modica cifra di 1.50 dollari al giorno. L’acqua del mare non è cristallina, perlomeno non lo era a dicembre. Nha Trang è ricca di ristoranti e locali che animano la vita notturna della “Rimini vietnamita”. In serata a bordo di un comodo sleeping bus ci dirigiamo a Mui Ne.

29 dicembre

Dopo aver passeggiato per la caldissima Mui Ne, al pomeriggio con una guida ci dirigiamo al Sentiero delle Fate, al Fishing Village e alla Dune Bianche e Rosse. Sembrava fossimo stati catapultati nel deserto del Sahara. Dopo aver percorso qualche chilometro in Jeep arriviamo alle dune…un paesaggio diverso, sahariano che non ha nulla a che vedere con il resto del Vietnam. Aspettiamo il tramonto dove scorgiamo in lontananza il mare. Mui Ne è una rinomata località balneare per chi pratica wind surf. Alla sera il centro si anima, è ricco di ristoranti, locali e resort anche a cinque stelle!



    Commenti

    Lascia un commento

    Battambang: leggi gli altri diari di viaggio