Viaggio in mozambico….per non dimenticare

VIAGGIO IN MOZAMBICO Per non dimenticare... Diario di viaggio, Agosto 2008 Francesca, Antonio, Simone, Josè30/07/08 Maputo: il Guarda dorme Siamo arrivati a Maputo, finalmente, oggi all’orario previsto. In aeroporto ritiriamo i bagagli e facciamo il visto con grande calma. Con grande calma Simone si muove da casa per venire a prenderci...
 
Partenza il: 30/07/2008
Ritorno il: 20/08/2008
Viaggiatori: fino a 6

VIAGGIO IN MOZAMBICO Per non dimenticare…

Diario di viaggio, Agosto 2008 Francesca, Antonio, Simone, Josè

30/07/08 Maputo: il Guarda dorme Siamo arrivati a Maputo, finalmente, oggi all’orario previsto. In aeroporto ritiriamo i bagagli e facciamo il visto con grande calma. Con grande calma Simone si muove da casa per venire a prenderci in aeroporto: la parola d’ordine è calma, e questo come inizio va benissimo.

La vista di Maputo dall’aereo è molto particolare, alti grattacieli, lunghe spiagge e distese di baracche. Dall’alto si vedono anche mercati affollati con ombrelloni colorati, regate di barche a vela…Dà l’idea di una città tranquilla, ma allo stesso tempo viva e in evoluzione. L’idea è confermata quando scendiamo dall’aereo.

In aeroporto c’è tanta gente, caos, ma niente di fastidioso.

Il banchetto del lost and found è caratteristico, è letteralmente un banchetto. La cosa strana è che non c’è nessuno in fila che urla e sbraita perché ha perso il bagaglio! Simone ci aspetta fuori insieme al suo fidato logista di nome Josè, un ragazzo di 33 anni (ne dimostra qualcuno in meno), sorridente e cordiale, che a quanto pare ha già 4 figli…Tutti maschi!!!! Con la Toyota rav4 che ci accompagnerà durante il nostro lungo viaggio (più piccola di come l’avevamo immaginata) ci rechiamo alla casa-ufficio di Simone, dove ci sistemiamo in una stanza carina, beviamo una birra e ci rilassiamo programmando il viaggio, la sistemazione dei bagagli e la partenza della mattina seguente.

Dopo un sonno ristoratore (io e Antonio cadiamo letteralmente in trance), Simone ci porta a cena a mangiare gamberoni tigre; Prendiamo quelli medi su suo consiglio: pare che quelli grandi siano veramente enormi, ma meno saporiti. Ottima cena: i gamberi vengono serviti con riso e patatine fritte; il vino è un bianco sudafricano, buono, il dessert una spettacolare torta di anacardi. Il ristorante si chiama Sagres, e si trova sulla spiaggia, vicino all’Holiday Inn. Spendiamo circa 20 euro a testa.

Torniamo a casa e svegliamo il Guarda per farci aprire il cancello…A quanto pare, come ci spiega subito Simone, il Guarda a Maputo ( e non solo come vedremo in seguito) durante il lavoro dorme! 31/07/2008 Primo assaggio d’Africa Sveglia ore 5.30 am: siamo pronti per la partenza.

Carichiamo la macchina con qualche difficoltà e andiamo a fare colazione in una fornitissima pasticceria di Maputo dove prendiamo cappuccino, croissant e briosce veramente ottimi.

Ovviamente siamo in ritardo, dobbiamo passare a prendere Josè che ci aspetta da una vita!! Lui si presenta con un bagaglio che in confronto al nostro scompare! Ci vergognamo un pochino…

Partiamo verso Tofo con un lieve ritardo, viaggio scomodo, ma bellissimo, paesaggi stupendi, verde e natura spettacolare e sono convinta che ancora non ho visto niente! La gente cammina sul ciglio della strada, ragazzi che vanno a scuola, vestiti coloratissimi, donne che camminano con cestoni in testa e i bambini piccoli appesi nel fagotto. Le donne hanno un portamento molto elegante e il più delle volte sono molto belle e particolari…I bambini sono bellissimi.

Arriviamo a Tofo che sono circa le 13.30. Incontriamo subito la nostra ‘Imprecata’ (domestica), che ci mostra la nostra casetta in riva al mare (semplicemente quello di cui avevamo bisogno tanto per cominciare), che Simone ha trovato tramite un suo conoscente italiano di nome Leonardo per soli 50$ al giorno.

Andiamo subito al mercato che si trova a due passi da casa, per comprare del pesce per la cena. Veniamo ovviamente assaliti da donne e pescatori che fanno a gara per venderci un po’ di tutto: barracuda (pesce serra?) gamberoni, calamari, aragoste e i loro ‘pesci rossi’, tutto freschissimo! Decidiamo di andare a prenotare il diving e mandare Josè a fare la spesa e contrattare il prezzo senza di noi.

Andiamo al Tofo Scuba, che si trova a poche centinaia di metri dal mercato e prenotiamo l’immersione per la mattina dopo alle 8.00. Faremo il Manta Reef e un’altra immersione. Tra un’immersione e l’altra avremo anche la possibilità di incontrare gli squali balena.

Il diving è gestito da sudafricani, sembra ok. Speriamo bene.

Torniamo a casa, il mitico Josè ha fatto la spesa: pesce da arrostire, gamberoni, pane buonissimo (ancora caldo) e frutta.

E’ il momento del bagno, dobbiamo approfittarne subito perché il sole tramonta presto e sono già le 16.00. Ci sono parecchie onde, faccio un piccolo tuffo, l’acqua non è tanto fredda. Dall’altra parte della spiaggia vediamo che i pescatori rientrano e corriamo a vedere: hanno le barche colme di pesce! Cernie, tantissime aragoste e addirittura uno squalo (purtroppo) a cui hanno tagliato il muso e le pinne per rivenderle!!! Domani alla stessa ora andremo a fare delle foto e comprare le aragoste per la cena.

01/08/2008 Le Mante Sveglia alle 7.00 per essere alle 8.00 al diving. L’ingresso in acqua con il gommone è molto meno tragico di quanto si dice in giro. Durante il tragitto verso il Manta Reef c’è un grande passaggio di squali balena! A quanto pare (io non mi sono tuffata per vederli) erano veramente grandi. Arriviamo al punto di immersione e scendiamo. Spettacolo! Mante enormi che passano di fronte a noi volteggiando e mostrandosi in tutta la loro meraviglia! Fanno avanti-indietro intorno al reef dove noi ci posizioniamo per ammirare oltre le mante anche tantissimi altri pesci: cernie giganti, lionfish, murene, scorfani, aragoste! Lo spettacolo purtroppo finisce in 30’ perché il programma prevede anche una seconda immersione. Si risale un pochino contrariati, l’aria permetterebbe di stare almeno altri 20’ e più. Quando risaliamo il freddo si sente parecchio e la voglia di fare una seconda immersione scarseggia, però data la bellezza della prima non si può rinunciare. Il secondo sito si chiama Giant’ s castle e in realtà si rivela abbastanza deludente, inoltre fa un freddo cane! Torniamo al diving e prenotiamo altre due immersioni per la mattina dopo. Andremo in un sito che si chiama Office e in un altro che si chiama Amazon.

Torniamo a casa dove troviamo un fantastico pranzetto preparato da Josè. Il lauto pasto è a base di Matapa, che è una zuppa di verdure varie e cocco che si accompagna con il riso bianco: buonissima. Andiamo in spiaggia, dormicchiamo un pochino e aspettiamo i pescatori che non tardano ad arrivare! La negoziazione per le aragoste è abbastanza dura. Alla fine riusciamo a portare a casa 10 aragoste per un totale di 8 kg circa (mas o meno) alla modica cifra di 1200 metical che sarebbero 30 euro circa!! A questo punto mi tocca cucinare: ci rifiutiamo di farle arrosto! Me la cavo in circa 2 orette tra cuocerle e tagliarle ( cercando di non buttare via niente). La cena si completa con due spaghetti con le arselle, birra Laurentina, pane locale, papaia e ananas…Anche oggi abbiamo mangiato!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Africa
    Diari di viaggio
    the gambia, the smiling coast of africa

    The Gambia, the smiling coast of Africa

    braccia e testa. C'è comunque anche una minoranza cristiana (più che altro anglicana) e diverse chiese.- I locali sono pulitissimi...

    Diari di viaggio
    zambia in autonomia

    Zambia in autonomia

    Mia figlia era in Zambia da un paio di mesi per ricerca e raccolta dati, con la sorella abbiamo deciso di raggiungerla e visitare lo Zambia...

    Diari di viaggio
    kenya bis

    Kenya Bis

    In Kenya c’eravamo già stati nel settembre 2010, ma abbiamo deciso di tornare per far sì che nostro figlio di due anni e mezzo potesse...

    Diari di viaggio
    il mio sudafrica

    Il mio Sudafrica

    Come molti TPC consigliano di fare, suggerisco anch’io di leggere alcuni libri sull’apartheid, su Nelson Mandela (“Lungo Cammino...

    Diari di viaggio
    una meta insolita: gibuti

    Una meta insolita: Gibuti

    Meta sicuramente insolita, ma, per quanto sono appassionata di avventure, disavventure e economia dei paesi emergenti, il Gibuti non poteva...

    Diari di viaggio
    kenya, un paradiso dimenticato

    Kenya, un paradiso dimenticato

    Quando si arriva in Kenya si entra in un universo parallelo. Un mondo silenzioso, pacifico, di naturale bellezza e ricco di sentimenti. Un...

    Diari di viaggio
    uganda e kenya low budget per sei

    Uganda e Kenya low budget per sei

    leggera. Ma il "Villaggio" ti fa rileggere, nel suo finto stile veneziano, il tuo mondo occidentale come se tutta la nostra storia e...

    Diari di viaggio
    emozioni e pensieri dal mio viaggio in marocco in solitaria

    Emozioni e pensieri dal mio viaggio in Marocco in solitaria

    Un po’ intimorita e ansiosa come sempre parto per questo viaggio in solitaria di 10 giorni in Marocco consapevole che appena arrivata a...

    Diari di viaggio
    trekking sul kilimangiaro

    Trekking sul Kilimangiaro

    Domenica 22 Luglio La nostra avventura inizia domenica 22 luglio al Machame Gate (1.800 mt), uno dei diversi punti di accesso al Parco...

    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...