Viaggio di nozze in Australia, un’esperienza perfetta per la luna di miele

un tour organizzato in autonomia alla scoperta delle mete più importanti
Scritto da: maretta-1
viaggio di nozze in australia, un'esperienza perfetta per la luna di miele

Tappa 3 – Adelaide (21-25 dicembre)

Arrivati in perfetto orario all’aeroporto di Alice Springs, consegniamo la macchina e ci imbarchiamo per Adelaide. I voli interni in Australia sono comodissimi, sempre in orario, e non siamo mai stati sottoposti a controlli di sicurezza diversi o più rigidi di quelli standard.

Breve parentesi sulla guida in Australia: non ho trovato complicato guidare a sinistra, bisogna farci un po’ l’abitudine, seguire le altre macchine specialmente nelle rotonde, ma si può fare senza problemi.

Arriviamo ad Adelaide e ci sistemiamo in albergo, poi ci perdiamo un pò nel centro. Adelaide è una città piccola e concentrata, visitabile a piedi in un pomeriggio, piena di ristoranti, bar e giovani australiani. L’ho trovata molto più autentica di Melbourne, con un’atmosfera decisamente più australiana e meno europea. Ad Adelaide abbiamo visitato il Cleveland Wildlife, a pochi km dal centro città (abbiamo usato tantissimo Uber per gli spostamenti fuori dal centro e ci siamo trovati benissimo in termini sia di convenienza economica sia di velocità per raggiungere le destinazioni)  che consiglio perché è un parco naturale immerso nella foresta di eucalipti che vi darà un’idea sulle varie specie di animali che incontrerete durante il vostro viaggio in Australia. Potrete accarezzare i koala e dar da mangiare a centinaia di canguri e wallaby, osservare i dingos, il diavolo della Tasmania e molti altri ancora.

Il terzo giorno ad Adelaide lo dedichiamo a Kangaroo Island che poi è il vero motivo dello stop ad Adelaide. Premetto che solo un giorno a Kangaroo island non è sufficiente, pertanto consiglio di prenotare una notte sull’ isola e dedicarvi due giorni pieni. Noi abbiamo degli amici che vivono ad Adelaide perciò abbiamo viaggiato con la loro auto, in caso contrario è obbligatorio fittare un auto e girarla in autonomia. Ci sono molti tour di uno o due giorni che organizzano visite dell’ isola con partenza da Adelaide ma vanno prenotati con largo anticipo  e comunque girarla con i vostri tempi secondo me non ha paragoni.

Da Adelaide impieghiamo circa due ore per raggiungere Cape Jervis, dove imbarchiamo l’auto (biglietti prenotati giorni prima online) e in 45 minuti siamo a Penneshaw, cittadina portuale a K. I. in cui a dire il vero non c’è niente di interessante a parte un supermercato, dove consiglio di fare rifornimento di acqua e snak, perché lungo la strada non troverete molti punti di ristoro. Non credo di esagerare se affermo che K. I. vale da sola il viaggio in Australia, io ne sono rimasta completamente rapita! È un’isola interamente immersa nella natura selvaggia, solo natura e animali. Mi è sembrato di vivere in un documentario di National Geographic! Avendo solo un giorno a disposizione abbiamo dovuto fare delle scelte rispetto alle cose da visitare, anche perché le distanze tra il porto e le varie attrazioni è abbastanza considerevole. Così abbiamo fatto una breve sosta a Little Sahara (ingresso libero, molto carino per fare qualche foto) dove abbiamo incontrato due meravigliosi canguri e un po’ meno meraviglioso pitone nero enorme. Fate molta attenzione!

Abbiamo poi proseguito per Flinders Chase National Park dove abbiamo pagato un ticket di ingresso per visitare diversi siti del parco naturale tra cui  Remarkable Rocks (vale assolutamente la pena anche perché qui abbiamo potuto osservare i leoni marini) abbiamo poi continuato per il Parco dei koala, Hanson Bay Wildlife Sanctuary (che va prenotato con largo anticipo) e abbiamo fatto una puntatina a Vivonne bay beach (ma nonostante fosse estate, c’era molto vento e faceva fresco). Avremmo voluto vedere anche Seal Bay, dove ci sono i leoni marini, ma non abbiamo fatto in tempo perché chiudeva alle 17. Controllate sempre gli orari di chiusura durante il vostro viaggio in Australia! Chiude tutto molto prima che da noi, basti pensare che alle 20 i camerieri nei ristoranti passano per i tavoli a chiedere le ultime ordinazioni prima che la cucina chiuda!

Tornando a K. I, abbiamo avvistato tantissimi altri animali di cui non conosco neppure il nome (spesso ci hanno attraversato la strada i famosi draghi di komodo), ed è stata un’esperienza incredibile che ci ha lasciato senza parole.

Riprendiamo il traghetto alle 20 e rientriamo ad Adelaide per le 23, questa giornata è stata lunghissima ma indimenticabile.

L’indomani è la vigilia di Natale, decidiamo di comprare qualche regalino in centro per i nostri amici che hanno organizzato una vigilia multietnica con i loro amici australiani (in realtà provenivano da ogni parte del mondo) e di fare un po’ di spesa all’Adelaide Central Market (mercato molto grande, molto fornito, che vi consiglio di considerare per una sosta).

Piccola parentesi sul periodo natalizio: scordatevi l’atmosfera che si respira in Europa! In Australia il Natale è una festa poco sentita, troverete solo di rado qualche addobbo e qualche alberello di Natale non troppo convincente. La Vigilia di Natale i negozi hanno chiuso molto prima del solito e verso le 15 Adelaide era totalmente deserta. Per cui, se sarete in Australia durante i giorni di Natale, pensate bene a come organizzare la vostra giornata.

Ad ogni modo, la sera trascorreremo una delle più divertenti vigilie di natale della nostra vita a cucinare pesce e imburrare tartine con persone provenienti da ogni parte del globo ed a ballare con loro. 

A noi la sosta ad Adelaide è piaciuta parecchio ma credo dipenda soprattutto dal fatto che abbiamo trascorso gran parte del tempo con i nostri amici, in caso contrario sappiate che quattro giorni ad Adelaide sono davvero tanti e rischiate di annoiarvi!

Tappa 4 – Cairns (25 – 29 dicembre)

Il 25 dicembre il nostro viaggio di nozze continua alla volta di Cairns, finalmente si va al mare!

Il pranzo di Natale per fortuna è organizzato gratuitamente dal nostro hotel, naturalmente non si tratta del nostro tradizionale pranzo ma restiamo in piscina a chiacchierare con altri sconosciuti ragazzi provenienti da tutto il mondo. Anche qui comunque, troviamo la città deserta! Cairns è una cittadina molto turistica che affaccia sul mare, che però non è balneabile, infatti prenotiamo un hotel con piscina (anche se al centro della città c’è una piscina pubblica gigantesca che funge da mare).

Guarda la gallery
download



    Commenti

    Lascia un commento

    Adelaide: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari