Viaggio alle isole delle meraviglie con stop over a Singapore

In Indonesia tra città del futuro, draghi, natura esotica e templi
 
Partenza il: 26/05/2018
Ritorno il: 07/06/2018
Viaggiatori: 6
Spesa: 3000 €

Un viaggio, questo in Indonesia, alquanto sofferto nell’organizzazione, considerati i dieci scali aerei da effettuare in tredici giorni e le molte ore di volo e di attesa per le coincidenze. Decidiamo, pertanto, di spezzare il viaggio con uno stop over di tre giorni a Singapore.

Partiamo in sei da Siracusa, per l’aeroporto di Catania, nel pomeriggio del 26 maggio 2018. Ci imbarchiamo prima per Istanbul e, quivi giunti, per Singapore dove arriviamo dopo circa 14 ore di volo complessive. I servizi offerti dalla Turkish airlines, con la quale effettuiamo il viaggio di andata e di ritorno, sono veramente eccellenti: personale cortese, cibo quasi buono, aerei puliti e puntuali, accettabile lo spazio per le gambe. Decidiamo di utilizzare i taxi per andare alla scoperta di Singapore, sia per velocizzare gli spostamenti, sia perché, essendo in sei, ripartendo la spesa, la differenza di costo rispetto ai mezzi pubblici è irrisoria. All’aeroporto di Singapore prendiamo un taxi a sei posti il quale, con 50 $ locali (circa € 31), ci porta all’Hotel Ibis on Bencoolen, da noi prenotato dall’Italia. La scelta dell’Hotel si rivela felice in quanto centrale, pulito, attrezzato di tutto ciò che può servire ad un viaggiatore ed offre una colazione a buffet di tipo internazionale. Unico neo la mancanza della piscina ma, dato il poco tempo a disposizione, non ce ne facciamo un cruccio. La sera, ancora intontiti dal viaggio, facciamo un piccolo blitz nella zona circostante l’albergo e ci rendiamo conto di trovarci nella little India la cui visita approfondita l’iniziamo, di buon’ora, la mattina successiva sotto una leggera pioggerellina (che sarà l’unica per l’intero viaggio).

È lunedì ed i negozi sono chiusi per la gioia di noi uomini ed il dispiacere delle donne. Notiamo subito le case basse del quartiere, colorate di giallo, celeste e verde. La prima visita la dedichiamo al tempio induista di Sri Srinatvase Perumal ove viene venerata la dea Kalì. E’ in corso una cerimonia religiosa ed anche a noi viene unta la fronte dal sacerdote che officia. Il Garupan (la torre) del tempio mostra, con colori vivaci, le diverse incarnazioni di Visnù. Una veloce visita la dedichiamo alla moschea Sultan dalla pregevole cupola dorata. Da subito ci rendiamo conto del perché Singapore è definita il “Regno della Grande Armonia”. Tre etnie, la malese, la cinese (la più numerosa) e la indiana convivono pacificamente conservando ognuna la propria identità culturale e religiosa. L’elemento unificatore delle tre etnie è la ferrea disciplina imposta dal Governo della città-Stato. Disciplina che fa di Singapore una delle città più sicure, più pulite ed ordinate del mondo. Dalla moschea Sultan prendiamo due taxi i quali, per 10 $ ciascuno, ci portano al tempio del Dente del Buddha al centro di Chinatown. Nel tempio viene venerato un dente dell’Illuminato. E’ in corso una strana cerimonia di purificazione: i fedeli versano, con un mestolo, acqua calda su una statuetta di un bambino in ricordo di quando il piccolo Siddartha fu lavato con le acque di 9 draghi. Restiamo stupiti dalla maestosità ed eleganza del tempio, dalle statue del Buddha ricoperte d’oro così come pure dai bassorilievi d’oro che ricoprono l’interno del tempio. Dopo la visita pranziamo all’aperto in uno dei numerosi ristorantini disseminati lungo le strade. Per 10 $ mangiamo noodles, gamberi ed anelli di calamari insaporiti con cipolle.

Dopo un breve riposino in albergo, con due taxi, sempre per 10 $ ciascuno, ci facciamo portare a Marina bay Sands dove si ergono tre grattacieli, denominati le Torri, la cui cima è sormontata da una struttura a forma di tavola da surf. I tre grattacieli, posizionati di fronte alla Marina Bay, ospitano, al loro interno, ristoranti, bar, banche, luccicanti shopping center, sale da gioco. Tutto ciò che può deliziare la moltitudine di turisti ed uomini di affari che qui convergono da tutte le parti del mondo. Usciamo dalla torre n.3 e, scendendo, a sinistra, alcuni gradini, compriamo, per 20 $, i biglietti per accedere a quella che ho definito la tavola da surf. Dalla piattaforma, al 55° piano, oltre ad ammirare tutta Singapore, diamo uno sguardo al famoso albergo con piscina a sfioro dalla quale i clienti si affacciano sulla città. L’accesso al parco antistante le torri, al quale ci avviamo tramite un passaggio aereo che si snoda dal 33° piano fra la 1° e la 2° Torre, è gratuito. Nel parco, oltre a due serre, si possono ammirare i supertree, ovverosia 18 alberi fotovoltaici, costruiti in acciaio e calcestruzzo, i quali accumulano energia elettrica sufficiente ad accendere migliaia di luci colorate. Alle ore 20, iniziano straordinari giochi di luci e musica ai quali assistiamo stupiti ed ammirati. Finito lo spettacolo ci affrettiamo per assistere ai giochi di luce, acqua e suoni, che si tengono nella baia antistante la Torre n.3. La mattina successiva ci facciamo portare da due taxi davanti al Parlamento da dove è possibile arrivare al quartiere che si estende lungo il fiume Singapore. Risaliamo il fiume ammirando i superbi grattacieli diversi l’uno dall’altro ma armonici nell’insieme. Superiamo Orchaird Road, paradiso degli amanti dello shopping, dopo avere ammirato il quartiere coloniale. Concludiamo la serata con lo spettacolo dei supertree visti da una posizione più lontana. Ceniamo, sempre per 10 $, in uno dei tanti ristoranti presenti al piano B della Torre n.3.

Il giorno successivo, mercoledì 30 maggio, lo impegniamo, fino alle ore 15, per raggiungere Yogyakarta, al centro dell’isola di Giava, con due voli della Garuda, per via di uno scalo a Jakarta. Il resto della giornata la passiamo nella piscina dell’Hotel Jogjakarta Plaza. Cerchiamo di recuperare le forze in vista della levataccia che ci attende il giorno successivo, prevista per le ore 2,30, per ammirare il sorgere del sole dal Borobudur, il tempio più famoso dell’Indonesia. Purtroppo il giorno dopo il cielo è coperto da nuvole e il sole si decide ad uscire solo verso le dieci del mattino. Comunque, sin da lontano, Borobudur ci appare in tutto il suo splendore. Una maestosa piramide a scaloni, simile ad una montagna, alta 35 mt. La base è un quadrato di 123 mt per lato con un ingresso per ciascuno dei lati. Una scalinata per lato porta in cima ad un punto centrale (uno stupa vuoto). Le pareti del tempio sono ricoperte da 2672 bassorilievi e 504 statue che narrano la vita del Buddha. La costruzione del Borobudur, dichiarato Patrimonio dell’Umanità, venne realizzata fra l’ VIII ed il IX sec. d.C.. Di sicuro il Borobudur non era un tempio in quanto manca la camera dove praticare le cerimonie. Secondo alcuni l’edificio rappresenterebbe l’universo ed i gradoni il cammino verso la purificazione. In seguito visitiamo i templi buddisti di Pawon e di Mendut situati, come il successivo tempio induista Prambanan, in linea retta con il Borobudur. Concludiamo la mattinata con in il Sultan Palace che è l’attuale sede del sultano e della sua famiglia. La sorveglianza del palazzo è affidata ad uno stuolo di guardie armate di pugnale allocato sulla schiena. All’interno del palazzo c’è un museo che espone oggetti usati dalla famiglia del sultano. L’architettura del palazzo, costruito nel VXIII secolo, è tipicamente giavanese. Il vicino castello dell’acqua si suppone sia stata la piscina della famiglia del sultano.

Guarda la gallery
indonesia-j5xgz

Singapore di notte

indonesia-rfpbw

Volpe volante

indonesia-mzhwh

Volpi volanti

indonesia-f75cw

Aquilotto di mare

indonesia-bd5p1

Komodo: i draghi

indonesia-f1qsv

Rinca, varani

indonesia-n3chc

Prambanan

indonesia-au8bg

Prambanan

indonesia-p8tb5

Borobudur

indonesia-4y71f

Cascata di Munduk

indonesia-5jf3n

Borobudur

indonesia-5aes1

Tempio di Devi Danu

indonesia-2ymfa

Singapore. Panorama dall'alto

indonesia-mh91b

Singapore. Le tre torri

indonesia-rwyqx

Singapore. Tempio del Dente del Buddha

indonesia-x54fg

Singapore. Tempio del Dente del Buddha

indonesia-8ttpm

Tempio di Gunung Kawi

indonesia-h91fu

Batubulan

indonesia-3sa9q

tempio di Taman Ayun

indonesia-aju53

Tempio di Goa Gaiak

indonesia-uuh7p

Batubulan



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bali
    Diari di viaggio
    ubud è il cuore spirituale di bali

    Ubud è il cuore spirituale di Bali

    Chi mi conosce bene sa quanto l'Asia per me sia diventata non solo la mia meta oltreoceano preferita ma anche un vero e proprio stato...

    Diari di viaggio
    sanur: il piccolo villaggio costiero di bali tutto da scoprire

    Sanur: il piccolo villaggio costiero di Bali tutto da scoprire

    Isola degli Dei è questo l'appellativo che Bali si è guadagnata nel tempo per la presenza di un numero elevato di templi, grandi o molto...

    Diari di viaggio
    tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! - bali

    Tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! – Bali

    Il programma di questo viaggio è quello di Bali Secrets Diving, compagnia italiana con sede a Sanur. Abbiamo conosciuto Marco, il...

    Diari di viaggio
    bali, la nostra scoperta

    Bali, la nostra scoperta

    Il nostro viaggio è iniziato un po’ per caso, un invito inaspettato al matrimonio dell’anno. Proprio lì, nell'isola degli Dei. Come...

    Diari di viaggio
    bali e la filosofia del wahaha

    Bali e la filosofia del Wahaha

    Viaggio family per chi cerca una destinazione che non sia solo mare o solo cultura, per chi è attirato dall'Asia, ma ha paura di un...

    Diari di viaggio
    avventure in indonesia: borneo - java - bali - nusa penida - komodo - flores

    Avventure in Indonesia: Borneo – Java – Bali – Nusa Penida – Komodo – Flores

    Un viaggio all'avventura in Indonesia, prendendo tanti mezzi per arrivare dall'est all'ovest di una nazione ricca di cultura e una...

    Diari di viaggio
    dubai, abu dhabi, giava e bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    Dubai, Abu Dhabi, Giava e Bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    5 agosto Arriviamo a Dubai al mattino presto, dopo 6 ore di volo tranquille con Emirates. Dopo una veloce colazione in aeroporto, ci...

    Diari di viaggio
    indonesia: bali, lombok e il parco nazionale di komodo

    Indonesia: Bali, Lombok e il parco nazionale di Komodo

    BALI: Ci siamo stati 6 giorni totali, 4 all'inizio della vacanza, 2 alla fine prima di rientrare in Italia.Abbiamo prenotato un...

    Diari di viaggio
    due settimane in indonesia

    Due settimane in Indonesia

    Premessa: purtroppo causa terremoti abbiamo dovuto modificare in corsa il nostro itinerario, sostituendo la settimana tra Gili Air e...

    Diari di viaggio
    viaggio alle isole delle meraviglie con stop over a singapore

    Viaggio alle isole delle meraviglie con stop over a Singapore

    Un viaggio, questo in Indonesia, alquanto sofferto nell’organizzazione, considerati i dieci scali aerei da effettuare in tredici...

    Video Itinerari