Buon viaggio, Lisbona ti aspetta!

Locali storici, quartieri e atmosfere pittoresche, mercati festosi, baccalà, porto, pastèis de nata: questa è Lisbona
 

Eccomi di nuovo, come tutti gli anni, nello stesso periodo, con gli stessi compagni di viaggio, durante il ponte di San Giovanni, a raccontarvi di un’altra meravigliosa meta. Essendo rimasti entusiasti nel 2019 da Porto, come raccontato in un mio precedente articolo, non poteva mancare un’altra città portoghese, Lisbona, ottima alternativa alle classiche capitali europee.

Per diversificare la mia testimonianza, descriverò semplicemente i luoghi e le emozioni che ogni sito ci ha trasmesso, senza entrare nel dettaglio di ogni istante del nostro viaggio.

Primo, ma assolutamente necessario, l’acquisto della card Viva Viagem, che ci ha consentito di muoverci in libertà con ogni mezzo pubblico, metro, autobus e tram.

Questa volta ho deciso di soggiornare in un appartamento, anziché in un bed and breakfast e/o hotel, bellissimo, in ottima posizione. Peccato per il rione fatiscente in cui era situato: rue do Benformosos. A nostra disposizione ogni tipo di mezzo per giungere nei luoghi desiderati.

Il primo desiderio da esaudire appena arrivati e affascinati da subito dal quartiere più centrale, Baixa, la Pastel de Bacalhau e un bicchiere di Porto take away, servito su una tavolozza di legno, in memoria di Porto (prima e non l’ultima durante i successivi giorni). Ne vale assolutamente la pena, anche se non sono del tutto economiche… il nostro palato ringrazia.

Baixa è un’area situata nel quartiere di Santa Maria Maior, il cuore vibrante della città. Qui si respira un’atmosfera incredibilmente accogliente, e noi turisti ci sentiamo ben inseriti con le persone del posto calorose e amichevoli; siamo avvolti in ogni momento da suoni e colori e soprattutto sapori. Mentre ci si perde nella via dello shopping, passando un maestoso Arco da Rua Augusta, si arriva a Praça do Comércio, la splendida piazza affacciata sul Tago. È uno dei luoghi più simbolici e vivi dell’intera città, contornata da molteplici locali, dove abbiamo passeggiato spensieratamente in mezzo a moltissima gente e ad anche qualche spacciatore che “importunava” mio marito per vendere, senza troppa insistenza, la propria mercanzia. Si può definire il punto finale della località, in quanto di fronte ai nostri occhi si mirano imbarchi turistici, navi da crociera e una prospettiva del castello di Sao Jorge fino al ponte sul Tago.

Avendo camminato per moltissimo tempo, sull’infinita passeggiata che costeggia le acque, inciampo in un bagarino stile Giamaica, che preparava piña colada al momento, in un freschissimo ananas. Soddisfatta, e leggermente alticcia, come non approfittare di una bellissima giornata di sole per fare una mini crociera, Blue Cruises, su questo immenso fiume che la tanta sua larghezza da parer un mare già dalle sue sponde. Evitiamo così lo stress dei tour a piedi, ci rilassiamo assaporando un cocktail compreso a bordo, ammirando i monumenti da lontano. Unica, ma grande pecca, 2 ore di navigazione senza una sorta di guida che ci nominava ciò che avevamo davanti ai nostri occhi, dobbiamo dire grazie a nostro figlio tecnologico che ci ha fatto scoprire Google Lens. Come mi ha detto lui, vedi a voler risparmiare?

In vari momenti del nostro weekend tentiamo di prendere l’Elevador de Santa Justa, una vera e propria creazione stravagante, realizzata da un allievo di Eiffel, che unisce direttamente due diverse vie. Non appena si posa lo sguardo sulla bellissima struttura verticale in ferro, veniamo scioccati dalla fila improponibile per salirci. Non era destino prendere questo ascensore! Arriviamo dunque a piedi in cima alla Igreja do Carmo. Ci consoliamo con una, anzi più varietà delle deliziose Pasteis de Nata, in quanto siamo sempre e ovunque circondati da pasticceria dalle vetrine assai “attraenti”.

Avevo letto su qualche articolo che Lisbona non è una meta per snob, per i pochi ristoranti stellati, e troppo baccalà, alcuni inoltre arrivano anche a dire che è la città europea dove si mangia peggio. Dal mio punto di vista e non solo, è un’affermazione infondata, in quanto tutt’altro che monotona, potendo scegliere un gran numero di ristoranti di livello, trattorie e bar, dove noi abbiamo sempre mangiato in modo discreto e anche molto di più; forse ci siamo sempre fatti attrarre dalle piccole osterie a conduzione familiare, dove per pochi euro abbiamo sempre mangiato una rispettabile cucina casalinga.

Solo una sera ho voluto cedere alla tentazione di voler mangiare un hamburger; come non farci mancare la tappa presso l’Hard Rock. Sono proprio recidiva, in quanto mi ero già trovata male a quello di Londra, ma almeno avevo visitato il museo adiacente, qui nulla di buono, nemmeno il locale. Mea Culpa! Mi sento sempre di dire perciò, Bacalhau o melhor!

Consiglio, prima di cena, di assaporare il tradizionale liquore portoghese, la Ginja. Molto dolce e aromatico fatto con l’infusione di ciliegie o amarene in alcool, da bere alla goccia in piedi. Rapido, indolore e buonissimo (per me non troppo indolore). Lo abbiamo piacevolmente scoperto, avendo visto una coda immensa fuoriuscire da un piccolissimo tipico locale, e un appiccicaticcio pazzesco sotto i piedi.

Felice come una bambina, prendo il mio primo tram 28 di questa vacanza, per giungere al Castello de Sao Jorge, ammirando stradine suggestive tutte in salita, i nostri piedi e la schiena, ringraziano. Concordo con varie affermazioni, che queste rovine non sono una meta essenziale, in quanto il castello non offre nulla di particolare, se non una vista panoramica mozzafiato, che scorgi camminando lungo le mura. Pavoni sugli alberi, attenzione!

Usciti da questo sito, pausa caffè per noi con Travesseiros de Sintra, quel gusto mandorla che mi fa vedere le stelle, e mio figlio, faccio notare l’orario 10.30, una bella palla di baccalà, per fortuna senza il bicchierino di vino!

Riusciamo con qualche piccola difficoltà ad imbroccare la strada giusta, all’anima tradizionale di Lisbona, il quartiere antico e colorato di Alfama. È davvero uno dei luoghi più caratteristici e autentici, proprio per i suoi vicoli stretti, case addossate l’una all’altra. La settimana antecedente al nostro arrivo, era la festa di San Antonio, e quindi il quartiere si è messo in ghingheri, con festoni ovunque, con grandi e piccoli banchetti allestiti fuori dagli uscii. Sembra di essere alle nostre tipiche sagre dei periodi estivi; peccato che essendoci recati al mattino, non abbiamo assaporato l’aria di festa, come ci era successo a San Giovanni a Porto. Un quartiere fantasma, fatto di soli anziani seduti sulle soglie di casa (stile Italia meridionale), loro probabilmente non avevano da smaltire la sbornia della sera precedente.

Guarda la gallery
20220625_102520

arco

bario_alto

che_vista

elevador

in_navigazione

lungo_tago

miradouro

o_de_s_jorge

pasteis_de_nata

pastel_de_bacalao

pausa_caff_

ponte_25_de_abril

praca_do_comercio

selfie_belem

sul_tram



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Lisbona
    Diari di viaggio
    buon viaggio, lisbona ti aspetta!

    Buon viaggio, Lisbona ti aspetta!

    Eccomi di nuovo, come tutti gli anni, nello stesso periodo, con gli stessi compagni di viaggio, durante il ponte di San Giovanni, a...

    Diari di viaggio
    lisbona, obrigado!

    Lisbona, Obrigado!

    Dopo due anni di stop "forzato" a causa della situazione pandemica che tutti ben conosciamo, finalmente cogliamo l'occasione del mio...

    Diari di viaggio
    un giorno a lisbona

    Un giorno a Lisbona

    Oggi vi porto a Lisbona, la capitale e la città più popolosa del Portogallo. Un giorno a Lisbona è un po’ riduttivo perchè è una...

    Diari di viaggio
    portogallo on the road in 15 giorni

    Portogallo on the road in 15 giorni

    Visto il momento storico particolare che stiamo vivendo, siamo stati indecisi fino all’ultimo se partire oppure no per questo viaggio in...

    Diari di viaggio
    itinerario di 5 giorni: buon viaggio. lisbona ti aspetta.

    Itinerario di 5 giorni: “Buon viaggio. Lisbona ti aspetta.”

    Quando si dice… la vita è quello che ti accade mentre sei programmato a fare altro... è questo il caso. Scelgo un itinerario di cinque...

    Diari di viaggio
    portogallo: l'algarve e lisbona

    Portogallo: l’Algarve e Lisbona

    Partenza: Milano Malpensa - Faro, Lunedì 3 Agosto 2020, ore 06:00 Ritorno: Lisbona - Milano Malpensa, Martedì 11 Agosto 2020, ore...

    Diari di viaggio
    obrigado portogallo!

    Obrigado Portogallo!

    Quest’anno, purtroppo, con la pandemia di Covid 19 abbiamo dovuto rivedere i nostri piani e le nostre vite. Avevamo un volo prenotato...

    Diari di viaggio
    fino al punto più ad ovest d’europa

    Fino al punto più ad ovest d’Europa

    Era da 2 anni che ogni mese controllavo il prezzo dei voli per il Portogallo, ma erano sempre troppo elevati per le mie tasche. Si parlava...

    Diari di viaggio
    weekend a lisbona: 2 giorni in città

    Weekend a Lisbona: 2 giorni in città

    Volo economico (Ryan Air) Ciampino – Lisbona AR a 60,00 euro, acquistato ad agosto, ed una sistemazione centralissima in appartamento a...

    Diari di viaggio
    maraton...ando per lisbona

    Maraton…ando per Lisbona

    Martedì 02 Luglio 2019 - Totale a piedi 8,9 km Atterrati all'aeroporto di Lisbona, abbiamo preso un taxi per arrivare all'appartamento...

    Video Itinerari