USA Rocks! 3 settimane fai da te in coast to coast

Il nostro viaggio fai da te negli USA è a due, io e il mio fidanzato (26 e 27 anni) con obiettivo: vedere il più possibile riuscendo a stare all'interno di un budget NON illimitato. Partenza 25 luglio 09 rientro 17 agosto 09. Itinerario New York Philadelphia Washington DC S. Francisco Monterey Los Angeles Phoenix Gran Canyon ( Tuba...
 
Partenza il: 25/07/2009
Ritorno il: 17/08/2009
Viaggiatori: in coppia

Il nostro viaggio fai da te negli USA è a due, io e il mio fidanzato (26 e 27 anni) con obiettivo: vedere il più possibile riuscendo a stare all’interno di un budget NON illimitato.

Partenza 25 luglio 09 rientro 17 agosto 09.

Itinerario New York Philadelphia Washington DC S. Francisco Monterey Los Angeles Phoenix Gran Canyon ( Tuba city) Monument Valley Page Bryce Canyon- Zion Park Las Vegas New York Siamo partiti prenotando solo il volo di A/R per New York e le prime notti nella grande mela oltre ai due voli interni. Tutto il resto lo abbiamo prenotato man mano online. (Scelta ottima).

Il Visto lo abbiamo fatto qualche settimana prima tramite il sito dell’esta e l’assicurazione medica l’abbiamo fatta tramite il nostro assicuratore che ci ha proposto una polizza con filodiretto. Il volo a/r con scalo ad Amsterdam l’abbiamo prenotato intorno a metà giugno tramite edreams pagando 1392 Euro per due persone. Se avessimo prenotato la settimana precedente avremmo risparmiato 180 euro a testa. Con Klm abbiamo volato benissimo, i voli sono sempre stati puntualissimi, anche se al ritorno siamo partiti con più di un’ora e mezzo di ritardo l’aereo ha recuperato lo scarto in volo facendoci atterrare puntualissimi per le coincidenze. 25 Luglio NEW YORK Partenza da Malpensa in perfetto orario, scalo ad Amsterdam dove bisogna fare un check in ai terminali e partenza per New York per un volo di 8 orette senza il minimo disagio.

Arrivati in aeroporto a Newark abbiamo fatto il controllo passaporti, impronte e foto in pochissimi minuti. Eravamo preoccupati di incontrare enormi code, come molti di voi hanno scritto nei racconti, ma invece siamo stati fortunati.

Usciti dall’aeroporto decidiamo di andare in città in taxi, eravamo abbastanza provati dalle ore di volo e soprattutto dalla levataccia del mattino. Prendiamo il taxi che per 65 $ ci porterà a destinazione. Questi soldi per il taxi sinceramente li ho considerati troppi, ma tra le valigie e la stanchezza abbiamo deciso così. In meno di un’ora arriviamo nel cuore della big apple, e io già sono partita tra i miei entusiasmi. Arriviamo in albergo, il Grand Union Hotel ( 34 E 32nd St) e scopriamo essere a pochi passi dall’Empire S.B.

La stanza è abbastanza piccola, ma ha il bagno privato, cosa rara per NY, soprattutto se parliamo di prezzi onesti. L’albergo lo abbiamo trovato tramite edreams che proponeva 4 notti al prezzo di 3 per un totale di 342,88 Euro ( occhio alla valuta, alle voltde riporterò i prezzi in euro e alle volte in dollari). La zona dell’albergo è l’ideale. A 30 metri dalla fermata della metro e a due isolati dall’Empire, quindi in centrissimo. Lasciati i bagagli in albergo e dopo una doccia rigenerante ci fiondiamo a curiosare nei dintorni dell’albergo. Decidiamo che per oggi saremmo rimasti tranquilli senza farci lunghe maratone per la città, dopotutto il fuso si sente e per noi è già sera. Ci incamminiamo dunque nelle vie proseguendo a caso, e ci troviamo dopo un quarto d’ora ( forse meno ) di cammino con il naso all’insù al Madison Square Park. In giro c’è molta gente, è sabato. Il parco è piccolo ma pieno di ragazzi e gente sdraiata che prende il sole. Decidiamo di fermarci anche noi ad assaporare un po’ di vita newyorkese. Pochi passi e scorgiamo il Flatiron Building, il famoso ferro da stiro. Le foto iniziano a sprecarsi. Giriamo ancora un po’ nei dintorni, troviamo mercatini e bancarelle. Il clima è davvero rilassato. Dopo qualche ora torniamo in albergo e ci prepariamo per mangiucchiare qualcosina. Rientreremo presto ( ma per il nostro fuso…È tardissimo ) e crolliamo a dormire.

26 Luglio NY: Harlem e Central Park e 5th Avenue Oggi è domenica e abbiamo in programma di andare ad Harlem per assistere alla messa gospel. Obiettivo: Abissynian Baptist Church. Il suggerimento per questo evento lo abbiamo trovato su un racconto di viaggio in questo sito che abbiamo utilizzato di più. Di buon’ora siamo già in piedi. Il primo impatto con la rete metropolitana di NY è disarmante. Ci sono un sacco di linee uptown downtown e capire diventa sempre più difficile poiché il clima è soffocante. Nella banchine tira un aria caldissima, ci saranno 40 / 50 gradi senza esagerare…E poi nei treni l’aria condizionata è alle stelle. Una cosa da pazzi. I newyorkesi se ne stanno lì sulla banchina in giacca e cravatta mentre tu stai per svenire e poi altrettanto impassibili in metro mentre tu batti i denti dal freddo. Per giungere ad Harlem sbagliamo metro e finiamo nel Bronx dove vaghiamo a piedi un po’ preoccupati e divertiti al tempo stesso fino alla fermata della metro più vicina che andasse verso Harlem. Comunque, arrivati alla chiesa ci rendiamo subito conto che sarebbe stato molto più furbo prenotare i posti da casa. La coda è chilometrica, inoltre il signore all’entrata ci dice molto francamente che con i pantaloni corti non saremmo potuti entrare. In coda c’era gente in gonna e infradito, probabilmente avranno voluto tentare ugualmente. In ogni caso non ce la siamo sentita di affrontare tutta quella coda non sapendo nemmeno se saremmo entrati. Abbiamo abbandonato nostro malgrado l’idea dello spettacolo gospel e ci siamo diretti verso Central Park. La scelta è stata azzeccatissima. E’ stata la nostra giornata più bella nella grande mela. Arrivati nel parco immenso abbiamo visto che era in corso una gara, una maratona. C’era tantissima gente a tifare e ci siamo messi anche noi tra gli spettatori a urlare parole di supporto ai corridori stanchi che passavano. Nel frattempo il cielo si è aperto regalandoci una giornata di sole stupenda. Abbiamo deciso di affittare due biciclette e girarci il parco così. E’ assolutamente una scelta ottimale, il parco è enorme e a piedi non si riesce di certo a vedere tutto, e nemmeno in bici se è per questo, ma è comunque piacevole girare su delle cruiser meravigliose tra le strade del parco, fermarsi a guardare un po’ una partita di baseball, mangiarsi un hot dog, farsi le salite e le discese. Il parco è meraviglioso. Immenso, con scorci di natura molto suggestivi da cui spuntano all’orizzonte impetuosi i grattacieli. E’ pomeriggio inoltrato, decidiamo di uscire dal parco e dirigerci verso la 5th Avenue, gironzoliamo un po’ al negozio della Apple e tra i negozi della famosa via newyorkese. In realtà ben presto ci accorgiamo di stare percorrendo tutta la Avenue a piedi..E arriviamo fino al nostro albergo. Siamo stanchi, quindi è proprio l’ora della doccia. La sera giriamo nei dintorni dell’albergo. E saliamo in camera abbastanza presto ancora un po’ provati dal jet lag.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bryce Canyon
    Diari di viaggio
    u.s.a. in viaggio con mamma: 3 settimane, 7 stati, 20 parchi nazionali

    U.S.A. In viaggio con mamma: 3 settimane, 7 Stati, 20 parchi nazionali

    Il mio terzo viaggio negli U.S.A. lo faccio insieme a mia mamma. Una coppia di viaggiatori abbastanza agli opposti quindi abbastanza...

    Diari di viaggio
    usa coast to coast

    USA coast to coast

    DIARIO DI VIAGGIO USA - AGOSTO 2018 Abbiamo fatto un tour on the road in USA, partendo da LA, California, siamo passati per i parchi ed...

    Diari di viaggio
    alla conquista del southwest americano

    Alla conquista del Southwest americano

    Bella la piscina con i giochi d'acqua X i bambini, il coupon x i giochi viene 19$ i bambini e 34$ gli adultiNew York: Marriot 5th...

    Diari di viaggio
    utah e arizona, nel mondo di pietra dei grandi parchi del sud-ovest

    Utah e Arizona, nel mondo di pietra dei grandi parchi del Sud-Ovest

    Monument Valley.Note sul clima: potendo scegliere credo che il periodo compreso tra metà aprile e metà maggio offra le migliori...

    Diari di viaggio
    viaggio nel mito

    Viaggio nel mito

    Monica. Foto sul molo, End of the trail e passeggiata di mezz'oretta fino a Venice. Qui si respira (in tutti i sensi)una certa atmosfera...

    Diari di viaggio
    usa e hawaii: lo spettacolo della natura

    Usa e Hawaii: lo spettacolo della natura

    Organizzare un viaggio così lungo e pieno di tappe in un mese è stato molto arduo ma con un po' di pazienza e tante serate di fronte al...

    Diari di viaggio
    alla scoperta della california

    Alla scoperta della California

    E dopo vari mesi eccomi qui a raccontarvi il nostro meraviglioso viaggio negli USA che abbiamo fatto dal 15 luglio a 1 agosto 2016. Le...

    Diari di viaggio
    viaggio nel far west americano

    Viaggio nel Far West americano

    Viaggio nel Far West americanoProtagonisti Due coppie “rodate” nei viaggi itineranti: Marilena e Andrea, Mariella e...

    Diari di viaggio
    tour della west coast e dei grandi parchi americani

    Tour della West Coast e dei grandi parchi americani

    I viaggi dei Barto: Tour della West Coast e dei grandi parchi americani 1° GIORNO (VENERDì 22 LUGLIO 2016) Dopo mesi di minuziosi...

    Diari di viaggio
    west coast e grandi parchi usa on the road

    West Coast e grandi parchi Usa on the road

    Domenica 24 Aprile 2016 Ci attende una lunga giornata, il viaggio Cagliari-Zurigo-Monaco-San Francisco inizia alle 9 del mattino e...