USA: l’ovest in camper

Viaggio di nozze, itinerari e prenotazioni organizzate tramite internet. Parola d'ordine: non incazzarsi, qualsiasi cosa succeda. 5 agosto: sveglia alle 04.00 per arrivare in aeroporto almeno due ore prima della partenza, volo Venezia/Los Angeles con breve scalo a Francoforte, compagnia scelta Air India. Naturalmente ci spostano l'ora della...
 
Partenza il: 05/08/2006
Ritorno il: 28/08/2006
Viaggiatori: in coppia

Viaggio di nozze, itinerari e prenotazioni organizzate tramite internet. Parola d’ordine: non incazzarsi, qualsiasi cosa succeda.

5 agosto: sveglia alle 04.00 per arrivare in aeroporto almeno due ore prima della partenza, volo Venezia/Los Angeles con breve scalo a Francoforte, compagnia scelta Air India. Naturalmente ci spostano l’ora della partenza di circa 3 ore, non tenendo conto della nostra inutile levataccia, poco male, anche se il mio neo marito è nervoso, gli ricordo dello spirito di adattamento che ho letto da qualche parte prima di partire e nè approfittiamo per fare un’abbondante colazione. arrivati a francoforte ci informano che sono in over booking, ovvero piu prenotazioni del previsto, tra tedesco inglese e italiano abbiamo capito che possiamo anche rischiare di non partire, dopo un pò ci informano che ci hanno assegnato dein posti separati, a quel punto è stato mio marito a ricordarmi dello spirtito d’adattamento (che ancora oggi ringrazio) ed abbiamo, naturalmente, accettato. Per fortuna accanto a me è capitata una dolcissima ragazzina indiana che, viaggiando da sola, ha ceduto volentieri il suo posto a Raffaele. L’aereo è più sporco degli standard a cui siamo abituati e non ha i comfort delle grosse compagnie, in compenso le hostess sono bellissime con i loro abiti tradizionali, i bambini hanno degli occhi grandissimi e dei sorrisi dolcissimi, probabilmente in quest’aereo non c’era che un assaggio insignificante di quello che è l’india, ma ci ha fatto venir voglia di visitarla alla prima occasione. Naturalmente non sono mancati brevi episodi di cui vergognarsi, soprattutto lamentele e scene d’insofferenza eccessiva da parte degli italiani che abbiano incrociato nell’attesa del volo. Sempre a fare continui riferimenti con quello che c’è in italia, di come “i diversi” vivono diversamente da noi ecc. Un dialogo in particolare mi ha sfavorevolmente colpito, una coppia: lui particolarmente lamentoso, lei “sempre che ti lamenti della puzza e della confusione, sempre meglio che essere in un aereo pieno di napoletani e siciliani”. Lasciato questo spirito negativo e provinciale alle nostre spalle, il volo è stato piacevole e puntuale. Arrivo a Lax alle 16.30 (ora locale) trasf in taxi all’hotel e siamo crollati sul letto. Sapendo che los angeles è enorme e che i taxi non costano poco, abbiamo scelto il Confort inn, un hotel di cat. Media tra l’aeroporto e la spiaggia di manhattan beach, il modo migliore per vedere los angeles è sicuramente con l’auto, i bus percorrono solo alcune zone e tra una zona e l’altra si cambia spesso linea, e la metro non esiste. Noi dovendo prendere il camper dopo un giorno ci siamo arrangiati in taxi (costosissimo) e abbiamo visto un puntino di los angeles, fortuna eravamo “vicini” alla spiaggia, manhattan beach si avvicina tantissimo al sogno californiano, surfisti, beach volley, musica ad alto volume, birre, tette rifatte, ragazzi muscolosi alti e biondi con sorrisi meravigliosi, pattinaggio sul lungo mare ecc. Tutto come nei vari telefilm americani. Divertente se ti piace il genere, per noi non più di un giorno, solo per la curiosità di conoscere qualche molto tipico ragazzo americano, e per pattinare sul lungo mare uniformandoci alla massa. 6 agosto abbiamon visitato santa monica (taxi 50 $), ricca di negozi, ristoranti, e caffè, innumerevoli gli artisti da strada, che io adoro. Ci fermiamo a mangiare da barney’s e prendiamo due piatti a caso, dato che l’inglese culinario non lo capiamo bene, dopo 5 minuti sono arrivati due vassoi (1 a testa) con milioni di patate fritte pancetta, pane fritto nel burro, salse varie, doppio hamburger, ecc. Dopo mezzo vassoio siamo usciti a smaltire, tempo 10 minuti e mi sono venuti i crampi allo stomaco, quindi vanno all’aria i piani di tintarella in spiaggia e passeggiata con pattini. le spiagge comunque sono bellissime, immense, miglia di costa sabbiosa, e in alcune non trovi un angolo libero, altre sono quasi deserte. In serata siamo crollati, senza cena.

7 agosto oggi ritiriamo il camper, dobbiano arrivare a santa fe Spring (la sede per il ritiro) e ci tocca riprendere il taxi (70 dollar) il camper lo teniamo fino al 25 agosto. Siamo emozionati ed impauriti, non siamo mai stati in caper da soli e non sappiamo neanche le cose base, tipo svuotare il wc, inoltre i camper americani sono enormi e hanno il cambio automatico, fortunatamente l’azienda di noleggio “EL MONTE RV” ci fa vedere un filmato in italiano con tutte le cose da fare e non fare e istruzioni per l’uso e la guida. In fine erano paure infondate, sono cose elementari che possono impressionare la prima volta. Inoltre ci consigliano alcuni itinerari da non perdere e ci danno una guida dei campeggi che ci sarà molto utile. Quindi dopo lo stress iniziale ci adattiamo bene, il navigatore è utile solo nelle grandi città, in quanto le stradine fuori non sono tutte indicate, inoltre i campeggi sono indicati anche sull’autostrada con relativa uscita. Non ho mai visto un paese così organizzato per i camper, potevamo prenotare un campeggio se l’arrivo era previsto dopo le otto di sera e trovare sul posto un foglietto con i nostri nomi e piazzola da occupare. Oppure andarci direttamente senza prenotare, abbiamo sempre trovato posto, anche a las vegas ed a ferragosto. Ed abbiamo trovato campeggi anche in paesini sperduti, in ogni caso si poteva dormire anche nelle rest area delle autostrade, attrazzate con servizi ed alcune con area ecologica per svuotare le acque nere e chiare, solo che sono senza elettricità e bisogna usare la batteria del camper che dura un bel pò e si ricarica mettendo in moto. Forti di queste informazioni ci siamo rilassati completamente ed abbiamo cestinato il nostro itinerario, decidendo vivire il posto senza programmi e prenotazioni. È sta per questo una delle vacanze piu belle della mia vita.

la prima sera ci siamo fermati, appunto, in una rest area, unica differenza con una italiana, è il paesaggio desertico ed un cartello dove c’è scritto “ATTENZIONE RETTILI NELLA ZONA BAGNO” infatti abbiamo deciso di utilizzare il bagno del nostro camper.

8 agosto, appena svegli subito verso Williams e GRAN CANYON, arriviamo al campeggio di williams alle 12.00, al visitor center ci informiamo sui vari tour, per decidere se visitare il canyon da soli o accompagnati, troviamo un tour bellissimo, lungo con tanto di percorso di trekking e lunch ( 200 $ per due persone) andando da soli avremmo speso di meno, ma un po per stanchezza, un po per inesperienza e per la particolarità del tour ci siamo lasciati convincere. Naturalmente salta il piano iniziale di vedere il canyon nel pomeriggio e poi il giorno dopo subito monument valley, in quanto il tour era previsto il giorno dopo. Quindi pomeriggio andiamo a visitare Williams. Che colpo di fortuna, è una cittadina incredibile, ci ha incantati, tipica americana da film, sulla route 66, con tante strutture e arredi d’epoca, con i ragazzi fighettini del posto vestiti da cawboy che attraevano le ragazzine masticando tabacco e sputandolo per terra. Siamo stati in un bar a mangiare, che originariamente era un bordello al piano superiore, e saloon a quello inferiore, la simpatica proprietaria fa lei i dolci (buonissimi).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Las Vegas
    Diari di viaggio
    viaggio negli stati uniti: louisiana, grandi parchi e hawaii

    Viaggio negli Stati Uniti: Louisiana, Grandi Parchi e Hawaii

    Mi riconoscete? Sono proprio io, a 18 anni, durante il mio primo viaggio negli Stati Uniti, il mio primo vero viaggio. Un viaggio che per...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze on the road: california, nevada, utah, arizona da scoprire!

    Viaggio di nozze on the road: California, Nevada, Utah, Arizona da scoprire!

    (200 km)Monument Valley – Grand Canyon (280 km)Grand Canyon – Sedona (175 km)Sedona – Kingman (280 km)Kingman...

    Diari di viaggio
    da san francisco a los angeles, attraverso i grandi parchi dell'ovest

    Da San Francisco a Los Angeles, attraverso i grandi parchi dell’ovest

    DA CONEGLIANO A SAN FRANCISCO VENERDI 20/4/2019  Sveglia alle 5 del mattino, con un po' di difficoltà per aver dormito poco; alle 5:30...

    Diari di viaggio
    u.s.a. in viaggio con mamma: 3 settimane, 7 stati, 20 parchi nazionali

    U.S.A. In viaggio con mamma: 3 settimane, 7 Stati, 20 parchi nazionali

    Il mio terzo viaggio negli U.S.A. lo faccio insieme a mia mamma. Una coppia di viaggiatori abbastanza agli opposti quindi abbastanza...

    Diari di viaggio
    usa coast to coast: nyc-la

    USA coast to coast: NYC-LA

    L’esperienza americana nel sud est asiatico, leggasi, la guerra del Vietnam o la american war come la definiscono i Vietnamiti, è la mia...

    Diari di viaggio
    stati uniti: i parchi dell'ovest

    Stati Uniti: i parchi dell’Ovest

    Pronti, via! Venerdì 11 agosto il nostro volo Norwegian (circa 900 euro a persona, volo ottimo) ci porta prima a Copenaghen per poi...

    Diari di viaggio
    una famiglia globetrotter alla scoperta della west coast

    Una famiglia globetrotter alla scoperta della West Coast

    Eccomi qui a raccontare uno di quei viaggi che difficilmente avrei pensato di fare, soprattutto con Gabriele (5 anni) e Giulio (9 mesi)....

    Diari di viaggio
    usa coast to coast

    USA coast to coast

    DIARIO DI VIAGGIO USA - AGOSTO 2018 Abbiamo fatto un tour on the road in USA, partendo da LA, California, siamo passati per i parchi ed...

    Diari di viaggio
    california on the road con bambini al seguito di prima parte

    California on the road con bambini al seguito di prima parte

    il meraviglioso spettacolo di fontane del Bellagio e via a dormire in una delle camere più belle mai viste prima!Termino la prima...

    Diari di viaggio
    california e parchi della west coast

    California e parchi della West Coast

    Erano anni che rimandavamo ma, finalmente, quest’anno siamo andati negli States!Siamo molto soddisfatti dal nostro viaggio e...