Urbino e le Marche

Metti la primavera che avanza, le giornate lunghe e sempre più calde, mettici anche un lungo week-end pasquale all’orizzonte e due amici che da tempo ti ripetono “dove si va a Pasqua” e l’epilogo è scontato: bisogna trovare una meta che soddisfi tutti! Dopo aver scartato i viaggi a lunga gittata, costosetti in quel periodo, la proposta...
 
Partenza il: 06/04/2007
Ritorno il: 09/04/2007
Viaggiatori: in gruppo
Spesa: 1000 €

Metti la primavera che avanza, le giornate lunghe e sempre più calde, mettici anche un lungo week-end pasquale all’orizzonte e due amici che da tempo ti ripetono “dove si va a Pasqua” e l’epilogo è scontato: bisogna trovare una meta che soddisfi tutti! Dopo aver scartato i viaggi a lunga gittata, costosetti in quel periodo, la proposta delle Marche e di Urbino trova subito entusiasti consensi ( basta partire, staccare la spina, liberare la mente…). Così, la sera del venerdì santo, alle 18.30, si accendono i motori della Rav4 e della GolfPlus: puntiamo la prua a Sud e ci prepariamo a divorare i 340 Km che ci separano dalla meta, l’Agriturismo “dei Duchi” alla periferia di Urbino. Il viaggio è tranquillo, il traffico scarso in A13 aumenta un po’ nei pressi di Bologna per tornare scorrevole in A14. Dopo una pausa in Autogrill in vista di Pesaro accendiamo in navigatori, giusto per non sbagliare casello e per rintracciare subito quella che sarà la nostra dimora per i prossimi tre giorni: tutto facile e alle 10.15 siamo già parcheggiati davanti alla bellissima struttura agrituristica, in una posizione collinare incantevole (almeno sembra, perché l’inquinamento luminoso veramente minimo rende le tenebre molto fitte). Ho però dimenticato di presentare i compari d’avventura: Andrea, Flavia, Filippo, Michele, Cristina, Nicola, Claudio, Stella e Riccardo, tre famiglie con figli quindicenni sbuffanti, annoiati e affamati al seguito forzato, anche se per via di appetito gli adulti non sono stati certo da meno! La prima sera, dopo quasi 4 ore di viaggio siamo stanchi, tutti a dormire: e invece no! L’ “anziano” del gruppo, inaspettatamente, invita ad un assaggio notturno di Urbino, proposta subito accolta, e allora via, 5 chilometri e siamo immersi in un’atmosfera quasi irreale, viuzze strette e piazze larghe lastricate, pendenze da fiatone, sporadici i passanti sembriamo i padroni della città, anche i locali sono quasi tutti chiusi (celebrazioni della settimana santa?). Un’oretta più tardi, finalmente decidiamo di deporre le stanche membra e nel silenzio assoluto della collina marchigiana ricarichiamo le energie. La mattina successiva annuncia una splendida giornata di sole, calda e limpida, i colli coltivati a vite, frumento e ravizzone, danno spettacolo con gradevoli contrasti di colore. Celebriamo subito il rito della colazione, lenta, abbondante; il programma prevede per il sabato uno spostamento a Macerata e a Recanati. La prima meta si rivela non propriamente entusiasmante: visitiamo lo Sferisterio ( ma per chi conosce l’Arena di Verona…) e poi saliamo alla piazza principale e al Duomo ma, complici l’ora del mezzodì avanzato e l’inarrestabile richiamo delle delizie gastronomiche che comincia ad affiorare e che costituirà l’asse portante di tutto il viaggio, ci tuffiamo nella trattoria “dei fiori” dove apprezziamo dei primi molto curati e ben annaffiati.

Nel pomeriggio si va a Recanati, il borgo è bellissimo e neanche tanto piccolo, da ogni muro, da ogni via, da ogni palazzo trasuda lo spirito di Giacomo Leopardi ed è spontaneo anche per chi, come me, non lo legge da decenni, emozionarsi davanti alla casa di Silvia o sotto la torre antica o ancora sull’ermo colle, vicino alla siepe.

La visita alla casa natale e alla biblioteca è davvero coinvolgente: passare a pochi centimetri dai suoi libri, dalla sua scrivania, potere quasi toccare il calamaio con il quale scrisse molte sue opere, poter immedesimarsi in Leopardi che dalla finestra vede Silvia … Recanati merita veramente una visita! Per il nostro gruppo è ormai ora di rientrare alla base di Urbino, poco più di un’ora di autostrada, una doccia veloce e siamo di nuovo a tavola: abbiamo scelto di cenare nella locanda dell’agriturismo che ci ospita: pizze e coca cola per i ragazzi, grigliata mista patate e vino per i grandi, dolce per tutti.

Il giorno dopo è Pasqua, auguri di rito, colazione (crescia e uova sode benedette oltre alle solite cose) poi subito a Urbino perché alle 11 c’è la visita guidata al Palazzo Ducale. Il tempo di andare a messa per qualcuno (pochi) o di prendere un altro caffè in Piazza Duca Federico poi due ore di full immersion tra le stanze del Duca di Montefeltro, celebre anche per essere sempre raffigurato di profilo sinistro ( aveva perso l’occhio destro in torneo): interessante la visita, ma non aspettatevi nulla di sontuoso, l’interno è parecchio spoglio perché praticamente tutto l’arredo è stato portato via, a Roma e Firenze, dai discendenti. Una delle parti più interessanti è quella dei sotterranei, dove si possono apprezzare vere e proprie opere di ingegneria idraulica tese a soddisfare le esigenze igieniche del Palazzo. I pezzi più celebri sono il quadro della “città ideale” attribuito a Laurana o a Piero della Francesca, qui conservato in originale e l’altro celebre dipinto della “Muta” di Raffaello, nonché lo studiolo del Duca in legno intarsiato con effetti ottici strabilianti (per esempio un violino che sembra uscire dalla parete e seguire il visitatore ) Alle 13 siamo fuori, il centro della fame si fa prepotentemente sentire, qualche telefonata di auguri a parenti e amici e ci precipitiamo a tavola per il pranzo pasquale, sempre all’agriturismo “dei Duchi” : menu abbondante, non particolarmente raffinato ma buono, non tutti riescono a finire le portate, il vino non è all’altezza. Verso le 15 una breve siesta in camera e poi di nuovo nella città perfetta rinascimentale: parcheggiamo in Piazza del Mercatale da cui è possibile salire in città con gli ascensori (lasciate perdere!) o con le scalette appena oltre Porta Valbona: ma il modo più suggestivo è certamente salire per la rampa elicoidale, all’interno del bastione cilindrico, si accede nei pressi degli ascensori. La città, per la prima volta, è affollata, noi ci dirigiamo subito alla casa di Raffaello che visitiamo per un’oretta: la casa è ben tenuta e piuttosto grande, su più piani, tuttavia, personalmente, non riesco a percepire la presenza dello spirito del grande artista, sembra una casa antica e basta, l’unica vera emozione la provo davanti alla pietra sulla quale si macinavano i colori. Verso le 18 siamo di nuovo in Piazza della Repubblica, un gelato, una passeggiata fino al monumento a Raffaello e poi alla fortezza Albornoz dalla quale si gode di una veduta totale di Urbino davvero fantastica.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...