Una settimana in Yucatan

Breve vacanza tra mare, rovine e bella vita
Scritto da: massimacii
una settimana in yucatan
Partenza il: 04/03/2011
Ritorno il: 13/03/2011
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Volo blu panorama allucinante, posti strettissimi stile pullman, servizio niente di che e scalo lungo a La Havana. Finalmente siamo a Cancun, trasferimento ad Akumal all’Akumal Beach Resort scelto x la bella spiaggia su cui sorge e x la tranquillità: Cancun vista 2 anni dopo nn mi piacerà x nulla. Arriviamo a mezzanotte e ci fiondiamo in camera. Al risveglio un bel sole ci accoglie già dalle prime ore del mattino… 20 passi e dalla camera siamo in spiaggia, che spettacolo: sabbia finissima, acqua trasparente e l’hotel che appare finalmente alla luce. Ci tuffiamo in mare, snorkeling fino alla barriera piuttosto lontana… barracuda, pesci di reef e tante tante tartarughe: questa spiaggia ha un centro per la ripopolazione e il controllo delle tartarughe. Da tutti i villaggi della riviera arrivano barche x l’escursione con le tartarughe. L’hotel cmq ha un bel pezzo di spiaggia privata. Abbiamo 7 giorni di soggiorno, 3 li passiamo in hotel tra snorkeling, passeggiate sulla bella baia a mezzaluna, partite a beach volley e abbronzatura. Preziosissimo il braccialetto all inclusive, si beve e si mangia tanto e bene, anche il caffè è superlativo. Un giorno lo trascorriamo a Playa del Carmen, mezz’ora di taxi da Akumal, bellissimo paesino con la famosa 5 avenida e il Coco Bongo. Ceniamo lì e passiamo la serata al Coco Bongo, che spettacolo, unica nota negativa è che è molto caro (50 € se nn sbaglio); torneremo altre 3 sere a Playa del Carmen sempre con i comodi taxi.

Avevamo già deciso di fare 3 escursioni per poter vedere anche il top delle rovine maya dello yucatan: prima tappa CHICHEN ITZA, sito bellissimo! Prenotiamo con l’hotel, sosta a Valladolid, pranzo a Mayaland cibo piccantissimo, e finalmente il sito: el castillo, el characol, la pelota, le mille colonne, tutto bellissimo! Il sole ci cuoce quindi apprezziamo tantissimo l’ultima parte della lunghissima escursione (12 ore) ovvero il cenote sacro di Ik Kil: rimango senza fiato 10 minuti, un cilindro di 30 metri nella roccia e nelle vegetazione, con l’acqua che ricopre i primi 15 metri… ripresomi mi spoglio e mi tuffo nell’acqua ghiacciatissima, ci voleva proprio!

Seconda tappa è Tulum col bel castillo proprio a ridosso della incantevole Playa Paraiso: il sito in sé x sé è di pochissimo interesse. E’ anche piuttosto piccolo, ma la location fa il resto, è una meraviglia. L’escursione sarebbe di mezza giornata ma ci impuntiamo e rimaniamo a playa paraiso, torneremo poi in taxi. L’organizzatore dell’escursione ci dà l’ok… restiamo tutto il pomeriggio, una delle spiagge più belle al mondo, lunghissima, molto larga, acqua trasparente e palme piegate dal vento: andateci!

La terza tappa è Cobà x la possibilità di scalare il castillo: situata in mezzo alla giungla, dopo una lunga camminata si raggiunge e si scala, visitiamo il gioco della pelota e altre costruzioni minori. Anche qui è poi previsto un cenote molto meno spettacolare xò.

In sostanza: mare bellissimo, vita notturna frenetica, bellissimi siti archeologici e cibo eccellente… lo yucatan è una meraviglia!

Guarda la gallery
messico-d15va

chichen itza



    Commenti

    Lascia un commento

    Akumal: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari