Una settimana in Corsica 2

Da Capo Corso a Bonifacio, passando per Corte
Scritto da: viaggiatori2000
una settimana in corsica 2
Partenza il: 29/08/2015
Ritorno il: 05/09/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Una decisione quasi estemporanea e in due giorni, verificata la disponibilità di trasporti e sistemazioni, organizziamo una settimana in Corsica tra fine agosto e inizio settembre per goderci un po’ di mare prima del rientro definitivo in città.

Diversi anni fa avevamo girato l’isola con la tenda e ne avevamo mantenuto un buon ricordo. Questa volta decidiamo di concentrarci sulla zona di Capo Corso, in precedenza non coperta, e su quella di Bonifacio, che avevamo appena sfiorato. Ci avvaliamo della guida Routard e di una carta stradale Michelin 1:150.000, molto particolareggiata e con molte informazioni utili (è un lenzuolo, però). Oltre ai tanti spunti che riusciamo a reperire in rete.

Logistica

Traghetto della Corsica ferries, da Livorno a Bastia (circa 300€ A/R per due persone e un’automobile). Il viaggio prende comunque una giornata, tenuto conto del tempo per raggiungere Livorno da Roma, imbarco e sbarco, quattro ore di navigazione. Analogamente per il ritorno, considerato che per i 160 km. che separano Bonifacio da Bastia abbiamo impiegato circa tre ore e mezza: la statale, a due corsie, attraversa i paesi, con molte rotonde, immancabili lavori etc. E’ un aspetto da non sottovalutare.

Sistemazione per il giro di Capo Corso: nel comune di Patrimonio, ma fuori dal paese e in bella posizione, abbiamo trovato un piccolo albergo (2 stelle) ‘U Lustincone, con poche stanze molto semplici e un po’ piccole, ma nel complesso soddisfacenti, a 85€ a notte, più 9€ a persona per la prima colazione. L’albergo è dotato anche di un buon ristorante. Tutta la struttura è gestita a livello familiare, con grande cortesia e affabilità.

Vicino a Bonifacio abbiamo trovato una struttura agrituristica (A Loghja de cavallo morto) ospitata in una vecchia casa padronale, arredata con grande gusto e mobili d’epoca al prezzo di 100€ a notte, compresa la colazione. Ci sentiamo di consigliare questa sistemazione per la grande cortesia, disponibilità e attenzione di Fabienne, la proprietaria, pronta a dare consigli su dove mangiare, indicazioni sulle spiagge (a seconda del vento), a condividere idee e considerazioni sulla Corsica e i corsi di oggi, sull’evoluzione e i cambiamenti della vita sull’isola negli anni. La colazione, poi, è ottima, con dolci e marmellate fatti in casa e prodotti biologici.

Itinerario

Abbiamo tre giorni per esplorare la zona di Capo Corso e i dintorni di Saint Florent. Il periplo del Capo è di circa un centinaio di chilometri, con strade strette e tortuose. I paesini da scoprire sono diversi e quindi alla fine dedichiamo due giorni per completare il giro. Come consigliato, lo impostiamo in senso antiorario, partendo da Bastia. I primi chilometri, vicino alla città non sono esaltanti: la zona è molto costruita, un residence dopo l’altro, gli accessi al mare non particolarmente invitanti. Ma più si va verso nord, più i panorami si fanno interessanti, le costruzioni diminuiscono e i paesetti invitano a una sosta. Sulla Costa orientale a noi è piaciuta in particolare la Marina di Porticciolo, con piccole case in pietra strette attorno al molo e stradine strette e lastricate. Ma è soprattutto l’estremo nord che ci ha affascinato e tutta la costa occidentale. I panorami che si susseguono, con scogliere a picco sul mare sono incantevoli e facciamo numerose soste per scattare fotografie. Lasciata la strada principale (la D80), ci inoltriamo su strade strette, ma asfaltate, verso Tollare e Barcaggio. I paesi sono minuscoli e graziosi, con case in pietra, rimesse per le barche, vecchi magazzini ristrutturati come abitazioni: molto radical-chic. A Barcaggio ci fermiamo sulla spiaggia adiacente il paese per una sosta al sole e per goderci un bagno in un’acqua cristallina. La spiaggia, come tutte quelle che visiteremo nei giorni successivi, non è attrezzata (cioè niente ombrelloni, lettini etc.). A volte neanche un bar per una bottiglia d’acqua: ma in fondo è quello che cercavamo e siamo ben attrezzati per conto nostro. La costa nord, da Macinaggio a Centuri, può essere percorsa a piedi lungo il Sentiero dei doganieri (8-10 ore di cammino, non consigliato in estate per via del caldo). Noi in ogni caso non avevamo abbastanza tempo per un trekking di questa durata.

La costa occidentale, più aspra e scoscesa di quella orientale è caratterizzata da paesini di mezza costa, con diverse frazioni sparse nel territorio circostante e una Marina che prima della costruzione della strada consentiva i contatti e i commerci, tramite piccolo cabotaggio da un porticciolo all’altro. È in questi paesi che sentiamo le persone più in là con gli anni, gli uomini soprattutto, seduti al bar, parlare in corso, lingua molto diversa dal francese e più vicina all’italiano, che riusciamo a volte a capire. Le case più vecchie sono in pietra scura, locale, con i tetti in scisto che conferiscono a questa zona un’atmosfera un po’ severa in contrasto con la calda luce mediterranea.

Lungo la costa occidentale ci fermiamo per una sosta a Centuri, un porticciolo noto per la pesca delle aragoste, ormai trasformato in una sequela di ristorantini che servono crostacei, ma comunque molto pittoresco!

E poi Pino, Canari, con una vista panoramica mozzafiato, Nonza, Marina di Giottani per una sosta sulla spiaggia con bagno. Da Pino ci spingiamo verso l’interno e dal Colle di Santa Lucia prendiamo il sentiero che conduce alla Torre Seneca (dove si dice che abbia trascorso il suo esilio il filosofo). Da lì la vista spazia sia sulla costa occidentale che su quella orientale.

Queste deviazioni portano spesso su strade ancora più strette e disagevoli, da affrontare con grande attenzione, spesso sprovviste di qualsiasi protezione e a strapiombo sulle rocce sottostanti…

Le soste sulle piazzole per scattare foto, approfittando della luce particolare, del tramonto, della caletta suggestiva non si contano e insieme alla natura delle strade rallentano la marcia, ma consentono di godere a pieno del paesaggio.

Il terzo giorno dedicato al nord facciamo un giro visitando alcune cantine della zona di Patrimonio, dove acquistiamo vino locale, e la zona del Nebbio con il paese di Murato e la chiesetta romanica di San Michele in pietra bianca e verde, molto suggestiva in posizione dominante su un poggio. Siamo interessati anche alle Agriate, zona molto vasta, ricoperta di una fitta macchia mediterranea, riserva naturale scampata al cemento. Le strade che consentono di arrivare alle spiagge sono percorribili solo con 4 x 4, o a piedi con lunghi sentieri, anche in questo caso sconsigliati nel periodo estivo, o via mare da Saint Florent. Dato lo scarso tempo a disposizione optiamo per l’escursione in gommone (25€ a persona), che ci consente di passare un intero pomeriggio sulla spiaggia della Solliccia fino a uno splendido tramonto. Ma anche le escursioni in Land Rover (alcune consentono addirittura di pernottare nella zona, dormendo in yourta) potrebbero essere interessanti.

Guarda la gallery
mare-9wrbf

Tollare

mare-adrsz

Capo Corso: costa occidentale

mare-scrx3

La spiaggia di Solliccia

mare-9z7sb

Bonifacio: scogliera

mare-nenwb

La spiaggia di Stagnolu



    Commenti

    Lascia un commento

    Bonifacio: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari