Una breve vacanza in Slovenia e Croazia

Per la prima volta nella mia vita mi sono trovata ad organizzare le vacanze con il mio ragazzo, a due giorni dalla partenza: la settimana di ferie era già stata imposta dagli impegni lavorativi e il viaggio che fino a quel momento avevamo deciso di fare, all’ultimo è saltato, per cui che fare? Abbiamo pensato di scegliere una meta...
 
Partenza il: 08/08/2004
Ritorno il: 15/08/2004
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 500 €

Per la prima volta nella mia vita mi sono trovata ad organizzare le vacanze con il mio ragazzo, a due giorni dalla partenza: la settimana di ferie era già stata imposta dagli impegni lavorativi e il viaggio che fino a quel momento avevamo deciso di fare, all’ultimo è saltato, per cui che fare? Abbiamo pensato di scegliere una meta relativamente vicina, e spinti dalle molte voci che lo descrivevano come un paese non troppo costoso, abbiamo deciso di passare una settimana tra Slovenia e Croazia.

Prima di tutto vorremo precisare una cosa: noi siamo partiti la seconda settimana di agosto, probabilmente la più affollata di turisti in ogni paese, e questo può essere un problema, sia per il traffico che si può incontrare spostandosi di città in città, sia se si viaggia senza aver prenotato nessuna stanza. Al primo problema si può ovviare scegliendo percorsi alternativi, magari più nell’entroterra, evitando quindi le strade più battute; per il secondo invece, noi ci siamo portati via la tenda per ogni evenienza, ma evitando la costa e le località di mare, non abbiamo avuto nessun problema a trovare un bell’alloggio a un buon prezzo. La nostra intenzione, con il nostro umile diario di viaggio, non ha nessuna pretesa di fornirvi notizie turistiche che potrete trovare in una delle tantissime guide che si trovano nelle librerie, ma semplicemente di regalarvi dei piccoli consigli pratici, in modo da rendere il vostro viaggio il più comodo e piacevole possibile. Vi consigliamo comunque vivamente di andare sul sito http://www.Croatie.Hr, sito dell’Ufficio Nazionale del Turismo e farvi spedire a casa gratuitamente varie brochure della Croazia e anche la carta turistica-stradale, ovviamente con un certo anticipo rispetto alla vostra partenza.

Programma del nostro viaggio: 1° giorno: Siamo partiti la mattina da Padova e lungo la strada verso l’Est, abbiamo deciso di fare una sosta per visitare il Sacrario del Redipuglia nelle immediate vicinanze dell’uscita autostradale.

La sua imponenza e maestosità, è tale da rendere un doveroso onore ai caduti.

Una successiva deviazione è stata programmata per andare a vedere le Grotte di Postumia (Postojna) e il Castello di Predjama in Slovenia.

Durante la visita con la guida, abbiamo scoperto che le grotte sono distribuite su tre livelli, e solo quello intermedio è visitabile con il turismo di “massa”. È comunque possibile visitare in piccoli gruppi quello inferiore con equipaggiamento adeguato fornito dalle stesse guide.

Un ulteriore percorso in un’altra grotta è possibile partendo dal castello di Predjama.

La temperatura nella grotta di Postumia è di 9,4° costanti, per cui consigliamo di coprirvi adeguatamente, onde evitare inaspettati malanni. All’entrata è anche possibile noleggiare dei mantelli. Ribadiamo che è importate coprirsi perché dopo un tragitto di 2 km in trenino, si prosegue la visita all’interno per circa 1 ora.

Con l’intenzione di proseguire per la Croazia poi, ci siamo diretti a sud verso Fiume (Rijeka). Dopo un breve giro per Abbazia (Opatja), ove è difficilissimo trovare parcheggio, ci siamo diretti a Fiume, dove stanchi e affamati ci siamo concessi la prima notte delle vacanze all’hotel Kontinental, decoroso albergo, che si trova vicino al porto. Se non si osservano troppo a lungo i terribili palazzotti che si ergono sulla collina alle spalle della città, Fiume appare come un tipico centro portuale, con una moltitudine di locali dove poter cenare lungo tutto il corso.

2° giorno: Da Fiume abbiamo puntato diritti verso il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice (Nationalni Park Plitvička Jezera), scendendo lungo la costa verso Senj e poi proseguendo nell’entroterra. Da Otocac appaiono ancora evidenti i segni della guerra, con molte case distrutte o sforacchiate dalle mitragliate o ancora mezze bruciate. Trovare una stanza vicino al Parco è facile, perché lungo tutta la strada siete accolti da molti cartelli che offrono stanze, inoltre presso le due entrate del Parco è possibile chiedere indicazioni per l’alloggio alle “Private Accomodation”. 3° giorno: Questa giornata l’abbiamo dedicata completamente alla visita del Parco. Vi vogliamo solamente dire due semplici ma fondamentali cose: la visita al Parco vale da sola l’intero viaggio in Croazia, ma dovete assolutamente cominciare la visita quando il Parco apre i battenti, ovvero alle 7.00 del mattino, ne vale davvero la pena: primo perché i colori sono completamente diversi da quelli che osserverete nel resto della giornata (cambieranno continuamente), e secondo perché con il passare delle ore l’intero parco si riempirà talmente di turisti che non solo fare una bella foto alla natura incontaminata sarà impossibile, ma anche camminare tranquilli, senza dover sgomitare o fare code, per le passerelle diventerà un problema! I percorsi sono di diversa lunghezza, fino ad un massimo di 6 ore, e molti sono i posti dove fermarsi e farsi incantare trasportare dalla bellezza e rilassarsi accanto ad un ruscello o ad una cascata.

Tutti i sentieri sono facili, non servono scarponcini da montagna, ma presentarsi come molti turisti, in ciabatte e infradito, oltre ad essere ridicolo è sicuramente scomodo e poco sicuro.

Infine vorremo aggiungere che in tutta la Croazia ci sono sempre stati accettati gli euro, autostrade comprese, qui invece si può pagare solo in Kune: non c’è però da preoccuparsi perché vicino alla biglietteria ci sono gli uffici di cambio. 4° giorno: Arrivati a questo punto della nostra vacanza in realtà non avevamo fatto nessun altro programma. Pensavamo di puntare a sud, puntare verso la costa e risalirla per andare verso l’isola di Krk, ma dopo esserci spostati nella cittadina di Rakovika per fare una bellissima colazione, abbiamo deciso di andare verso Karlovac, a nord. Da questo punto in poi, ricordiamoci che siamo molto vicini al confine con la Bosnia-Erzegovina, i segni della guerra non sono stati assolutamente cancellati, anzi alcuni mezzi militari sono stati raccolti a testimonianza di quello che è successo. A Karlovac, cittadina che vorrebbe risollevarsi dal passato, in cui i segni della normalità sono ancora misti a quelli della sofferenza vissuti alcuni anni fa, esistono ancora campi minati, pertanto è sconsigliabile andare a zonzo per i dintorni senza fare molta attenzione.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bosnia Erzegovina
    Diari di viaggio
    bosnia, montenegro e croazia: 16 giorni tra mare, montagna, laghi, paesini e città

    Bosnia, Montenegro e Croazia: 16 giorni tra mare, montagna, laghi, paesini e città

    La nostra idea (io Andrea e la mia compagna entrambi sui 30 anni) era di fare un road trip esplorando le bellezze naturalistiche e...

    Diari di viaggio
    da sarajevo a srebrenica, city of hope

    Da Sarajevo a Srebrenica, “City of Hope”

    Riparto da Sarajevo in direzione Srebrenica, la temperatura si è decisamente abbassata, pedalando nei Balcani si vedono i preparativi per...

    Diari di viaggio
    sarajevo chiama, val d'aosta risponde! storie incredibili...

    Sarajevo chiama, Val d’Aosta risponde! Storie incredibili…

    Riparto da Jajce diretto a Sarajevo. Oltrepasso Travnik, a circa 80 km dalla mia meta, cittadina non particolarmente attraente, block di...

    Diari di viaggio
    jajce il cuore della bosnia erzegovina, verso sarajevo

    Jajce il cuore della Bosnia Erzegovina, verso Sarajevo

    All'alba mi alzo e guardando l’azzurro del cielo ammicco a Fernanda... mia cara, è ora di riprendere la via. Oggi mi dirigo a Jajce,...

    Diari di viaggio
    dalmazia con tappa in montenegro e bosnia erzegovina... che incanto!

    Dalmazia con tappa in Montenegro e Bosnia Erzegovina… che incanto!

    Come ogni anno ci siamo messi a tavolino per organizzare il nostro viaggio che non fosse solo mare e pertanto abbiamo pensato alla Croazia...

    Diari di viaggio
    dalla croazia si passa in bosnia erzegovina

    Dalla Croazia si passa in Bosnia Erzegovina

    Dopo aver passato una notte con gli amici ciclisti croati di Kutina e aver goduto della loro ospitalità e cordialità in sella a Fernanda...

    Diari di viaggio
    racconto da mostar: cosa vedere tra fiaba e realtà, tra presente e passato

    Racconto da Mostar: cosa vedere tra fiaba e realtà, tra presente e passato

    Cosa vedere a Mostar, cosa aspettarsi da questo paese malinconico che si è riscattato e che adesso, dopo la guerra in Bosnia, sembra...

    Diari di viaggio
    la sorprendente bellezza del viaggio da dubrovnik a sarajevo

    La sorprendente bellezza del viaggio da Dubrovnik a Sarajevo

    Cari tpc, oggi vi racconto il breve viaggio di 5 giorni che io e mia moglie abbiamo fatto tra le frontiere di Croazia e Bosnia, un...

    Diari di viaggio
    10 giorni in montenegro, dalmazia e bosnia erzegovina

    10 giorni in Montenegro, Dalmazia e Bosnia Erzegovina

    DOMENICA 27 MAGGIO 2018 La frase del mese è: “eh, ma il Montenegro deve essere bellissimo…” lo scopriremo solo vivendo. Pogdorica...

    Diari di viaggio
    vacanze tra montenegro e albania

    Vacanze tra Montenegro e Albania

    Questa vacanza me la ricorderò a lungo come quella che sin dall’inizio è stata piena di imprevisti o quantomeno assolutamente diversa...