Un sogno diventato realtà: la Provenza

Finalmente è giunto il gran giorno della partenza. Destinazione: la tanto agognata Provenza. Siamo in quattro,io, mio marito e le nostre due ragazze. Bagagli,guide turistiche, riviste a tema, navigatore, ma anche la vecchia cara cartina super dettagliata, con la tecnologia non si sa mai!; sacchetto con le monetine per l’autostrada, in...
 
Partenza il: 23/08/2009
Ritorno il: 29/08/2009
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 2000 €

Finalmente è giunto il gran giorno della partenza. Destinazione: la tanto agognata Provenza. Siamo in quattro,io, mio marito e le nostre due ragazze.

Bagagli,guide turistiche, riviste a tema, navigatore, ma anche la vecchia cara cartina super dettagliata, con la tecnologia non si sa mai!; sacchetto con le monetine per l’autostrada, in Francia funziona così, e le immancabili macchina fotografica e telecamera, tutto pronto.

H. 9,30 di Domenica 23 Agosto, SI PARTEEE!! Non troviamo traffico, tutti tornano e noi, via lisci come l’olio, destinazione Montecarlo.

Dopo aver parcheggiato vicino ad una Ferrari, impossibile mettersi vicino ad una 500, non ce ne sono, giro a piedi, passiamo sotto il tunnel, ci sentiamo degli Shumacher a piedi, poi foto di rito davanti al Casino. La piazza antistante sembra un’esposizione di auto di lusso, alcune mai sentite nominare. Allucinante, i turisti invece di fotografare la città s’immortalano davanti a questi bolidi lussuosi! Ripartiamo per Nizza e Cannes che attraversiamo velocemente in macchina. Anche la Croisette la facciamo in auto, a piedi la fanno tutti! Imbocchiamo la Route d’Esterel, per andare a Frejus dove passeremo la notte. E’ una strada a curve, ma con un panorama che vale la deviazione dall’autostrada. Rocce rosse che sorgono dal mare da una parte e montagne infuocate dall’altra. FANTASTIQUE!! Dopo una cenetta in un localino che sembra un’antica taverna romana, tutti a nanna, siamo cotti.

24/08 Dopo un’abbondante colazione visitiamo rapidamente la città di Frejus con le sue antiche rovine romane, poi partiamo per La Ciotat. Percorrendo l’autostrada, il panorama è splendido, sembra di essere sulla Route 66, ricordate Cars? Arriviamo a mezzogiorno e pranziamo davanti al porto. Ho l’impressione che da un momento all’altro spunti Jessica Fletcher, in bicicletta… Ci informiamo per prendere il battello per visitare le Calanques, ma da qui è un po’ lungo e visto il mare un “poco” mosso decidiamo di fare il giro partendo da Cassis. Saliamo in auto e qui ringraziamo la tanto amata cartina, perché per il navigatore siamo in mare aperto e navighiamo senza meta.

Arriviamo a Cassis e ci viene un colpo.

La strada per il porto è interrotta, bisogna parcheggiare e andare a piedi. Parcheggiare, l’ultima parola famosa, DOVE? Non c’è un buco neanche a pagarlo oro. C’è un caos infernale, la città sembrerebbe anche carina vista dall’auto, a parte le strade strette, discese ripidissime, auto parcheggiate a destra e sinistra. Dopo un’ora di giri per uscire da questo guazzabuglio ci imbattiamo in un carro attrezzi che deve rimorchiare un’auto. Passare?, impossibile, la strada è stretta e dietro di noi si forma una coda lunghissssima! Finalmente riusciamo ad andarcene, destinazione Marsiglia, ma addio calanques.

A Marsiglia depositiamo i bagagli e via al Vieux Port in tempo per prendere l’ultimo trenino, le Petit Train n° 1 che sale fino a Notre -Dame de la Garde. Le strade sono strette, ripide, ma il giro è proprio carino. Arrivati alla chiesa il panorama è mozzafiato, si vede tutta Marsiglia e la costa. Venti minuti per fare le foto e una visitina alla chiesa e si riparte. Che discese, speriamo i freni tengano!! Torniamo in albergo e ci accorgiamo che dal bagno proviene uno strano ticchettio che aumenta sempre più. Oddio! Piove dal lampadario! Fortunatamente ci cambiano subito camera.

25/08 Solita colazione con croissant e pain au chocolat, una vera delizia per il palato. Via per il porto, il battello per l’Ile d’If ci attende. Visitiamo il castello divenuto famoso grazie al romanzo “ Il conte di Montecristo”, una vera fortezza. Torniamo, il viaggio è stato piacevole e pranziamo al porto. I provenzali sono simpatici, cordiali e parlano volentieri. Al momento di pagare , fortunatamente va alla cassa Noe e il cameriere le fa uno scherzetto con un grosso ragno finto che salta fuori dal bancone; se fossi andata io mi avrebbero sentita urlare fino a casa! Partiamo per Aix-en-Provence. Arriviamo al mega parcheggio sotterraneo che c’è in centro, saliamo in superficie e ci troviamo in Place De Gaule con la sua grande fontana rotonda. Prendiamo il trenino, ce li siamo fatti tutti, sono comodi per chi, come noi, ha poco tempo per visitare la città, e supportati dagli auricolari scopriamo la città e le sue bellezze. E’ molto caratteristica, piena di colori e le viuzze sono davvero carine, potendo mi fermerei un paio di giorni. Passiamo davanti anche all’atelier di Cézanne. Poi un bel giro per Cours Mirabeau,fermandoci a tutte le bancarelle. Che profumo di lavanda e quanti bei saponi colorati, portatemi via altrimenti compero tutto.

26/08 Lasciamo a malincuore Aix e ci dirigiamo all’abbazia di Silvacane, una delle tre sorelle cistercensi provenzali. Pranzo a Lourmarin, paese carinissimo con tante gallerie d’arte e un bel castello. Ci dirigiamo verso Bonnieux, qualche foto al Pont Julien, antico ponte romano,attraversiamo Lacoste e Menerbre, ci vorrebbe più tempo per fermarsi a visitarli tutti, ma non ne abbiamo. Improvviso temporale, fortunatamente passa in fretta e poi via per Coustellet a visitare il museo della lavanda. Non perdetelo. Altra serie di acquisti nella boutique del museo. Abbiamo riempito il cestino di sacchettini e creme alla lavanda. Ora è quasi impossibile salire in macchina, c’è un profumo!! Arrivati a Cavaillon lasciamo papà in albergo e noi ci facciamo un giro per comprare francobolli e per trovare un posto per cenare. I francobolli li abbiamo trovati, ma poi ci accorgiamo che non dovevamo comprare quelli rossi nazionali, ma quelli blu per l’estero. Cerchiamo di sostituirli, non si può, l’indomani andiamo all’ufficio postale, ma anche qui non ce li cambiano, ci dicono di tornare alla tabaccheria per sostituirli. Niente da fare alla tabaccheria hanno solo quelli rossi, i blu li vendono solo alla posta, mi sembra di essere tornata in Italia a forza di girare.

E’ ormai giovedì, metà della vacanza è andata. Partiamo per Fontaine de- Vaucluse, attraversiamo L’Isle sur-la-Sourge, molto pittoresca con tutti i mulini carichi di muschio.

Arrivati a Fontaine de-Vaucluse ci facciamo la solita scarpinata per salire alla sorgente, un poco deludente perché ha poca acqua, ma il tragitto è bellissimo, il corso d’acqua è di una limpidezza da togliere il fiato, ecco perché Petrarca è stato ispirato e ha scritto “Chiare, fresche et dolci acque”. Visitiamo anche il mulino della carta dove viene prodotta ancora a mano come nel Medioevo. Davvero interessante. Pranzo sulla terrazza di una brasserie che sorge proprio sul corso d’acqua. Che vista! Ripartiamo per visitare la seconda sorella, l’abbazia di Senanque. Peccato non ci sia più traccia della lavanda, siamo con almeno due settimane di ritardo.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aix-en-Provence
    Diari di viaggio
    la provenza tra i campi di lavanda di valensole

    La Provenza tra i campi di lavanda di Valensole

    La Provenza, e in particolare il plateau di Valensole, da fine Giugno a fine Luglio, altro non è che un luogo magico, quasi mistico....

    Diari di viaggio
    nella patria di don chisciotte

    Nella patria di Don Chisciotte

    è nulla di che, anzi un po’ decadente. La sera abbiamo cenato presso un ristorante sito di fronte all’hotel.16/2 – Lasciata...

    Diari di viaggio
    inverno provenzale

    Inverno provenzale

    nel museo svizzero di Winterthur. Oggi questo edificio ospita l’Espace Van Gogh, centro polivalente con mediateca, archivi, sale...

    Diari di viaggio
    tour nella francia meridionale: auvergne, provenza, camargue, costa azzurra

    Tour nella Francia meridionale: Auvergne, Provenza, Camargue, Costa Azzurra

    Uno dei più bei tour nel Sud della FranciaL’intento della vacanza è quello di vivere la montagna e il mare e, già che ci siamo,...

    Diari di viaggio
    la magia della provenza: dieci giorni nella meraviglia

    La magia della Provenza: dieci giorni nella meraviglia

    Una destinazione da sogno L'anno scorso una mia cara amica del liceo, Giulia, mi ha proposto di fare un viaggio insieme nell'estate 2019,...

    Diari di viaggio
    il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la provenza

    Il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la Provenza

    un locale poco fuori dal centro storico ma comodo al parcheggio così che appena terminato possiamo affrontare il trasferimento verso...

    Diari di viaggio
    colori e profumi della provenza

    Colori e profumi della Provenza

    Inviaggioconimiei ama scegliere come tappa la Francia, ma soprattutto la Provenza. Per il ponte di Pasqua 2015, abbiamo optato per un...

    Diari di viaggio
    francia: in auto tra costa azzurra e provenza

    Francia: in auto tra Costa Azzurra e Provenza

    14 agosto 2015, Jour numéro un: da casa a Grasse (km percorsi 220 cIRca) Ed eccomi qui a raccontare il nostro primo giorno che sta...

    Diari di viaggio
    odori di provenza e sapori di linguadoca

    Odori di Provenza e sapori di Linguadoca

    Pensi alla Provenza e magicamente un profumo intenso di lavanda pervade l’aria. Magicamente anche i vestiti odorano di lavanda. I piatti...

    Diari di viaggio
    marsiglia e dintorni, la camargue e le gole del verdon

    Marsiglia e dintorni, la Camargue e le gole del Verdon

    GIORNO 1: Firenze-Marsiglia con stop per pranzo a Nizza Appena arrivate in città, visto tutto quello che avevamo letto sulla...