Un sogno chiamato Australia

Incredibile tour in solitaria agli antipodi per scoprire il vero significato del termine libertà
Scritto da: ermanno2310
un sogno chiamato australia
Partenza il: 07/12/2013
Ritorno il: 04/01/2014
Viaggiatori: 1
Spesa: 4000 €

Periodo: Dicembre-Gennaio (estate australiana)

Spesa approssimata per eccesso: 6.000 euro (tutti i voli sia nazionali che internazionali, dormire, mangiare, souvenir, tutti i tour = tutto compreso!)

Introduzione

Amo viaggiare, è la più grande passione che ho. Mi reputo una persona piuttosto fortunata perché ho sempre avuto la possibilità di coltivare questo mio hobby sin da quando ero bambino. Ma c’è sempre un qualcosa, un sogno, un desiderio che spicca in mezzo alle passioni che ciascuno di noi possiede. Il mio è sempre stato andare in Australia, visitare e scoprire questo luogo così sperduto, diverso e lontano da casa. Tuttavia, si sa, per viaggi del genere sono necessari parecchi giorni, vuoi per la lunga distanza da percorrere, vuoi per la grandezza della terra che devi esplorare ed essendo solo al mio secondo anno di lavoro dopo il termine degli studi sapevo che quel sogno lo avrei realizzato, anche se non a breve. Ma la vita è strana, tutto può cambiare in un attimo. Ed ecco che a Novembre 2013, all’alba dei miei 28 anni, vicino alla scadenza del contratto dell’azienda per la quale lavoravo, mi viene offerta una nuova, grande opportunità lavorativa. Un radicale e migliorativo cambiamento della mia vita che avrebbe avuto luogo a partire da Gennaio 2014. è la svolta! Porto a termine il mio contratto nella vecchia azienda rispettandolo fino alla scadenza ma con la mente sono già proiettato al prossimo impiego, che rappresenterà un nuovo inizio. Mi ritrovo, quindi, improvvisamente disoccupato per il mese di Dicembre 2013 ed ho la sensazione che sia una di quelle occasioni da cogliere al volo, uno di quei treni che passano una volta sola…Carpe Diem! Non ho bisogno di pensarci due volte ed in poco tempo mi organizzo quello che sarà il viaggio della vita…

Andata: 7-8 Dicembre 2013

In perfetto stile backpacker (zaino in spalla, guida turistica in mano e prenotazioni degli ostelli nel marsupio) parto verso questa grande avventura agli Antipodi.

Volo con la Cathay Pacific, partenza da Milano Malpensa a mezzogiorno ed arrivo a Melbourne la sera del giorno dopo alle dieci ora locale (in mezzo uno scalo ad Hong Kong di 3 ore).

Prime sensazioni: incredulità e gioia indescrivibile! Sogno questo momento da quando sono piccolo… Sono, finalmente, in Australia!

1° giorno: 9 Dicembre 2013 (Melbourne)

Ovviamente un fuso orario di 10 ore non può essere assorbito in tempi brevi e, quindi, mi ritrovo a passare una nottata quasi insonne. Di buon’ora sono già in piedi pronto per il mio primo giorno australiano. In un attimo eccomi fuori dall’ostello, solo, libero e a 17000km da casa… sensazioni splendide mai provate in precedenza! Dedico l’intera giornata all’esplorazione di Melbourne, una vasta città moderna ed elegante che trasmette la sensazione di essere uno dei luoghi migliori del Mondo dove poter vivere. Cammino liberamente passando da Federation Square, Southgate, lo Shrine of Remembrance (monumento dedicato ai caduti della guerra), i giardini botanici, la Government House, l’Olimpic Park (costruito in occasione delle Olimpiadi del 1956 e dove campeggiano il Tennis Center ed il Melbourne Cricket Ground, uno dei più grandi impianti sportivi del Mondo), Chinatown, Cartlon e Flagstaff Gardens per arrivare, infine, al Queen Victoria Market che, tra i numerosissimi mercati e shopping center della downtown è sicuramente il più caratteristico.

In serata, insieme a ragazzi conosciuti in ostello, scopro la vivissima night-life della città.

2°giorno: 10 Dicembre 2013 (Melbourne)

Dedico questa giornata alla visita delle zone più a sud della città e per l’occasione decido di affittarmi una bici (20euro per l’intera giornata). La rete di piste ciclabili è davvero comodissima ed essendo tutto collegato alla perfezione, la bici risulta essere un ottimo mezzo di locomozione per raggiungere i sobborghi più lontani. Attraversando i quartieri di South Yarra, Prahran e Windsor arrivo fino a St.Kilda, caratteristica perché pare rimasta ferma agli anni ’60 e famosa sia per il suo Luna Park in stile retrò sia per il molo che ospita una piccola colonia di pinguini azzurri.

Risalendo verso il centro città faccio una bella pedalata all’Albert Park sul tracciato del circuito che, ogni anno, ospita la prima prova del mondiale di Formula1. Nell’arco dell’intera giornata ho anche modo di constatare quanto sia pazzo il clima di questo luogo: ogni mezzora si passa da sole a picco a pioggia battente!

Per la serata mi regalo la splendida vista a 360° della città dallo Skydeck88 dell’Eureka Tower (il più alto punto panoramico artificiale dell’emisfero sud).

3°giorno: 11 Dicembre 2013 (Great Ocean Road)

Oggi mi aspetta la più celebre strada australiana che, costeggiando l’oceano, offre paesaggi mozzafiato! Attraversiamo le località balneari di Torquay e Anglesea fino a sopraggiungere al Port Campbell National Park famoso per le altissime scogliere a strapiombo sul mare e per la presenza dei mitici dodici apostoli (in realtà ne sono rimasti solo otto), formazioni rocciose sviluppate in verticale che resistono ancora all’erosione da parte dell’oceano. Dopo varie fermate in presenza di molteplici e spettacolari punti panoramici ecco che si ritorna, nel tardo pomeriggio, a Melbourne. Sono in Australia da 3 giorni e gli occhi già mi brillano!

4°giorno: 12 Dicembre 2013 (Adelaide)

In mattinata trasferimento in aeroporto e volo Virgin della durata di un’ora circa con destinazione Adelaide. Spendo il pomeriggio in questa città vittoriana passeggiando tra il vivissimo centro pieno di negozi e sculture (in particolare la via principale, la Rundle Mall Street), e i musei della zona nord come il South Australian Museum, l’Art Gallery ed il National Wine Centre (tutti gratuiti!). Tra quest’ultimi rimango particolarmente colpito dal primo che ho elencato, il quale presenta un vasto campionario di fossili rari e di artigianato e manufatti aborigeni. Tuttavia il pezzo forte del museo resta il calamaro gigante alto quattro piani! Non ci crederete finché non lo vedrete…

5°-6°giorno: 13-14 Dicembre 2013 (Kangaroo Island)

Tour di 2 giorni con partenza e ritorno ad Adelaide. Se amate i paesaggi mozzafiato, fauna e flora incontaminate non potete perdere questo splendido tour! Viste a strapiombo sull’oceano, foreste a perdita d’occhio, incontri ravvicinati con canguri, koala, opossum, leoni marini e tutte le specie di animali e piante caratteristiche dell’Australia.



    Commenti

    Lascia un commento

    Adelaide: leggi gli altri diari di viaggio