Un po’ di Balcani

Albania, Bosnia e Montenegro fuori stagione. Paesi dalla storia passata e presente difficile, ma con la voglia di lasciare tutto alle spalle e raggiungere l'Europa
 
Partenza il: 18/03/2015
Ritorno il: 27/03/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Il mio obiettivo principale era Sarajevo, ma il “destino” ha voluto che prendessimo l’aereo per l’Albania, a dir la verità più che destino è stata l’Alitalia che per soli 88 € ci ha fatto volare da Pisa a Tirana e quindi ne abbiamo approfittato per allargare il giro. Abbiamo organizzato il viaggio come sempre, macchina a noleggio e via!!! (€ 115 per 9 gg )

RACCOMANDAZIONE 1) per passare le frontiere in auto dovete avere l’autorizzazione del proprietario e va chiesta almeno 7 giorni prima della partenza. E richiedere la carta verde, con la quale noi abbiamo avuto dei problemi…

18 Marzo 2015

Arriviamo in orario in breve, prendiamo la nostra auto e partiamo verso la prima tappa, Skoder o Scutari in italiano, 87 km a nord di Tirana. Le strade sono a tratti buone a tratti sconnesse, con lavori in corso poco segnalati e con poche indicazioni. A primo impatto quello che salta agli occhi è la gran quantità di spazzatura in giro e le innumerevoli case lasciate a metà… Scutari è la quarta città albanese, la strada che la attraversa non promette un gran che, ma nasconde una centro carino, con zona pedonale e localini vari. La nostra sistemazione è il Tradita Hotel, prenotato su booking € 50,40, arredato in maniera tradizionale, carino e curato, ottima la colazione inclusa con prodotti del luogo.

19 Marzo 2015

Prima di lasciare Scutari visitiamo la fortezza Rozafa, che si affaccia sul lago, non essendo appassionati di rovine, sicuramente non riusciamo ad apprezzare fino in fondo…

Partiamo quindi verso Sarajevo, 290 km circa. Alla frontiera di Hani i Hotit, la polizia albanese perquisisce scrupolosissimamente la nostra macchina… mah! sembra che sia toccato solo a noi… comunque tutto a posto. Entriamo in Montenegro, membro dell’Unione Europea, mi aspetto quindi almeno qualche miglioramento, ma non è così… sempre spazzatura e strade dissestate. Sfioriamo la capitale Podgorica e tiriamo diritto verso nord, percorrendo il canyon del Piva, che a marzo ci offre un paesaggio aspro e ricoperto di neve. Le 56 gallerie scavate nella roccia fanno il loro effetto, ma la strada è desolata, ogni tanto troviamo della frane, che fortunatamente non chiudono la carreggiata. La zona è completamente disabitata e per km e km non vediamo anima viva… mi sento un po’ abbandonata… finalmente arriviamo a Scepan Polje frontiera con la Bosnia, cerchiamo di procurarci i documenti necessari per la macchina, ma è difficile trovare l’addetto… credo che ci abbiano mandato direttamente a casa sua… altri km di strade bosniache dissestate, e finalmente arriviamo a Sarajevo. Il nostro alloggio Hayat Hotel in centro, lo troviamo senza grossi problemi. Anche questo prenotato su booking, 30 € a notte. Le camere sono molto belle, moderne, spaziose e luminose, ma la colazione potrebbe essere migliore.

RACCOMANDAZIONE 2) fuori dalle città non avventuratevi in sentieri non battuti, ci sono ancora mine antiuomo in giro e i cartelli che avvisano sono stati tutti tolti dai Rom per rivendere il ferro,

Così ci hanno detto.

20 Marzo 2015

L’intera giornata è per la capitale bosniaca. Le dominazioni turche e austro-ungariche hanno lasciato tracce tangibili, il risultato è un’atmosfera da paesino delle Alpi circondato da innumerevoli minareti, ma non solo, anche chiese ortodosse e cattoliche. Il quartiere di Bascarsija (zona turca) costituisce il centro storico e la parte più turistica, piena di negozietti e localini. La strada Ferhadija è invece la zona più commerciale. Appena fuori da questi quartieri, non potrete non notare le ferite di guerra. Edifici e strade ancora riportano fori di granate e artiglieria che i serbi-boniaci hanno sparato durante l’assedio del 92/95. Visitate il museo della storia e il tunnel, unico collegamento tra Sarajevo e il resto del mondo. Noi abbiamo incontrato Elvir, oggi fa la guida, ma la guerra l’ha vissuta, e i sui racconti sono stati la parte più toccante del viaggio. Dice che gli italiani sono stati quelli che più di tutti hanno aiutato la popolazione, il suo numero è 0038761390583 per chi fosse interessato a visitare la città con lui, chiede 15 € l’ora e parla perfettamente italiano.

21 Marzo 2015

Lasciamo Sarajevo per Mostar a 133 km. La nostra sistemazione è B&B Mooostar City apartments, gestito da una coppia di ragazzi, molto carini e accoglienti, le camere sono veramente belle e spaziose e la colazione ottima! € 31,00 su booking.com. Anche Mostar ha le sua ferite di guerra e il centro e il famoso ponte erano stati completamente distrutti dai bombardamenti, ma grazie ai finanziamenti (italia in primis) sono stati ricostruiti. Qui i turisti non mancano, sarà la bella giornata, sarà che è sabato, ma il centro è super affollato. Ma basta aspettare le sei e cambia completamente l’atmosfera… i negozi chiudono e tutta la gente sparisce… finalmente con il buio la città è libera della folla… qui gli italiani hanno veramente lasciato il segno, in senso positivo, c’è la scuola di musica finanziata da Pavarotti, ma anche scuolabus della regione Emilia Romagna e questo lo abbiamo visto anche con una visita poco approfondita. Finalmente un po’ d’orgoglio di essere italiani!

RACCOMANDAZIONE 4) non sottovalutate le frontiere, noi abbiamo perso molto tempo, tra controlli della macchina e dei bagagli e funzionari che non si trovano ( soprattutto tra Montenegro e Bosnia). Informatevi bene sulle regole delle frontiere, soprattutto se viaggiate con mezzo vostro, per entrare in Croazia dalla Bosnia ci hanno chiesto 250 €… ma sono impazziti?!? io mi sono arrabbiata, ma tanto non ci capivamo… quindi abbiamo girato le chiappe e abbandonato l’idea di passare da Dubrovnik (che tra l’altro non era prevista ma una deviazione decisa all’ultimo).

22 Marzo 2015

Ci prepariamo ad un nuovo spostamento e a lasciare la Bosnia, la direzione è la costa del Montenegro, Kotor a 216 km (dopo aver scartato Dubrovnik causa problemi con la frontiera). Il tempo non è dei migliori e facciamo in tempo solo a fare un giretto a Pedast, carino ma troppo elogiato della lonley planet e inizia prima a piovere e poi a diluviare… per stanotte non abbiamo prenotato niente e quindi andiamo a cercare una sistemazione… ma è più difficile del previsto, ci sono pochi alberghi e chiusi… finalmente troviamo qualcosa di aperto a Tivat 5 kg da Kotor. Ormai è buio, la giornata non è stata delle migliori e ci infiliamo dentro al Villa Royal… € 54.00 a notte, il posto è pessimo poco pulito e la colazione… lasciamo perdere… siamo gli unici clienti… ed è veramente triste… non mi affiderò più al caso, ora prenoterò tutto su booking.com!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Albania
    Diari di viaggio
    balcani insoliti

    Balcani insoliti

    Buongiorno cari TPC, vi racconto il nostro viaggio appena terminato nei Balcani meno noti tra Albania, Kosovo, Macedonia del Nord e...

    Diari di viaggio
    tra castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Tra Castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Sono appena rientrato da un viaggio in Albania dove ho cercato di vedere, macinando Km, le amenità di questa nazione dalla Montagna al...

    Diari di viaggio
    tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Quando durante le scuole elementari studiavo danza classica sentivo continuamente parlare di Tirana dalla mia insegnante e della sua...

    Diari di viaggio
    durazzo porta dell'albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    Durazzo porta dell’Albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    L'Albania è una terra molto vicino allo stivale che per anni è stata associata a carestia e povertà e che invece pian piano sta...

    Diari di viaggio
    una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Reduci dal non poco costoso viaggio di nozze del 2017, per le vacanze estive 2018 io e mio marito decidiamo di optare per una terra ancora...

    Diari di viaggio
    albania in vespa: in viaggio verso le meteore

    Albania in Vespa: in viaggio verso le Meteore

    Dopo tre ore di guida sulla statale Adriatica, arrivo sulla circonvallazione di Ancona a bordo della mia vecchia Vespa PX, che sta...

    Diari di viaggio
    dieci amici in albania

    Dieci amici in Albania

    In 10 amici abbiamo deciso di effettuare un tour dell'Albania a fine settembre. Come sempre uno dei piaceri del viaggio è stata...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    ritorno nel paese delle aquile

    Ritorno nel Paese delle Aquile

    Nel mese di aprile due amiche mi chiedono di organizzare per loro un viaggio in Albania. Cosa che mi accingo diligentemente a fare. Nel...

    Diari di viaggio
    primavera albanese

    Primavera albanese

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate. 1. Capitolo sicurezza: l’Albania ci è sembrata una...