Un leone sulla strada del mare

Una giornata a Tortona
 
Partenza il: 02/10/2010
Ritorno il: 02/10/2010
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

sala dai muri antichissimi, e l’atmosfera speciale ci fa sentire subito personaggi di un’opera d’arte. “La via Pelizzari un tempo era una via di maniscalchi, infatti, anche nel nostro locale c’è una porta molto alta, oggi una porta cieca, da cui presumibilmente passavano i cavalli, e si vede anche dove poteva essere la fucina e il braciere per scaldare il ferro”, ci racconta il signor Angelo. Gli chiediamo subito se c’è da preoccuparsi per il fatto che ci troviamo “all’Infernot”, ma veniamo immediatamente tranquillizzati: di “diabolico” qui ci può succedere solo di commettere qualche innocuo peccato di gola, mangiando e bevendo particolarmente bene. Infatti, la parola “Infernot” indica dei locali sotterranei dove all’epoca si teneva il vino d’annata. Così decidiamo entusiasti di cedere alle tentazioni dell’autentica cucina del territorio, a metà tra il piemontese e il ligure. Iniziamo con degli antipasti a base di salumi del luogo, e assaggiamo anche i peperoni bruschi con le acciughe. Continuiamo con i tipici rabatòn piemontesi, oltre ai ravioli fatti alla vecchia maniera. Come secondo, scegliamo un buon brasato, mentre i nostri amici approfittano della stagione per assaggiare la polenta con i tartufi bianchi e neri. Annaffiamo il tutto con degli ottimi vini dei Colli tortonesi, come il Timorasso e il Barbera, e per finire in dolcezza, abbiamo preso il bunet, dolce tipico della zona, e delle pere cotte nel vino, caramellate. La prossima volta torneremo qui di venerdì, per un’autentica cena di pesce, a base di stoccafisso, baccalà e acciughe fritte. Mentre riprendiamo l’autostrada per la nostra città, pensiamo con affetto al leone di Tortona: è stato davvero generoso con noi.

Francesca Bertha



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alessandria
    Diari di viaggio
    seduzioni e misteri del basso egitto

    Seduzioni e misteri del Basso Egitto

    Il Cairo, con i suoi 10 milioni di abitanti, è l’agglomerato urbano più popoloso dell’Africa. Le sue periferie si sono allargate...

    Diari di viaggio
    trekking in val borbera: l'anello al mignolo

    Trekking in Val Borbera: l’anello al mignolo

    La Val Borbera, una scheggia impazzita di Piemonte conficcata nel dorso del Genovesato, o forse un morso bulimico del mastodonte...

    Diari di viaggio
    un leone sulla strada del mare

    Un leone sulla strada del mare

    sala dai muri antichissimi, e l’atmosfera speciale ci fa sentire subito personaggi di un’opera d’arte. “La via Pelizzari un tempo...

    Diari di viaggio
    il miracolo tra i colli tortonesi

    Il miracolo tra i colli tortonesi

    il dolce paesaggio circostante alla maniera dei signori di una volta. Per rilassarci, abbiamo anche passato alcune ore nella piscina...

    Diari di viaggio
    benessere e avventura in jeep ad acqui terme

    Benessere e avventura in jeep ad Acqui Terme

    "on the road", e l'idea di cimentarci al volante di un'auto che potesse darci emozioni simili a quelle di un rally, ma senza rischiare, ci...

    Diari di viaggio
    il forte richiamo dei sapori di gavi

    Il forte richiamo dei sapori di Gavi

    Sul cartello che indica la strada che dobbiamo percorrere, c'è scritto Gavi Ligure. Non è un errore, anche se ci troviamo nel Basso...

    Diari di viaggio
    in bici a tassarolo, protetti da san rocco

    In bici a Tassarolo, protetti da San Rocco

    Zarri, detto Nanni, ex radiotelegrafista e appassionato del mondo delle radio, ha raccolto e riparato tante vecchie radio che la gente...

    Diari di viaggio
    fattoria di arlecchino

    Fattoria di Arlecchino

    Il verde pastello dei campi di grano di inizio estate, il rosa dei fiori che ci sorridono da ogni giardino, l'azzurro del lago per gli...

    Diari di viaggio
    un borgo d'autore

    Un borgo d’autore

    Si passa sotto l'arco di una porta antica e si arriva nel mondo dei desideri: un paese a misura d'uomo, case colorate i cui muri spessi...

    Diari di viaggio
    dalle colline ai prati: la favola di silvano d'orba

    Dalle colline ai prati: la favola di Silvano d’Orba

    C'era una volta un burattino che si chiamava Silvanino e abitava in un paese tra le verdi colline dove c'era anche un grande castello,...