Un Capodanno inusuale

Difficile trovare un aggettivo per questa esperienza. Dai film a Miami e Cape Canaveral, all'animazione di Walt Disney World fino al relax di Sanibel Island
 
Partenza il: 30/12/2015
Ritorno il: 11/01/2016
Viaggiatori: 3
Spesa: 3000 €

Era arrivata l’estate e con il caldo anche la voglia di mare e vacanza. Personalmente colgo ogni pretesto per cercare un viaggio e convincere la mia compagna a partire e quello era proprio il momento giusto… Avendo un bambino di otto anni, il classico periodo per una vacanza è sicuramente da metà giugno a metà settembre (più o meno…), quando le scuole sono chiuse ma ecco un idea da sottoporre alla “truppa”. Perchè non cercare una partenza, in un posto al caldo, dove poterci anche divertire nella chiusura invernale delle scuole? Beh, con questa mia uscita, ho preso per la gola entrambi e mi sono messo alla ricerca della meta ideale. E quale se non la Florida che accomuna tutti i gusti? Ricerche su ricerche e metto insieme il pacchetto. Per me viaggiare, oltre che cultura, è un hobby talmente grande che impazzirei a stare fermo, a casa, per più di un certo tempo… Certo ci vogliono delle condizioni, ma sono convinto che ognuno di noi può organizzarsi per vivere un piccolo sogno, sempre se i viaggi sono una cosa primaria. Tornando al mio pacchetto, riesco a trovare un volo per Miami della Star Alliance, grande alleanza tra cui spiccano compagnie del calibro di Lufthansa e United Airlines. Al prezzo proposto non c’è neanche da pensarci, Euro 394 A/R cad., per cui prenotiamo immediatamente. Tra l’altro il periodo è perfetto, passeremo l’ultimo dell’anno proprio a Miami, provando ciò che avrei sempre voluto fare, questo periodo al caldo e non al gelo come da noi… Tutti emozionati, passo per passo, costruiamo il nostro itinerario che prevederà una sosta al Kennedy Space Center a Cape Canaveral, il divertimento di Walt Disney World vicino ad Orlando e un po’ di relax a Sanibel Island, keys nel golfo del Messico. Adesso c’è solo da “soffrire” per questi sei mesi che ci separano dalla partenza.

BIENVENIDO A MIAMI

Passa il tempo e arriviamo a Firenze in una mattina del 30 dicembre con destinazione Miami International Airport. Il volo della Lufthansa è ottimo, basta mettere indietro le lancette dell’orologio di cinque ore ed arrivare a Miami Beach, in taxi, all’hotel Harrison prenotato su booking. L’albergo non è dei migliori, lo sapevamo dalle varie recensioni lette, ma abbiamo preferito essere vicini alla spiaggia rinunciando ad un po’ di confort e ad una pulizia a cui è abituato l’italiano medio. Il prezzo per le tre notti è alto per la struttura ma purtroppo è lo standard per questa città, dannatamente cara! Il tempo di posare le valigie e raggiungiamo la spiaggia con una temperatura di 24 gradi. E’ come entrare in un film, molte persone fanno jogging, le altre sono sdraiate al sole, l’oceano un po’ mosso ed i famosi lifeguard nelle loro caratteristiche casette. Facciamo una prima ricognizione sulla Ocean Drive, piena di lussuosi palazzi, bar e ristoranti e ci affidiamo alla nostra Lonely Planet, che si rivelerà ottima partner di viaggio, per la prima cena a Miami. Scegliamo il 11th Street Diner, angolo tra la Washington e l’11ima appunto ed il primo assaggio in terra americana non poteva che essere un ottimo hamburger elaborato a dovere. Sono fatto per questo tipo di cibo! Nicoletta e Lorenzo non stanno certo a guardare con hot dog e alette di pollo. Finisce così, grazie anche alla stanchezza del viaggio, la nostra prima serata a Miami Beach. L’ultimo dell’anno, non vediamo un grande entusiasmo come in Italia, ma forse solo perchè qua è festa tutte le sere. Comunque dopo la mattinata passata in spiaggia tra sole, onde e decine di foto, nel pomeriggio decidiamo di visitare Little Havana. La principale arteria di Little Havana, Calle Ocho, non soltanto taglia in due il quartiere ma ne costituisce il cuore pulsante. Partiamo dal Maximo Gomez Park o come lo chiamano qua dal Domino Park, luogo in cui è ancora viva l’atmosfera della vecchia Cuba, dove le sonore imprecazioni degli anziani che giocano a scacchi si mescolano con il suono secco delle tessere di chi gioca a domino. Mentre passeggiamo cerchiamo la Cuban Walk of Fame, una serie di stelle incastonate nei marciapiedi della 8th St, la Calle Ocho, dedicate a varie celebrità cubane. Infine è la volta dell’acquisto di un paio di sigari, come non assaporarli per questa ultima sera dell’anno 2015. In definitiva Little Havana non ci ha stupito come pensavamo, sarà stata questa particolare serata ? Ai prossimi viaggiatori l’ardua sentenza.

Tornati a Miami Beach, dopo una doccia in hotel, non abbiamo nessuna difficoltà a trovare un posticino in cui cenare. Questo fatto fortifica ancora di più in noi il pensiero che questa giornata è vissuta dalle persone del posto in maniera normale. Comunque il Pink Pork, sempre dalla nostra Lonely Planet si rivela un bel posticino con buona cucina americana. Adesso è il momento di incamminarci verso la spiaggia per assistere ai fuochi d’artificio programmati per salutare il nuovo anno. Ci sono molte persone, Lorenzo, purtroppo si ritira prima in camera insieme alla mamma per un dolore agli orecchi, forse troppe onde nella mattinata, ed io rimango a fare qualche foto. Siamo arrivati al Primo dell’anno, A Lorenzo sembra passato il dolore e dedichiamo le prime ore della mattina al tour dell’Art Decò District iniziando proprio dall’Art Decò Welcome Center. Proseguiamo verso nord notando tre tipici alberghi art decò: il Leslie, un parallelepipedo con sopracciglia aggettanti, il Carlyle dallo stile modernista e comparso nel film Piume di Struzzo e il Cardozo di proprietà di Gloria Estefan caratterizzato da eleganti linee arrotondate. Arrivati all’angolo del Winter Haven Hotel della 14 th St, torniamo indietro per la Washington Ave fino ad incontrare lo US Post Office, purtroppo chiuso e il Wolfsonian FIU, un pregevole museo anch’esso chiuso. Il nostro giro finisce, una volta svoltati nuovamente sulla Ocean Drive, all’Ocean’s Ten Restaurant. Prendiamo qualcosa da un supermarket e ci dirigiamo verso la spiaggia finendo così questo “strano” primo pomeriggio dell’anno. Il meglio deve ancora arrivare, per cui una doccia veloce e via, partenza per l’American Airlines Arena dove ci aspetta la partita valida per il campionato di basket NBA Miami Heat contro Dallas Mavericks. Uno spettacolo nello spettacolo, avevamo già assistito ad un macht della NBA e proprio per questo abbiamo deciso di acquistare i tickets online dall’Italia subito dopo aver prenotato il volo. Non si possono perdere occasioni del genere ed infatti ci divertiamo un sacco. Qua c’è un significato di sport particolare o forse dovrei dire “normale”, come dovrebbe essere ovunque. Per dovere di cronaca gli Heat hanno vinto in modo netto.

Guarda la gallery
miami-beach-wb4wr

Strani segnali a Sanibel Island

miami-beach-sdvcw

Il tramonto di Sanibel

miami-beach-sjrdt

Ft Lauderdale

miami-beach-ak11d

Facciamo un giro ? Alle Everglades

miami-beach-qesgq

Il miglior passatempo di Sanibel

miami-beach-atqfm

Alle Everglades

miami-beach-8v7gp

Un classico a Miami

miami-beach-sw73s

Kennedy Space Center

miami-beach-kxanw

Il meraviglioso castello a WDW

miami-beach-t968c

Domino Park

miami-beach-cx228

Cocoa Beach Pier

miami-beach-q1wag

Epcot

miami-beach-wvccn

Strada interrotta, molo a St. Petersburg



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Miami
    Diari di viaggio
    breve tour della florida in auto

    Breve tour della Florida in auto

    Optiamo per questo viaggio un po’ fuori dai nostri canoni soliti a giugno 2018, sapendo che quella estate ci sarebbe toccato un viaggio...

    Diari di viaggio
    babbo natale regala voli per miami

    Babbo Natale regala voli per Miami

    Era dicembre quando mio fratello si avvicina e a bassa voce mi dice: “Che ne pensi se a maggio andiamo tutti a Miami? Però dobbiamo...

    Diari di viaggio
    florida 2019... e il sogno americano continua

    Florida 2019… e il sogno americano continua

    Regalo di prima comunione per i miei bambini? Quale se non un viaggio spettacolare? E dove si trovano i parchi più belli da visitare ?...

    Diari di viaggio
    guatemala, messico e florida tra vulcani, spiagge e siti maya

    Guatemala, Messico e Florida tra vulcani, spiagge e siti maya

    Key West è certamente piacevole, anche se ormai piuttosto lontana da quell’atmosfera...

    Diari di viaggio
    tour fai da te in guatemala

    Tour “fai da te” in Guatemala

    Eccoci qui al nostro quarto viaggio “fai da te”. Siamo partiti da Milano Malpensa il 28 gennaio per Guatemala City con American...

    Diari di viaggio
    musica e sole... a stelle e strisce

    Musica e sole… a stelle e strisce

    19/08 Finalmente ci siamo: le nostre tanto desiderate ferie sono arrivate! Quest’anno optiamo per un viaggio itinerante: da New...

    Diari di viaggio
    relax in florida

    Relax in Florida

    Ecco il mio diario di viaggio nell'allegra e frizzante Miami, nello splendore delle Keys, un arcipelago di isole che si stendono tra...

    Diari di viaggio
    usa: florida, far west e parchi, eclissi di sole

    USA: Florida, Far West e parchi, eclissi di sole

    Viaggio coast to coast negli Usa, dalla Florida ai grandi parchi del West, Las Vegas e Los Angeles per l’eclisse di sole Diario di...

    Diari di viaggio
    crociera ai caraibi 4

    Crociera ai Caraibi 4

    Finalmente dopo tanto stress e tremila cose da fare per il nostro matrimonio, arriva il giorno della partenza per la nostra luna di miele...

    Diari di viaggio
    la nostra florida on the road

    La nostra Florida on the road

    Abbiamo scelto di partire tra ottobre e novembre dopo esserci confrontati con altri viaggiatori che ci hanno preceduto i quali hanno...

    Video Itinerari