Tutto il Vietnam

Un viaggio attraverso Saigon, Hoi An, Hanoi, Halong Bay...
 
Partenza il: 23/03/2013
Ritorno il: 11/04/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Un viaggio attraverso Saigon, Mekong, Phu Quoc, Huè, Hoi An, Hanoi, Halong Bay, Bac Ha

Dopo aver passato pomeriggi interi in libreria sfogliando le migliori guide turistiche (un po’ come si fa quando si gira il mappamondo) la mia bella tutt’un tratto mi fa: Leggi qui, il Vietnam sembra davvero interessante. Ci sediamo assieme, sfogliamo e leggiamo qualche pagina, vediamo qualche foto e… la scelta è presto fatta: quest’anno si va in Vietnam!

Dopo esserci immaginati già nelle risaie col cappellino in testa, iniziamo lo studio del periodo. Il Vietnam, climaticamente, è diviso in 3 parti: Nord, Centro e Sud. Per farla breve in queste 3 parti si alternano stagioni “fredde”, calde, secche, delle piogge in diversi periodi e facendo la spunta col calendario alla mano, scopriamo che tra marzo e aprile si ha il periodo in cui in tutte e tre le zone si ha la stagione buona/accettabile per andare. Cerchiamo cosi un volo che copra 20 giorni a cavallo tra marzo e aprile e scopriamo che la QATAR AIRWAYS (miglior compagnia aerea nel 2011 e 2012) ci propone un biglietto relativamente economico (900 euro a testa) che fa proprio al caso nostro. Andata Roma-Doha-Ho Chi Minh, ritorno Hanoi-Doha-Roma: in questo modo eviteremo di prendere un ulteriore volo interno. Per fare un paragone altre compagnie “offrivano” il volo a/r roma-saigon (con scali in vari modi) a un centinaio d’euro in meno, a cui pero si doveva aggiungere l’altro volo interno, il tempo in più perso ecc ecc.

Ok, volo preso (tra l’altro la compagnia ci fa già scegliere il menu, cosa utilissima per noi che non mangiamo carne), parte lo studio delle tappe e la successiva prenotazione degli alberghi (interamente effettuata su booking.com, ci siamo come al solito trovati benissimo). Ci siamo mantenuti sulla fascia di prezzo dei 15-20 dollari a notte a coppia (colazione inclusa) scegliendo alberghetti ben recensiti il più possibile vicini alle attrattive turistiche/servizi serali. Devo dire che un po’ per fortuna un po’ perché questi siti sono fatti sempre meglio, le nostre scelte sono state sempre abbastanza azzeccate. Per quanto riguarda la parte burocratica abbiamo fatto i visti direttamente in ambasciata (abitiamo a Roma) al costo di 80 (si avete letto bene, Ottanta) euro a testa, abbiamo stipulato un assicurazione di viaggio che coprisse spese sanitarie, infortuni, smarrimenti furti anche dell’attrezzatura fotografica e abbiamo fatto delle vaccinazioni (sebbene non obbligatorie).

Per quanto riguarda gli spostamenti interni abbiamo prenotato 4 voli con la compagnia di bandiera VIETNAM AIRLINES con cui ci siamo trovati davvero bene (hanno solo il difetto di mandarti milioni di email dopo la prenotazione per chiederti se vuoi comprare un upgrade in business). Il prezzo medio è stato sui 40-50 dollari a volo a testa, bagagli compresi.

Per quanto riguarda il resto del racconto mi limiterò a darvi delle informazioni pratiche e di carattere generale/personale. I luoghi da visitare in ogni cittadine li troverete scritti sulle guide molto meglio di quanto potrei descriverli io

Zaini preparati e si parte, via!

Venerdi 22 Marzo

Si parte alle 19 di sera, voli impeccabili, servizio perfetto, e Sabato 23 marzo alle 19 siamo ad Ho Chi Minh. Abbiamo prenotato l’hotel Yellow House Saigon (22$ a notte con colazione), con servizio di Pickup all’aeroporto (17$). La scelta si rivela azzeccata perché siamo nel distretto 1, a breve istanza dalle attrattive turistiche e praticamente attaccati alla zona di ristorantini e localini serali. L’impatto con questa enorme metropoli asiatica è forte, fortissimo. Fiumi di motorini che sembrano schivare il nostro taxi solo all’ultimo secondo come in un videogioco, milioni di persone riversate per strada e l’assordante e continuo suono dei clacson, che farà da colonna sonora all’intera visita di Ho Chi Minh e Hanoi. Arrivati in hotel posiamo gli zaini e ci tuffiamo nella vita notturna di Saigon: estremamente vivace e giovanile, questa città offre molto al divertimento e infatti passiamo due serate piacevolissime tra ristorantini, bancarelle e localini di vario tipo(gradevole la loro Saigon beer). Saigon è una città che dà di sporco ed è una sensazione che purtroppo avremo addosso per quasi tutta la vacanza (ma già lo sapevamo). Le bancarelle per strada vendono cibi di tutti i tipi, dalle immancabili zuppe (Pho) alla frutta fresca tagliata ai mini barbecue con le seppie essiccate sopra. Noi abbiamo provato un po’ di tutto (anche al famoso mercato cittadino), ma dovete superare l’ostacolo visivo di vedere le “cuoche” affettare pesce, carne e verdura direttamente usando l’asfalto come tagliere, lavare le stoviglie in acqua NERA (lavare significa immergerle in quell’acqua e tirarle fuori) e sopportare l’idea di avere al vostro fianco persone che ruttano e sputano a terra liberamente. Chiedo scusa per queste mie espressioni forse poco elegante ma i racconti di viaggio si scrivono anche per far capire ai lettori cosa aspettarsi. Devo dire che le zuppe e le altre cose mangiate in strada erano effettivamente gustose, ma io e la mia bella ci adattiamo facilmente quasi a tutto.

La tappa successiva prevede 4 ore di pullman (4$) alla volta di Can Tho, la principale città sul delta del Mekong. Tramite l’albergo di Saigon abbiamo prenotato una notte “in famiglia”: praticamente una famiglia che abita nelle campagne sul delta ha costruito 6-7 bungalow in cui può “ospitare”. La loro struttura si chiama MINH VIET (la trovate facilmente su google)e al prezzo di 40$ ci hanno fornito: pickup con 2 moto alla stazione di autobus di Can Tho, noleggio delle bici mini corso di cucina con la classica mamma (ci ha insegnato a far il loro pancake di verdure, è stato divertentissimo provare a spiegarsi visto che lei non parla inglese),cena, 1 notte, Gita in barca di 4 ore al mercato galleggiante, birre e succhi di frutta vari. Devo dire che qui abbiamo vissuto un’esperienza bellissima e autentica. Intanto noleggiando le bici abbiamo girato per questo paesino di campagna che si snoda lungo uno dei tantissimi rami del delta, visti tanti bambini che correvano fuori dalle loro case per salutarci, persone che facevano il bagno o il bucato nel Mekong, che raccoglievano la frutta, che mercanteggiavano in strada, che portavano il bestiame al pascolo lungo il fiume, veramente bello. L’esperienza di stare in una famiglia piuttosto che in un albergo è stata proprio felice perché l’unico della famiglia che parlasse un po’ di inglese (è un ragazzo) ci ha spiegato un sacco di cose sulla loro vita e non solo e poi perché si ha la netta sensazione di fare qualcosa di poco turistico, che non guasta. I bungalow tra l’altro sono proprio deliziosi, ricoperti da foglie di palma imbitumate. In questo periodo c’erano pochissime zanzare, noi abbiamo comunque usato Autan e “Mosquitos net” per la notte (il letto era a baldacchino proprio per questo). Descrivere l’emozione di arrivare al più famoso floating market del mondo nelle primissime ore del mattino è impossibile, un’esperienza davvero da vivere.

Guarda la gallery
phu-quoc-nfy9a

Preghiera nella Pagoda, Ho Chi Minh

phu-quoc-64p74

Birra al tramonto, Phu quoc



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bac
    Diari di viaggio
    tre amiche in vietnam, zaino in spalla

    Tre amiche in Vietnam, zaino in spalla

    Che viaggio è stato: amiche, zaino in spalla, fai da te in autonomia Mezzi di trasporto:1) voli: Qatar da Milano a/r, volo interno...

    Diari di viaggio
    tutto il vietnam

    Tutto il Vietnam

    Un viaggio attraverso Saigon, Mekong, Phu Quoc, Huè, Hoi An, Hanoi, Halong Bay, Bac Ha Dopo aver passato pomeriggi interi in libreria...

    Diari di viaggio
    tre settimane in vietnam

    Tre settimane in Vietnam

    Viaggio di 23 giorni in Vietnam fai da te. Siamo due coppie di adulti senza figli, due sorelle con rispettivi fidanzati agenti immobiliari...

    Diari di viaggio
    un mondo ritrovato

    Un mondo ritrovato

    “Is Iraq another Vietnam?” Titolano i giornali di tutto il mondo dopo le sconvolgenti rivelazioni fatte da alcuni marines pentiti...

    Diari di viaggio
    vietnam da cima a fondo

    Vietnam da cima a fondo

    VIETNAM Volo China airlines con partenza da roma, scalo a Bangkok (1 ora), arrivo a taipei –taiwan, stop di una notte poi Vietnam...

    Video Itinerari