Trieste, ai confini del Bel Paese

3 giorni alla scoperta del capoluogo Friulano
 

Visto l’avvicinarsi del nostro 10° anniversario, io e Dany abbiamo pensato di passare 4 giorni e 3 notti a Trieste, una città che mi ha sempre incuriosito ed affascinato per mille motivi, uno su tutti il fatto di essere geograficamente parlando, una città di confine, sì perché come per altre città visitate in precedenza, mi piace vedere il melting pot creatosi nel corso dei secoli, e devo dire che Trieste la rappresenta in toto.

Vivendo a Trento potevamo scegliere di andare con l’auto, ma abbiamo optato per i mezzi pubblici (che comunque preferiamo), perché ci godiamo di più il viaggio, e perché in questo momento storico abbiamo bisogno di tornare alla nostra “normalità”, quindi il 13/04 alle ore 7:15 prendiamo il primo treno da Trento a Verona, per poi prendere il secondo fino a Venezia Mestre, e infine l’ultimo per Trieste Centrale, dove arriviamo per le 11:45.

Appena scesi dal treno, devo dire che la stazione ferroviaria ci ha fatto una buona impressione; infatti, credo che abbiano terminato da poco i lavori di restauro, visto che ci sono ancora dei ponteggi; usciti, devo dire che la prima cosa che ho visto sono le tante auto che circolano nella zona, non mi aspettavo ce ne fossero così tante! Per non parlare degli scooter che sfrecciano a destra e a manca.

Ci dirigiamo verso l’Hotel B&B che si trova a 200 m dalla parte opposta di Piazza della Libertà (ve lo consiglio per la posizione strategica) dove lasciamo le valigie e andiamo a cercare “ La Pizza di Cittavecchia”, dove ordiniamo 2 pizza Margherita e 1 birra, il personale gentilissimo, ma mi aspettavo di meglio avendo letto le recensioni (impasto più da focaccia che pizza, e mozzarella filante non al massimo), successivamente passeggiamo fino a via Hortis dove prendiamo 2 caffè e ci dirigiamo in Hotel per prendere possesso della camera e darci una rinfrescata.

Nel pomeriggio ci dirigiamo verso il Canal Grande, dove notiamo decine di meduse spiaggiate e altre che stavano partorendo, assurdo, mai visto nulla di simile; dal Canal Grande si vede il fiume che sfocia verso il mare e bar dove servono apertivi a go-go; alle spalle c’è Piazza Sant’Antonio Nuovo con omonima chiesa, e di fianco la Chiesa Ortodossa della Santissima Trinità (molto belli i dipinti con oro che si vedono sulla facciata).

Da qui proseguiamo verso la Piazza Unità d’Italia, uno spettacolo, questo senso di grandezza e magnificenza che trasmette, anche qui naturalmente luogo d’incontro di turisti e Triestini, i dettagli degli edifici li lascio scoprire a voi quando andrete. Proseguendo verso le vie del centro storico partiamo da Via dei Capitelli per vedere tra le case l’arco di Riccardo, fino a salire per la via del castello e vedere per l’appunto il Castello di San Giusto e le vedute che si hanno sulla città a 360° dalle passerelle castellane. Mi fermo per dirvi che se state 3 giorni vi conviene attivare la FVG card al costo di € 25,00 (durata 48h) che vi permette di vedere oltre al Castello anche la Grotta Gigante e il Castello di Miramare, più altri musei, e se ce la fate, sono incluse anche delle degustazioni di vini ma fuori Trieste (infatti noi non abbiamo fatto in tempo).

Usciti dal Castello facciamo in tempo a vedere il Museo d’antichità di JJ Winchelmann (gratuito a prescindere dalla card) dopodiché scendiamo verso Piazza Unità d’Italia, una volta arrivati attraversate la strada per camminare lungo il molo Audace e godervi il tramonto con i versi dei gabbiani come sottofondo e il vento che vi accarezza la pelle o i capelli per chi ce l’ha.

Per la sera, sempre consultando le varie app, scegliamo di provare “Osteria Marise” (consigliata la prenotazione poiché ci sono pochi coperti), appena entrati veniamo accolti dai proprietari e ci sentiamo subito a nostro agio, il locale è curato come le pietanze che ordiniamo, (gnocchi con gulasch, hamburger di Fassona con verdure alla piastra, e per finire crema Catalana). Felici e satolli torniamo in Piazza Unità d’Italia per fare delle foto versione serale con le luci che esaltano ancor di più la magnificenza di questo luogo.

Giorno 2 – 14 aprile

Oggi abbiamo in programma la visita del Castello Miramare, cominciamo subito con un’ottima colazione del “bar alla stazione” vicino l’Hotel con due ottimi cappuccini schiumosi, due cornetti e due caffè.

Finita la colazione andiamo di fianco la stazione centrale alla fermata del bus 6 (vi conviene fare il biglietto giornaliero al prezzo di € 3,00), (se può tornarvi utile proprio lì c’è un supermercato dove facciamo le provviste) con 30 minuti scendiamo alla fermata e tornando indietro attraversiamo la strada imboccando un sottopasso.

Ci troviamo sul viale Miramare e ci dirigiamo verso il castello già visibile perché costruito sul lembo più esterno, infatti sembra sia proprio sul mare; arrivati all’entrata ci troviamo davanti una bella fontana con dei fiori e un pergolato, non essendoci ancora turisti ne approfitto per fare scatti e poi entriamo nel castello per vedere le stanze e conoscerne la storia. Usciti dal castello girovaghiamo all’interno del parco dove ci sono panchine per rilassarsi, soprattutto quella davanti la sfinge di Miramare, dove facciamo un break.

Dal parco scendiamo lungo una comoda scalinata arrivando al capolinea del bus 6 “Grignano”, se volete qui c’è anche la possibilità di mangiare con vista sul porticciolo, noi decidiamo di riprendere il bus e sulla via del ritorno ci fermiamo sul viale Miramare Bovedo per risalire a piedi in direzione Faro della Vittoria. Qui purtroppo apprendiamo che il faro apre alle 15:30, pazienza sarà per la prossima, scendiamo di nuovo sul viale Miramare per farci una camminata nel parco parallelo alla strada nonché sulla passeggiata dove c’è molta gente, e noi ne approfittiamo per sederci su una delle panchine a prendere il sole come lucertole.

Nel pomeriggio tornati al centro visitiamo il museo civico di arte Orientale, carino soprattutto per le armature dei Samurai; di seguito andiamo al Museo Revoltella e poi torniamo in centro in Piazza della Borsa. Per la serata ceniamo all’Osteria ai Maestri, e come al solito ci incamminiamo verso l’hotel passeggiando per il centro e sul molo Audace.

Guarda la gallery
dsc_0039_2_

castello_miramare

dsc_0019_2_

grotta_gigante_2

grotta_gigante_2_

miramare_2

muggia

san_giusto

vista_sul_mare



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su RaccontaItalia
    Diari di viaggio
    il magico incantesimo di capri e procida

    Il magico incantesimo di Capri e Procida

    ”La mia casa deve essere aperta al sole e al vento e alle voci del mare – come un tempio greco – e luce, luce, luce...

    Diari di viaggio
    tre giorni nella sicilia di montalbano meno conosciuta

    Tre giorni nella Sicilia di Montalbano meno conosciuta

    È facile perdersi tra la miriade di tour dedicati a Montalbano offerti nella zona di Ragusa, meta siciliana molto ambita dai fan di Andrea...

    Diari di viaggio
    un incanto chiamato golfo dei poeti

    Un incanto chiamato Golfo dei Poeti

    Per chi, come me, si lascia ammaliare dalla bellezza del mare e sente il bisogno di rigenerarsi lo spirito al semplice contatto con la...

    Diari di viaggio
    sardegna breve, stupenda e intensa

    Sardegna breve, stupenda e intensa

    Con il primo volo Ryanair della mattina con partenza da Bergamo (a/r 30 € prenotato 3 mesi prima  - 10/06/2022-13/06/2022) arriviamo a...

    Fuga Invernale nel Sud Sardegna

    periodo Epifania 2022 - durata 5gg Itinerario: Cagliari-Oristano-Baunei-Villasimius-Cagliari volo su Cagliari Auto a noleggio per tutta la...

    Diari di viaggio
    pescara: una città da correre

    Pescara: una città da correre

    Arrivo a Pescara quasi per caso, senza troppe aspettative, forse perché di Pescara si dice sempre poco. Ma voglio comunque darle una...

    Diari di viaggio
    palermo, una donna dai mille volti sdraiata sul mare

    Palermo, una “donna” dai mille volti sdraiata sul mare

    Palermo è un salotto sul mare, è una città open 24 su 24.È una città rock, una capitale mediterranea in cui vivono mille...

    Diari di viaggio
    marche on the road

    Marche on the road

    Oggi vi racconto del nostro viaggio on the road nelle Marche, una regione che non lascerà insoddisfatto nessuno: ricca di paesaggi...

    Diari di viaggio
    tra liguria, toscana e… ancora toscana. destinazione: lucca

    Tra Liguria, Toscana e… ancora Toscana. Destinazione: Lucca

    Ultimo controllo bagaglio.Macchina fotografica? C’è.Taccuino e penna? Ci sono.Guida rossa? C’è.Guida rossa della...

    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...