Tre settimane in giappone self made spendendo poco

Sfatiamo il mito che il Giappone è carissimo! Dipende da come ci si approccia, se si va con l’agenzia turistica certo i prezzi salgono, ma se ci si rivolge a un esperto conosciuto in rete di cui non dico il nome, per non fare pubblicità, già i prezzi si abbassano. Se si va organizzandosi da soli poi tutto diminuisce ancora. Anche la stagione...
 
Partenza il: 08/10/2019
Ritorno il: 28/10/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

Sfatiamo il mito che il Giappone è carissimo! Dipende da come ci si approccia, se si va con l’agenzia turistica certo i prezzi salgono, ma se ci si rivolge a un esperto conosciuto in rete di cui non dico il nome, per non fare pubblicità, già i prezzi si abbassano. Se si va organizzandosi da soli poi tutto diminuisce ancora. Anche la stagione conta, noi siamo andati in Ottobre, ovvio che se si va ad Agosto o nel mese dei ciliegi in fiore, i prezzi aumentano.

A) Il mezzo con cui viaggiare è importante, se avete tempo come noi, usare i bus, che sono bellissimi e comodissimi, fa spendere meno di un quarto rispetto ai treni soprattutto i shinkansen. Prenotare in anticipo on line

B) Il prezzo del cibo è confortante, nei ristorantini, mangiando un piatto e bevendo ve la cavate con 10/12 euro a testa, se mangiate sushi, se no anche con 5 euro se mangiate ramen (zuppa con tagliolini e carne o verdure, o tagliarini tipo cinesi e bevendo birra. Fra l’altro i ristorantini vi offrono comunque acqua fresca gratis (l’acqua in Giappone è potabile ovunque) e normalmente i Giapponesi, mangiando, bevono acqua.

C) Per quanto riguarda il viaggio aereo, se si prenota per tempo con 600 euro a testa (noi siamo andati con Etihad) ve la cavate.

D) Alberghi, se si prenota per tempo, e tenendo conto che in Giappone è tutto super igienico, ve la cavate spendendo dai 70 ai 100 euro, camera doppia con bagno privato e , a volte con angolo cottura. Specificherò meglio i prezzi strada facendo. I ragazzi possono spendere molto meno anche 35 euro nei dormitori degli ostelli.

E) L’itinerario: noi in tre settimane abbiamo fatto: Tokyo, Kanazawa, Kyoto, Nara, Hiroshima e Miyajima e Beppu

F) È bene comprare una prepagata SUICA che si compra all’aeroporto e si carica anche nei supermercati, con questa si paga quasi ovunque

G) Per Tokyo comprare abbonamenti per la metro o da 72 o da 48 ore a seconda di quanto state, sono molto economici

H) Dall’aeroporto l’unica navetta che costa poco Keisei main line rapid il biglietto si fa in aeroporto

I) Problematiche linguistiche: tendenzialmente pochi parlano la lingua inglese correntemente, ma cercano di aiutarti, dicendo come with me e ti portano dove vuoi andare. Poi ci sono anche quelli che preferiscono non risponderti, perché sono timidi. Ma non è così drammatico come credevamo, quasi sempre trovate scritto anche nel nostro alfabeto, se no chiedete, se poi avete google map (noi non lo avevamo) con una scheda giapponese, tutto è più semplice

I nostri alberghi: tenete conto che il check in si fa in media alle 14 o dopo, ma tengono i bagagli.

Tokyo: Sky capsule Hotel è a Nakai station, comodissimi perché si è a Shinjiuku senza averne il casino, in più sembra di essere in un borghetto, con i suoi ristorantini. Chiamare Hotel il Capsule è eccessivo è un ostello anche con camere doppie con bagno e frigo, pulite ma con finestra su di un muro. La colazione è compresa, ma bisogna farsela in uno spazio che è attrezzato, ma molto ventoso. Il prezzo è contenuto 70 euro per due.

Kanazawa: noi abbiamo scelto Vacational rental sunny Heights è vicino al parco dove vi è il castello, ma un po’ lontano da ristorantini ecc, in compenso si dorme sui tatami e si ha un angolo cottura con frigo. Prezzo 50 euro a notte. Dall’esterno non sembra bello perché è un edificio grigio, ma dentro è grazioso. I bagagli dovete lasciarli in stazione perché sino alle 14 non c’è nessuno a ricevervi.

Kyoto: Orient Gojozaka è stata la nostra guest house, in questo caso è riduttivo chiamarla guest house, perché avrete un piccolo monolocale, con angolo cottura e un bagno super-tecnologico, la camera non è piccola e ha finestra e balcone e la posizione è buonissima perché si è vicino al tempio più importante Kyomistu dere temple e alla Yasoka pagoda. 45 euro a notte e si è ai limiti del quartiere Gyon raggiungibile e visitabile a piedi

Nara: Whashinton Hotel Plaza, questo è un hotellone a tutti gli effetti nell’isola pedonale e vicinissimo alla stazione. Camera piccola ma con finestra e bel bagno, bollitore e frigo. 53 euro a notte

Hiroshima: Sejour Fujita vicino al Memorial hall, ma anche non lontano dalle gallerie alla moda. Dovete raggiungerlo con con il train car che è un tram dalla stazione dei treni, ci vanno il 2 e il 6. Circa 70 euro a notte, avete un monolocale a tutti gli effetti con spazio, bagno, bollitore e angolo cottura e un balconcino, noi eravamo al 12° piano e avevamo una bella vista.

Beppu: Business Hotel Star 60 euro a notte, è un hotel rinnovato, che odora di nuovo, camera piccola con bel bagno, distributore di te gratuito su ogni piano. È attaccato alla stazione, e quindi molto comodo, non dovete pensare alle nostre stazioni, lì sono centri commerciali, molto sicuri. Anzi, qualsiasi dubbio avete su dove andare, andate in stazione e di solito troverete la risposta e questo vale per ogni luogo.

E ora parliamo del viaggio vero e proprio, era ora!

Il Giappone, per quanto abbiate letto, vi abbiano raccontato, visto foto, è comunque sorprendente! È un mondo a sé per modo di vivere e comportarsi, però per capire veramente ciò dovete mischiarvi a loro, andare sulla metro, sul tram, nei loro ristorantini, o mangiare a un family mart (catena di supermercati) e ancora temo ci sarebbe molto altro da sapere e capire, ma bisognerebbe andare nelle famiglie.

Tokyo è da veder soprattutto per quel che riguarda i vari quartieri: Ueno sulla collina, meta domenicale dei giapponesi, i quartieri di Ameyoko, Asakusa, che ancora conservano quello che speravo di veder del Giappone non tecnologico con bancarelle e odore di pesce ovunque e poi ci sono i quartieri come Chibuya con la statua di Achiko e i negozi alla moda e i grattacieli con le immagini in movimento. Visitate il quartiere di Kagurazaka, con vicoletti, pasticcerie tipo francesi, ristoranti italiani. Ginza alla moda e il grattacielo della Metropolitan Governement Building gratuito, dal quale si vede Tokyo dall’alto e quando si è fortunati il monte Fuji e noi lo siamo stati.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su beppu
    Diari di viaggio
    tre settimane in giappone self made spendendo poco

    Tre settimane in giappone self made spendendo poco

    Sfatiamo il mito che il Giappone è carissimo! Dipende da come ci si approccia, se si va con l’agenzia turistica certo i prezzi salgono,...

    Diari di viaggio
    hong kong e giappone

    Hong Kong e Giappone

    Takayama (ordine di visita stabilito secondo il meteo). Raggiungo il vicino ostello (6.900y, pago con la prepagata 54,61€) che si...

    Diari di viaggio
    giappone, consigli e cronaca di un viaggio da sogno

    Giappone, consigli e cronaca di un viaggio da sogno

    Come succede ormai da anni, ci riuniamo a Gennaio per prenotare il viaggio e, come sempre, non siamo noi a decidere dove andremo ma le...

    Diari di viaggio
    hanami in japan

    Hanami in Japan

    Dall’Honshu al Kyushu by Natasha Io ed il mio compagno Enrico decidiamo di recarci nel Paese del Sol levante durante il periodo della...

    Diari di viaggio
    giappone fai da te da tokyo a beppu - famiglia di 4 adulti -

    Giappone fai da te da Tokyo a Beppu – famiglia di 4 adulti –

    Vacanza in Giappone 09/08/2011 - 26/08/2011Partecipanti: tutti(Cambio valuta 1 € ~= 106¥)Prologo:A fine febbraio...

    Diari di viaggio
    non solo tokyo e kyoto!

    Non solo Tokyo e Kyoto!

    Il rumore delle città e il silenzio dei templi, la moda sfrenata dei giovanissimi e i tradizionali kimono dai preziosi tessuti,...