Tour in Namibia

Una meta che lascia il segno... sensazioni uniche in un luogo unico
Scritto da: giottomolly
tour in namibia
Partenza il: 05/08/2012
Ritorno il: 24/08/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

A distanza di diversi mesi dal rientro da questo splendido viaggio siamo riusciti a mettere per iscritto quello che ci sembrava più importante trasferire a chi intende affrontare questa incredibile e fantastica avventura.

Il nostro viaggio è durato circa 20 giorni con partenza dall’Italia il 5 Agosto 2012 e rientro il 24 Agosto 2012. In realtà, però, la pianificazione del viaggio è stata molto più complessa, iniziando a sognare da febbraio fino a concludere le prenotazioni a marzo. Dopo aver deciso nel dettaglio itinerario e lodge abbiamo infatti iniziato a chiedere alcuni preventivi, sia di agenzie italiane che di agenzie in loco. La nostra agenzia di fiducia era completamente fuori budget, mentre invece le agenzie in loco hanno prezzi molto competitivi e per di più conoscono il loro territorio approfonditamente, sapendo consigliare i clienti in funzione delle specifiche esigenze. In più… ce ne sono molte in lingua italiana! Per quanto ci riguarda ne abbiamo contattate diverse e dopo attente valutazioni abbiamo scelto Hb Tour & Safaris di Emilano. Il loro pregio, oltre al prezzo migliore di tutti, è la simpatia e la disponibilità di Emiliano in fase di pianificazione del viaggio, che trovavamo su skype praticamente a qualsiasi ora e sempre pronto a rispondere a qualsiasi domanda o a risolvere qualsiasi dubbio. Per noi è stato una fonte inesauribile di notizie ed informazioni utili e la sua passione per il suo lavoro è contagiosa. In loco invece siamo stati assistiti da Stefania, una persona eccezionale. Ci ha seguito durante il tour ed è stata sempre disponibilissima anche a prenotarci escursioni o cene all’ultimo minuto. Sinceramente avere a disposizione qualcuno in loco su cui contare dà serenità nell’affrontare la vacanza senza pensieri. L’unico neo di prenotare all’estero è il pagamento che tutte le agenzie namibiane richiedono in ZAR o in NAD, creando, oltre al problema della fluttuazione del cambio, anche il problema delle commissioni su bonifici in valuta estera. Il consiglio è quello di richiedere all’agenzia una valutazione in dollari usa (che molte banche trattano e ciò riduce i costi di transazione – alcune banche infatti consentono il pagamento in dollari usa anche tramite bonifici on line e così le commissioni sono ulteriormente ridotte).

Ed ecco i dettagli del viaggio.

Km percorsi: 5.186

Di cui: Windhoek-Mariental 264 Mariental-Fish river canyon 473 Fish river canyon-Aus 348 Aus-Luderitz 186 Luderitz-Tiras Mountain 254 Tiras Mountain-Sesriem 296 Sesriem-Solitaire 191 Solitaire-Swakopmund 360 Swakopmund-Walvis Bay 140 Swakopmund-Damaralnd 338 Damaraland-Opuwo 461 Opuwo-Epupa 180 Epupa-Kamanjab 393 Epupa-Etosha 300 Etosha 426 Etosha-Otjiwarongo 358 Otjiwarongo – Windhoek 218

Costi p.p:

Servizi Agenzia € 2.989,30 Voli € 1.172,00 Assicurazione medica/bagaglio/annullamento € 162,50

Spese durante il tour (in coppia):

Varie € 107,08 Pasti € 534,36 Escursioni € 389,13 Carburante € 600,96 Shopping € 320,23

Gli indispensabili:

– macchina fotografica ben attrezzata con ottimo zoom e se possibile un fisheye;

– burro cacao farmaceutico (davvero utilissimo);

– phon da viaggio (se visitate il Paese nei loro mesi invernali il phon vi sarà utile. Non sarà sempre possibile utilizzarlo perché non in tutti i lodge/campi sarà disponibile la corrente elettrica, ma averlo con sé è utile perché in pochissimi lodge è disponibile. Noi li abbiamo trovati solo a: Nest Hotel – Namib Desert Lodge – Namib Guesthouse – Opuwo Country Lodge – Halali – Safari Court Hotel);

– Showercap: se avete capelli lunghi che non sempre potrete lavare ed asciugare averne una è utile poiché non in tutti i lodge è disponibile;

– Abbigliamento a strati, guanti, cappello di lana, pigiama pesante e leggero, calze di lana per la notte: al sud nei mesi invernali può fare davvero molto freddo, soprattutto di mattina e di notte. Noi non abbiamo portato piumini ma pile di diverse pesantezze (uno molto pesante, uno medio e uno leggero) più un giacchetto antivento (tipo barbour per capirsi) e ci siamo trovati bene. Per la notte invece indispensabile pigiamone pesante e calzettoni di lana; al nord però fa caldo quindi meglio attrezzarsi anche con un pigiama leggero. Sono poi necessari pochi cambi perché le laundry dei lodge sono ben organizzate ed economiche, ovviamente occorre soggiornare almeno 2 notti per usufruire del servizio, per cui programmate almeno un pit stop tecnico a metà della vacanza;

– Un ultimo consiglio: dotatevi di una carta di credito Visa perché è quella che dà meno problemi di tutte, mentre Mastercard di tanto in tanto non dà le autorizzazioni alla transazione (noi avevamo l’una e l’altra e abbiamo usato spesso Visa perché Mastercard non la prendeva). Importante poi controllare che il bancomat sia Cirrus in modo da poter prelevare all’estero. E’ davvero un servizio molto comodo, con lo stesso PIN italiano si può prelevare agli sportelli ATM ad un costo inferiore rispetto al prelievo con carta di credito.

Mance: per farli felici una buona mancia è 5/7 Nad se di giorno e 10 se di notte ai parcheggiatori, ma se lasciate sempre 10 Nad vi saranno riconoscenti. Alle guide 100 Nad ma solo se davvero se lo meritano; il 10/12 % al ristorante, ma anche qui solo se il servizio è stato davvero apprezzabile. Mi è capitato di lasciare gli ultimi 20 Nad ad una signora delle pulizie in aeroporto e lei si è commossa… per me erano solo 2 caffè…

Rete WIFI: per chiamare casa noi abbiamo utilizzato Skype. La rete wifi è disponibile in molti Lodge a pagamento a prezzi economici (ad esempio: Anib Lodge – Canon Lodge – Desert Horse Inn – Nest Hotel – Opuwo Country Lodge – Mushara Lodge) e gratuita in altri (pochi) (ad esempio: Hoodia Desert Lodge – Namib Guesthouse – Safari Court). Per quanto ci riguarda noi abbiamo utilizzato la scheda telefonica namibiana Tango (della MTC) caricata per l’utilizzo dati internet e siamo sempre riusciti a comunicare. La nostra ricarica era di 1GB ma ci è avanzata (per 20gg di utilizzo) quindi consiglio di caricarne solo 500MB se lo scopo è comunicare con casa.

Toilette pubbliche: recensisco anche questa delicata questione visto che sono una persona piuttosto difficile sull’argomento igiene e sottolineo che in generale sono pulitissime, davvero. Ne abbiamo trovate diverse sparse lungo il tour (Quivertree forest – Giant’s Playground – Hobas (Fish river canyon) – Pozza di Garub – Koolmanskoop – A tutti i punti di sosta della penisola di Luderitz – Foresta pietrificata). Terribili invece quelle nel parco di Sossusvlei e nell’Etosha. A Windhoek inoltre ve n’è una disponibile e molto ben tenuta al negozio/bar Namib Craft proprio di fronte al parcheggio sopraelevato dell’Hilton sulla Indipendence Ave che tra l’altro è oltre che un negozio di souvenir interessante anche un buon punto di ristoro.



    Commenti

    Lascia un commento

    Epupa Falls: leggi gli altri diari di viaggio