Tour della Valle d’Aosta tra castelli, paesaggi e trekking

Ritorno alla montagna, la bellissima Valle d'Aosta, i suoi castelli, i suoi paesaggi e anche la buona cucina
 
Partenza il: 23/06/2016
Ritorno il: 29/06/2016
Viaggiatori: 3
Spesa: 1000 €

Valle d’Aosta – 23/29 giugno 2016

Quest’anno ho voluto rivivere un vecchio – ma mai tramontato – amore: la Montagna!

Quindi, con ragionevole anticipo, monitorando per un periodo già nei mesi di gennaio/febbraio il sito della Ryanair, ho trovato il volo Palermo/Torino alle 6,30 del 23 Giugno 2016 Torino/Palermo e alle 17,50 del 29 Giugno a 52 € a persona. Fatta la parte più importante, il resto l’ho organizzato circa un mese dopo con più calma.

La meta che avevo in mente era la Valle d’Aosta, che torno a visitare per la terza volta (più una breve per lavoro). Allora consultando il mio imprescindibile booking.com trovo il B&B Les Noyers a Verrayes, proprio a 2 km da Fenis e 5 minuti di auto da Aosta, che si trova in posizione strategica rispetto a tutte le destinazioni che ho in mente di raggiungere: al centro! Per cui sia che volessi andare a Courmayeur o Gressoney, piuttosto che Cervinia o Cogne… stava sempre al centro! Ma chiaramente, oltre la posizione geografica, ciò che mi ha immediatamente convinto sono state le ottime recensioni (9,4 su booking) che i viaggiatori hanno lasciato dopo avervi soggiornato. Il prezzo per 6 notti in tripla con colazione: 500€.

Adesso serve l’auto. Considerando i percorsi che ho in mente di fare, sarebbe d’uopo un Suv! Lo trovo con Goldcar all’aeroporto di Torino Caselle. In realtà è a un paio di minuti: ti prendono e ti riportano con una navetta che si fa trovare in coincidenza con l’orario del vostro volo, badate bene, proprio all’uscita delle partenze, non agli arrivi dove arrivate: bisogna salire al piano superiore. Ho preso una Nissan Qashqai 1.5 turbodiesel full optional e al primo noleggio , per poco più di 300 €, di cui circa 180€ solo per avere l’assicurazione casco (niente franchigie, niente pensieri!). Il personale dell’ufficio noleggio del posto è stato decisamente cortese e professionale: In assoluto una esperienza più che positiva!

La prima tappa è lo Juventus Stadium (eh si… confesso la mia fede!), dove facciamo un giro nel centro commerciale all’interno dello stesso e acquistiamo un pò di gadget presso lo Juve store.

A seguire, ci dirigiamo verso la Fortezza di Bard, bellissimo complesso fortificato del tardo medioevo che rappresentava la prima contrapposizione militare nel sud della valle. Restaurato una ventina di anni fa, ospita mostre e in qualche occasione è stato set di importanti eventi cinematografici: nel 2014 The Avengers: Age of Ultron, della marvel! La parte più alta è raggiungibile da modernissimi ascensori panoramici. All’ingresso inferiore c’è un grande parcheggio riservato ai visitatori che non costa molto: per circa 5 ore ho pagato 5€. Proprio adiacente al forte insiste un grazioso borgo medioevale che vale la pena di visitare. Alla fine del quale, proprio quando si arriva sulla SS26 e quindi all’ingresso del parcheggio, abbiamo trovato il bistrot “ad Gallias”. Qui abbiamo consumato il nostro primo pasto Valdostano! Ottimi i salumi, eccezionale il lardo di Arnard con castagne e miele caldo e una carbonara di tutto rispetto! Per 3 circa 50€… non male come inizio!

Ora proseguiamo per arrivare al nostro B&B di cui sopra… che in mezz’oretta raggiungiamo facilmente. Ottima accoglienza! La signora Annamaria è – e cosi è stata per tutto il periodo – Dolcissima e delicatissima! La stanza, una tripla, rimane nella mansarda e offre un panorama spettacolare! Consegnate le chiavi e sbrigate le formalità burocratiche, ci diamo appuntamento per l’indomani alle 8.00 per la colazione.

Ci sistemiamo, rinfreschiamo e torniamo di nuovo in strada, in direzione della vicinissima Fenis e il suo Castello. Bellissimo, ma data l’ora tarda è chiuso. Ci godiamo lo spettacolo che offre, grazie al sole che tramontando lo avvolge di una rosata luce delicata… Cerchiamo un posto per la cena, ma non sembra un’impresa semplice: pochissimi locali e quasi tutti chiusi. Troviamo aperto “lo bistrot”, locale semplice con alcuni tavoli all’esterno… aggiudicato. Nel posto pare si ritrovino anche alcuni indigeni per una birretta e una chiacchierata dopocena. Abbiamo preso una pizza, una salsiccia con polenta concia e una carbonade con polenta concia, non male. Anche i prezzi:adeguati.

Venerdì 24 giugno

Alle 8 scendiamo per la prima della serie di colazioni preparate dalla signora Annamaria di cui tanto bene avevo letto…Confermo tutta la bontà dei prodotti e la straordinaria disponibilità della signora nel cercare di accontentare ogni desiderio…anche quelli inespressi! Le Torte fresche preparate da lei stessa, ovviamente, sono state ogni giorno il momento più eccitante della mattina!

La nostra prima meta non può che essere il Monte Bianco, per cui appena pronti ci avviamo, tramite la vicinissima autostrada e in poco più di mezz’ora ce lo ritroviamo davanti in tutta la sua bianca maestosità! Base di partenza della nuovissima funivia Skyway: Courmayeur. Lasciamo l’auto nel parcheggio coperto proprio sotto la biglietteria (alla fine per circa 4 ore abbiamo pagato 5€) e ci mettiamo subito in fila per acquistare i biglietti: 48€ per gli adulti e 34€ i ragazzi.

La cabina circolare che, salendo, gira su stessa a 360° è molto suggestiva, ma… ci si entra in 60! E ognuno ha almeno uno zaino che nel caso di alpinisti o similari che ne fruiscono, sfiora le dimensioni di un baule! Ergo, si sta come sardine in scatola!! Sei fortunato solo se riesci a prendere posto vicino alle vetrate e ti puoi godere il paesaggio. Quindi, si arriva alla prima stazione, Pavillom, circa 2170 m di altezza, qui potete fare un giro nel giardino, oppure nel centro shopping o semplicemente acclimatarvi/abituarvi per poi proseguire la salita. Noi abbiamo fatto un bel giro e appena abbiamo visto che una delle cabine che saliva non era pienissima, siamo andati su, a punta Helbronner…spettacolo! Hanno davvero fatto un bel lavoro: passerelle, punti panoramici allestiti ad arte, insomma potrete godere il panorama da tutte le prospettive possibili. A noi, poi, è capitata una giornata meravigliosa: cielo terso e azzurrissimo, temperatura gradevole, davvero una gran fortuna! Dalla stazione si può raggiungere, tramite una ascensore che scende per qualche centinaio di metri nella roccia e dopo tramite un tunnel che la attraversa si raggiunge il rifugio Torino. La vecchia stazione e rifugio ante skyway. Anche li facciamo un giro, avremmo voluto mangiare qualcosa, ma era tutto pieno, prevalentemente dalle guide che, immagino, erano in pausa pranzo…

Guarda la gallery
valle-d-aosta-1gz8f

castel savoia

valle-d-aosta-u4um1

castello di fenis

valle-d-aosta-4gwm6

chamois

valle-d-aosta-rp5e5

lago bleu cervinia

valle-d-aosta-4c7db

chamois

valle-d-aosta-tb2ag

castello di issogne

valle-d-aosta-q3uqm

gressoney

valle-d-aosta-gqqmy

fortezza di bard

valle-d-aosta-pmzsm

punta helbronner



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cervinia
    Diari di viaggio
    fra cascate, laghi alpini e castelli 2

    Fra cascate, laghi alpini e castelli 2

    A distanza di 30 anni siamo tornati in Valle d’Aosta per due settimane. Qui un racconto veloce che spero possa essere utile a qualcuno....

    Diari di viaggio
    tour della valle d'aosta tra castelli, paesaggi e trekking

    Tour della Valle d’Aosta tra castelli, paesaggi e trekking

    Valle d'Aosta – 23/29 giugno 2016 Quest’anno ho voluto rivivere un vecchio - ma mai tramontato - amore: la Montagna!Quindi, con...

    Diari di viaggio
    relax in val d'aosta

    Relax in Val d’Aosta

    Siamo partiti da Milano abbastanza presto e la nostra prima tappa è stata CHATILLON (500 mt slm): un paese proprio vicino...

    Diari di viaggio
    valle d'aosta: girovagando tra castelli e montagne

    VALLE D’AOSTA: girovagando tra castelli e montagne

    23 giugno 2007 sabato Come programmato, partiamo per la Valle d’Aosta dove ci fermeremo per circa una settimana. Sono le 3:20 quando...

    Diari di viaggio
    val d'aosta

    Val d’aosta

    Val D’Aosta Ci sono stata due volte, per ora. La prima volta dal 17 al 19 agosto 2003. Prima fermata: Fenis e visita al castello. È una...

    Video Itinerari