Tour della Sardegna settentrionale

Natura lussureggiante, mare favoloso, tradizioni e ottima gastronomia
 
Partenza il: 10/07/2016
Ritorno il: 20/07/2016
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

1° giorno: San Pantaleo e Porto Rotondo

L’ottima compagnia “Grimaldi Lines” ci accoglie a Livorno per traghettarci, dopo 9 anni di assenza, nella bellissima Sardegna. Arriviamo ad Olbia in una calda ed assolata mattinata di luglio e una volta scesi a terra la nostra prima destinazione è la tradizionale “Pasticceria Loi” in Via Vespignani. Qui ingredienti di qualità e maestria la fanno da padrone. Se volete provare specialità sarde come i morbidi amaretti, le profumate formaggelle e tanti altri dolci tradizionali siete nel posto giusto. Rapporto qualità/prezzo eccezionale e turisti trattati alla stregua dei clienti abituali. Bravi! Dopo questa sosta golosa ripartiamo in direzione San Pantaleo dove abbiamo preso un appartamento in affitto. San Pantaleo è un piccolo borgo sulle colline ma a pochi km dalla Costa Smeralda. Un caratteristico e autentico borgo, con grandi potenzialità, abitato da gente del posto ma frequentato anche da artisti bohèmien e dal “bel mondo” che nel tardo pomeriggio si ritrova per l’aperitivo nei locali della suggestiva piazzetta centrale. Noi invece ci ritroviamo a passeggiare tra i suoi vicoletti fiancheggiati da casette in pietra con le imposte colorate e profumate bouganville, gli atelier artistici, i curati negozietti e ci sembra quasi di essere in Provenza più che in Sardegna.

Dopo esserci sistemati e aver pranzato partiamo alla scoperta dei dintorni. Destinazione Porto Rotondo. Porto Rotondo è un esclusivo e curato insediamento turistico che si sviluppa intorno alla piccola e rotonda Piazza San Marco e al frequentato porto. Passeggiamo lungo le sue lastricate stradine fiancheggiate da negozi e locali alla moda e incrociamo la Chiesa di San Lorenzo, la circolare Piazza San Marco, la Vecchia Darsena, Piazza Casbah fino alla rilassante Passeggiata del Porto con i suoi yacht ormeggiati in bella mostra. I bambini, invece, si lasciano conquistare da Via del Molo, artistica via a mosaico che raffigura la “catena alimentare” con “onde marine” e pesci più grandi che rincorrono pesci più piccoli dagli occhi luminescenti. E così mentre loro saltellano da un pesce ad un altro “risaliamo la corrente” e ci avviamo verso San Pantaleo per la nostra prima serata in terra sarda.

2° giorno: La Spiaggia del Principe e Romazzino

Destinazione la Spiaggia del Principe. La Spiaggia del Principe deve il suo nome al Principe Karim Aga Khan che all’inizio degli anni ’60 diede vita a quello che è oggi la Costa Smeralda. Immersa nella macchia mediterranea vi si accede percorrendo la lunga Via Romazzino e girando per Via degli Asfodeli. Una volta raggiunto il parcheggio si imbocca il comodo sentiero di fronte, chiuso da una sbarra ma accessibile a piedi, e in 10 minuti si arriva alla spiaggia. Al mattino presto quando siamo arrivati noi era praticamente deserta e paradisiaca. I bambini in tempo 0 si piazzano sul bagnasciuga per iniziare la loro “giornata di lavoro balneare” e aprono il cantiere per la costruzione di un Castello mentre noi ammiriamo incantati questa piccola caletta di sabbia fine e chiara affacciata su un mare trasparente verde smeraldo e incorniciata dai tipici massi granitici della zona. Ci godiamo la spiaggia quasi in solitudine per un’oretta poi pian piano la spiaggia inizia a riempirsi. I nostri vicini di ombrellone, due fidanzati argentini, sembrano usciti direttamente da una rivista di moda. Iniziamo a chiacchierare con loro e scopriamo due persone, oltre che belle, davvero piacevoli. Ci raccontano della loro particolare attività. Vendono vestiti sulla spiaggia ma non si limitano a farli provare alle loro potenziali clienti. Lei, infatti, è una modella e mostra i capi che vendono indossandoli e “sfilando” sul bagnasciuga. Aprono “bottega”, tempo 10 minuti e davanti al loro “shop on the beach” c’è la fila. Decine di signore sono intente a provare e acquistare vestiti con la speranza che su di loro facciano lo stesso effetto che facevano sulla modella argentina. Dopo due ore ormai la tranquillità della spiaggia è solo un lontano ricordo ed è invasa di bagnanti. Noi però non ce ne facciamo un cruccio e “partiamo” in esplorazione con i bambini a bordo del nostro “potente” materassino, mentre al largo gli yacht ormai non si contano più.

Pranzo al sacco, una lunga chiacchierata con i nostri affabili vicini argentini e pomeriggio nella vicina Spiaggia di Romazzino. Spiaggia davvero bellissima al tramonto con i suoi colori che variano dal giallo ocra della sabbia all’azzurro del mare limpido e calmo fino al verde dei giardini che quasi lambiscono la spiaggia. Uno scenario da cartolina. La nostra prima giornata in Sardegna non poteva andare meglio. La sera restiamo a San Pantaleo e andiamo a mangiare una buona pizza alla “Pizzeria Ichnos”. L’atmosfera nel borgo è tranquilla e rilassata con i bambini che giocano in piazzetta, i turisti che curiosano tra i negozietti aperti e i tanti avventori che si godono la serata seduti nei dehors dei vari locali. Prima di tornare a casa ci gustiamo un gelato e poi tutti a nanna.

3° giorno: Capriccioli e La Celvia

Destinazione Capriccioli. Transitiamo affianco al raffinato Hotel Cala di Volpe, uno degli hotel più famosi della Costa Smeralda, proseguiamo per la Spiaggia della Celvia ed arriviamo al comodo e grande parcheggio a pagamento di Capriccioli. Le spiagge gemelle di Capriccioli sono facilmente raggiungibili a pochi metri e sono immerse nel verde. E’ mattina presto e i bagnanti sono pochissimi. Davanti a noi si para una spettacolare piscina naturale racchiusa ai lati da rocce granitiche che affiorano dall’acqua. Le due spiagge a ferro di cavallo sono di sabbia bianca e fine e particolarmente adatta ai bambini perché riparate dai venti. Passiamo una mattinata bellissima e Giulia e Matteo si divertono un mondo a “scalare” le rocce dalle quali si ha una bella vista dall’alto e a giocare nell’acqua bassa e trasparente insieme ad alcuni bambini pugliesi conosciuti sulla spiaggia. Pranzo al sacco e nel pomeriggio ci spostiamo nella vicina Spiaggia della Celvia. Anche qui comodo accesso, bell’atmosfera, acqua cristallina e sabbia chiara di grana grossa. Capriccioli però ci è rimasta nel cuore. Curiosi di provare le specialità sarde abbiamo prenotato una cena nell’ottimo “Agriturismo San Giovanni” nelle campagne di San Pantaleo. La location è rustica come si conviene ai veri agriturismi ma senza tralasciare l’ordine e la pulizia. L’accoglienza è impeccabile ed il menù, a prezzo fisso, è abbondante e di qualità. Davvero affabili i camerieri. A trovarne di personale così. Usciamo rotolando più che camminando, soddisfatti dell’esperienza culinaria: dagli antipasti ai dolci passando per i primi e i secondi. Tutto da leccarsi i baffi.

Guarda la gallery
mare-9hrqx

Tour della Sardegna settentrionale tra natura, tradizioni e gastronomia



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Arcipelago della Maddalena
    Diari di viaggio
    tour della sardegna settentrionale

    Tour della Sardegna settentrionale

    1° giorno: San Pantaleo e Porto Rotondo L’ottima compagnia “Grimaldi Lines” ci accoglie a Livorno per traghettarci, dopo 9 anni di...

    Diari di viaggio
    di spiaggia in spiaggia: alghero e dintorni
    FDM

    Di spiaggia in spiaggia: Alghero e dintorni

    Il litorale che da Alghero si estende verso nord è qualcosa di meraviglioso: coste a picco sul mare blu e basse lagune sabbiose, lambite...

    Diari di viaggio
    dalla costa smeralda alla penisola del sinis

    Dalla Costa Smeralda alla penisola del Sinis

    Dopo il lungo e faticosissimo periodo d’esami finalmente posso trascorrere le vacanze estive in Sardegna con la mia fidanzata. Ho...

    Diari di viaggio
    da ostia a la maddalena

    Da Ostia a La Maddalena

    Sabato 29 maggio 2010, ore 10:15, vele spiegate e via…al segnale del comitato di regata si parte da Fiumicino, direzione “La...

    Diari di viaggio
    un paradiso chiamato sardegna

    Un paradiso chiamato Sardegna

    E’ da un po’ di tempo che mi frullava nella testa di andare in Sardegna, anche perché da tutti è descritta come un luogo...

    Video Itinerari