Tour dal sahel al sahara 2

04.09.2000 Ebbene è giunta la nostra vacanza. Partiamo da Venezia alle ore 10.10 con un aereo della Tunis Air… che aereo!!! Laura a sudare freddo, sbuffare con il crocefisso in mano per solo due ore di volo. Siamo arrivati a Monastir sani e salvi e Laura fortemente assettata dopo aver continuamente parlato con la bibliotecaria della Marciana...
 
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

04.09.2000 Ebbene è giunta la nostra vacanza. Partiamo da Venezia alle ore 10.10 con un aereo della Tunis Air… che aereo!!! Laura a sudare freddo, sbuffare con il crocefisso in mano per solo due ore di volo. Siamo arrivati a Monastir sani e salvi e Laura fortemente assettata dopo aver continuamente parlato con la bibliotecaria della Marciana di Venezia.

Dopo un primo smarrimento per la difficoltà di trovare un’indicazione, ci troviamo a tagliare la strada ad un numeroso gruppo di irlandesi … del nord. Passiamo la Dogana e saliamo in autobus … Naturalmente gli unici e gli ultimi a scendere presso il Golf Residence Hotel a Port El Kantoui. Iniziamo il pomeriggio in piscina ed incominciano a perlustrare in incognita i nostri futuri compagni di viaggio, facilmente riconoscibili dal portadocumenti del nostro tour operator. Che bei!!! Poi abbiamo fatto una breve passeggiata a Port El Kantoui, ammirando e apprezzando le costruzioni locali. Ora ci attende la cena … la più desiderata.

05.09.2000 La sveglia suona alle ore 7.00, perché dobbiamo partire alle ore 8.00 in punto e dopo vari lamenti per l’ora siamo pronti per iniziare il tour. Saliamo nei fuoristrada Toyota Land Cruiser dove conosciamo finalmente i nostri compagni di viaggio distribuiti in cinque fuoristrada ciascuno con sei persone a bordo e conosciamo la nostra guida (autista) locale di nome Hamar che ci condurrà’ per tutto il tour, soprannominato dopo le prime curve la volpe del deserto.

Il paesaggio che ci si presenta subito, macinando i primi chilometri, è molto insolito, caratterizzato da coltivazioni di ulivi e distese di terra di color ocra con rari ciuffi d’erba.

Con la prima tappa visitiamo Takrouna, dove è arroccato sulla collina un villaggio berbero della Tunisia del nord. In questo villaggio siamo quasi assaliti dagli abitanti, che chiedono ininterrottamente dinari tunisini (valuta 1 DT: Lit. 1.600) in cambio di foto e di pietre rare, ma riusciamo a resistere. Dopo ca. 20 minuti, proseguiamo con il nostro itinerario. Zaghouian è il secondo luogo di visita dove ca. Nel 200 a.C. Partiva l’acquedotto romano che alimentava la città di Cartagine. Dell’opera rimane solo un tempio degradato dal tempo con qualche capitello e cornicione di epoca romana. Sempre nello stesso posto pranziamo in un ristorante e poi partiamo per Kairouan.

In quest’ultima città ci aspetta un albergo a 5 stelle “La Kasbah”, il quale mostra subito il suo valore con un’entrata maestosa e all’interno con una piscina fantastica, dove dopo aver dopo i nostri bagagli in camera ci tuffiamo per toglierci la polvere che avevamo addosso.

Nel tardo pomeriggio abbiamo visitato un deposito di tappeti e i meravigliosi Souk della Medina di Kairouan, ricchi di vita e di profumi particolari provenienti dai vari “negozi”.

Andiamo a dormire alle ore 23.00, dopo aver fumato il narghilene il tipico strumento per fumare il tabacco aromatico e anche qualche altra “strana essenza”, che ci fa girar la testa.

06.09.2000 La mattinata è dedicata alla visita della Medina di Kairouan, con particolare attenzione alla Moschea più grande della città. Dopodichè visitiamo la Moschea del Barbiere, dove proprio in quel momento stavano praticando delle circoncisioni a dei bambini di tenera età. Da notare l’orgoglio dei genitori insieme ad altri figli, parenti e bambini; erano tutti lì ad assistere all’evento.

Nel pomeriggio partiamo per le oasi di montagna: Mides, Tamerza ai confini con l’Algeria. Il paesaggio che ci circonda è al quanto irreale: da coltivazioni di oliveti ad alte montagne di roccia e sabbia. Dopo numerose curve ci fermiamo a Mides: un’oasi bellissima, con molte palme da dattero e altre piante. Ripartiamo per andare a Tamerza, dove alloggeremo e dove andremo a visitare le sue cascate. Il paesaggio è stupendo, ma le cascate lo sono un po’ meno. Ci consoliamo con la piscina dell’hotel, rallegrandoci con numerosi tuffi e ammirando il tramonto. Anche questa giornata è trascorsa.

07.09.2000 Oggi abbiamo visitato l’oasi di Chebika. Non eravamo gli unici, anzi saremmo stati almeno un centinaio di persone … In un piccola oasi immersa nel deserto. Ripartiamo per Nefta, visitiamo la Corbeillè e poi l’oasi con il calesse, dove partecipiamo alla raccolta dei datteri e beviamo il succo di palma, un liquido dolce, trasparente e molto squisito e fumiamo con una strana pipa del “tabacco”. Siamo ripartiti per Douz attraversando il lago salato, una distesa infinita di sale dove è facile vedere i miraggi.

Giunti al Sun Palm Hotel di Douz, abbiamo fatto l’escursione con il dromedario nelle fantastiche dune di sabbia finissima (come la farina) nel deserto del Sahara; è una sensazione unica al mondo al tramonto con un sole rosse che si nascondeva dietro le dune ad ogni passo del dromedario. Alle 19.00 ca. Siamo rientrati in albergo per cenare e finalmente dormire.

08.09.2000 Finalmente è arrivata l’ora temutissima delle piste nel deserto. Iniziamo la nostra avventura con le dune di Noail; Hamar il nostro autista si è dimostrato un vero pilota di rally facendoci sbalzare da una parte all’altra dell’abitacolo. Proviamo forti emozioni nell’affrontare le dune alte circa 20 MT che si oppongono con la loro finissima sabbia alla potenza del nostro 4×4: un momento veramente emozionante.

Ripartiamo per l’oasi di Zaafrane e rimaniamo incantati dal paesaggio affascinante ricco di palme da dattero che spuntano dalle dune di sabbia bianchissima. Nel pomeriggio ci rechiamo all’oasi di Ksar Ghilane, dove ci aspettano ben 60km di pista (sabbia e sassi). Il paesaggio si trasforma, diventa quasi marziano. Il colore della sabbia non è più bianca, bensì rosso-ocra. Stupenda!! Arrivati all’oasi l’emozione è stata indescrivibile. In particolar modo quando abbiamo visto che eravamo immersi nel Sahara e quando abbiamo deciso di trascorrere la notte sopra una duna insieme ad altra amici, lasciando le tende beduine per qualcun altro. C’era molto vento che faceva innalzare la sabbia. I nostri occhi facevano fatica a rimanere aperti. La luna non finiva mai di tramontare e aspettavamo proprio con ansia quel momento buio per poter ammirare in tutto il loro splendore le stelle e la via lattea. E’ stato stupendo!!!! Sentivamo solo il soffio del vento e il verso di strani animali.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Deserto del Sahara
    Diari di viaggio
    sahara, una sorprendente tunisia in 4x4

    Sahara, una sorprendente Tunisia in 4×4

    5 aprile 2014 - Da Tunisi a Douz attraversando l'entroterra Atterriamo a Tunisi dopo due ore dal decollo a Milano Malpensa e per prima...

    Diari di viaggio
    tunisia, un paese da scoprire

    Tunisia, un Paese da scoprire

    Il mappamondo che si girava ripetutamente ed alla fine si è fermato sulla Tunisia: biglietti emessi: 10 giorni da vivere intensamente in...

    Diari di viaggio
    marocco in pratica

    Marocco in pratica

    Una premessa. Il mese di agosto non è certamente il periodo migliore per viaggiare in Marocco. Ma questo porta anche i suoi vantaggi. Con...

    Diari di viaggio
    tunisia, dal sahara alla costa orientale

    Tunisia, dal Sahara alla costa orientale

    Iniziamo con la domanda che ci siamo posti 1000 volte prima di partire: riusciremo a sopportare il caldo tunisino di agosto? Ma sì, al...

    Diari di viaggio
    la tunisia che non ti aspetti

    La Tunisia che non ti aspetti

    Una settimana fra mare e cultura: dall'isola dei Lotofagi, dove la leggenda narra che Ulisse e i suoi persero la memoria in seguito...

    Diari di viaggio
    da marrakech a fès passando per il sahara

    Da Marrakech a Fès passando per il Sahara

    Febbraio 2011 Il mio viaggio verso le terre del Marocco ha inizio sabato 26 febbraio, in una calda giornata invernale. Abbandonato il...

    Diari di viaggio
    diario vintage di un tour del sahara autogestito

    Diario “vintage” di un tour del Sahara autogestito

    Questo diario era scritto su un quaderno a quadretti e mentre lo trascrivevo su Pc ho rivissuto momenti splendidi. Allora non c'erano le...

    Diari di viaggio
    marocco del sud 3

    Marocco del Sud 3

    Al momento dell’atterraggio a Marrakech tiro un sospiro di sollievo: sono arrivata sana e salva e, soprattutto, sono di nuovo in questo...

    Diari di viaggio
    marocco: un paese mille paesaggi

    Marocco: un paese mille paesaggi

    Come nascono i nostri viaggi? A volte prendiamo spunto dai consigli di altri viaggiatori incontrati in giro per il mondo, altre volte...

    Diari di viaggio
    una nuova tunisia

    Una nuova Tunisia

    Primo giro al sud dopo la rivoluzione Dopo aver recuperato Luca e Giovanna in aeroporto a Tunisi, ci siamo diretti verso Sidi Bou Said,...