Torino, eleganza regale

Breve tour nella splendida città con escursioni a Venaria e Superga
 
Partenza il: 01/11/2013
Ritorno il: 03/11/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

VENERDÌ 1 NOVEMBRE 2013 – TORINO

Dopo due ore e mezza di auto, parcheggiamo in corso Francia angolo Corso Marche. In questa zona è possibile parcheggiare gratuitamente, prendere la metro (Marche) ed arrivare in 20 minuti in centro (costo della singola corsa in metro € 1,50 acquistabile alle macchinette automatiche). Scendiamo alla stazione Porta Nuova. A pochi metri dalla stazione si trova, in via Nizza 11, l’hotel che abbiamo riservato on line Mercury Crystal Palace (70 euro a camera a notte con tasse 3.20 al giorno). L’hotel è un ottimo 4 stelle, comodo al centro, il personale gentile e cordiale, lo consiglio.

Percorriamo la lunghissima via Lagrange, arriviamo nella meravigliosa Piazza S. Carlo, il salotto di Torino. Piazza San Carlo è una delle più belle della città, porticata ai due lati dove trovano collocazione caffè storici, tra i quali il famoso Caffè Torino. Sul lato di via Roma, si possono ammirare le due chiese gemelle, Santa Cristina e San Carlo, al centro della piazza si trova la statua equestre raffigurante Emanuele Filiberto. Le due chiese meritano una visita all’interno. Procediamo l’itinerario fino a Piazza Castello e subito entriamo all’ufficio turistico posto di fronte a Palazzo Madama per acquistare le nostre preziosissime Torino+Piemonte Card 48 ore (25 euro cadauna). Le 48 ore partono dal primo utilizzo.

Piazza Castello è un’enorme spazio dove trovano collocazione il Palazzo Reale, Palazzo Madama e la Chiesa di San Lorenzo. Torino si mostra signorile e regale, nonostante i colori degli edifici siano quasi monocolore, tendenti al grigio.

Decidiamo di non attivare immediatamente la Torino Card per avere più tempo a disposizione per le visite ai palazzi e musei e di dare la precedenza ai luoghi di culto con ingresso gratuito. Entriamo nella imperdibile chiesa barocca di San Lorenzo; i suoi affreschi e marmi ci lasciano a bocca aperta. Restiamo parecchi minuti ad ammirare le opere eseguite magistralmente dal Guarini. Visitiamo il Duomo, edificio dalle linee pulite, che non ci colpisce. La sindone non è esposta e l’interno non è di particolare pregio.

Zigzaghiamo tra le vie della città passando per la Porta Palazzo, Piazza Repubblica fino al Santuario della Consolata. Il Santuario è formato dall’unione di due chiese, fu eretto nel 1678 da Guarino Guarini, che trasformò la preesistente chiesa di S. Andrea in vestibolo del santuario, uno tra i luoghi principali della devozione torinese. L’interno è un capolavoro architettonico, imperdibile! Sosta al famoso “Al Bicerin”, davanti all’ingresso della Chiesa, per assaporare la squisita bevanda (5 euro a bicchiere) che dà il nome al locale, immutato dal 1.700.

Passiamo davanti al Palazzo della Città, percorriamo via Garibaldi, la lunghissima e porticata via Po, fino a Piazza Vittorio Veneto. Deviamo per vedere la simpatica casa a forma di fetta di polenta, un edificio giallo, stretto e altro, il lato più stretto di larghezza è di 70 cm. Piazza Vittorio Veneto è conosciuta per i numerosi locali e ristoranti, naturalmente, sotto i portici. Da questa zona privilegiata, possiamo ammirare, oltre il Po, la bellissima chiesa della Gran Madre di Dio, a pianta circolare.

Guardando la chiesa, sulla destra scendendo i gradini verso il fiume, si trova l’imbarco Murazzi. Saliamo a bordo del battello e cominciamo la nostra breve crociera. Lungo il tragitto si ha la possibilità di vedere Torino da un altro punto di vista. Scendiamo alla fermata Borgo Medioevale visitiamo il Parco del Valentino, dove è collocato uno straordinario castello in stile Francese, oggi facoltà di architettura. Arriviamo al Borgo Medioevale, villaggio costruito per l’Expo di fine ‘800 (grazioso, anche se in stile Gardaland) e attiviamo la Torino Card entrando nella Rocca.

Il giro turistico guidato, tutto sommato, è interessante ed essendo in loco vale la pena spendere 45 minuti per visitare l’interno del palazzo. A piedi torniamo verso l’hotel, sosta alla chiesa Valdese, che però è chiusa, caratteristico edificio gotico, e all’enorme, bella Sinagoga dalla forma di un maniero turrito.

Durante il nostro girovagare abbiamo notato le file chilometriche davanti alla Mole ed al Museo Egizio, per visitarli è necessario essere in loco almeno mezz’ora prima dell’apertura.

SABATO 2 NOVEMBRE 2013 – TORINO / VENARIA

Sveglia alle 7,00, il tetto del mondo ci aspetta! La Mole Antonelliana è il vero simbolo della città, viene progettata tra il 1863 e il 1889 dall’architetto Alessandro Antonelli. Inizialmente era concepita per diventare la nuova sinagoga di Torino, oggi ospita il Museo Nazionale del Cinema. La principale attrazione è l’Ascensore Panoramico (gratuito con la Card – altrimenti € 6) che può contenere al massimo 9 visitatori a salita, per questo si forma in poco tempo una fila chilometrica. L’ascensore è tutto in cristallo, è spettacolare poter guardare giù mentre si attraversa tutta l’ampiezza del Tempio fino ad arrivare in cima al tempietto. La Mole è alta 137,5 m e il tempietto, da dove è possibile ammirare il panorama, è posto a 85 m. Complice la nebbia, la vista non è perfetta, ma rimaniamo mezz’ora a goderci il paesaggio che ci circonda. Scesi dalla vetta, comincia la visita al Museo del Cinema (gratuito Card – € 9; combinato ascensore e museo 12 euro). Il percorso comincia con l’archeologia del cinema, dove sono esposti apparecchi e oggetti storici utilizzati per girare i film. In un lungo corridoio vengono mostrati gli effetti speciali che vengono utilizzati per le riprese. Al centro della sala del museo si trovano delle comodissime poltrone-sdraio rosse, modello psicologo, sulle quali si può assistere a diverse proiezioni. La visita termina all’ultimo piano con la Galleria dei manifesti. Torniamo verso la piazza Castello e visitiamo la Biblioteca (ingresso gratuito). Qui il tempo sembra essersi fermato: mobili di legni pregiati contengono volumi preziosi. Dopo mezz’ora di fila accediamo al Palazzo Reale (gratuito card o 12 €). La visita, di circa un’ora e mezza, si svolge in autonomia. Il palazzo è meraviglioso, appunto reale.

Le sale sono riccamente decorate ed arredate. Tra le principali attrazioni visitiamo l’Armeria, una ricca collezione di armi che abbraccia secoli di storia esposte in una lunghissima galleria affrescata. Sosta per un frugale pranzo in un focacceria, degna di nota per l’ottima pizza e focaccia, sotto i portici davanti a Palazzo Madama. Sazi, entriamo nel singolare palazzo Madama per ammirare la famosa scalinata dell’architetto Filippo Juvarra che orna l’ingresso. Con la Card accediamo all’interno del Palazzo per ammirare le sale affrescate con gusto e le collezioni di oggetti riguardanti la storia torinese. La visita dura circa un’ora.

Guarda la gallery
cultura-kkfsv

venaria

cultura-5k2b9

castello valentino di notte

cultura-qdv4z

sfinge museo egizio

cultura-kktqn

interno mole - museo del cinema

cultura-khgg1

statuario museo egizio

cultura-2qa8p

castello valentino

cultura-1n38u

pizza s. carlo

cultura-gpza1

torino di notte

cultura-nxu7h

piazza bodoni di notte

cultura-dy18w

piazza castello

cultura-1b611

scalone palazzo madama

cultura-n4uzx

superga



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Torino
    Diari di viaggio
    alla scoperta delle langhe

    Alla scoperta delle Langhe

    Partenza dal Trentino direzione Piemonte, destinazione Langhe. Approfittiamo del Salone del Libro a Torino e poi visiteremo le colline di...

    Diari di viaggio
    torino egizia

    Torino Egizia

    Pronti per trascorrere una notte al museo? E non un museo qualunque, un museo pieno di mummie millenarie, ushabti e vasi canopi......

    Diari di viaggio
    torino, acqua dolce e fragoline

    Torino, acqua dolce e fragoline

    Sono una donna di mare. E a Torino ci sono andata per raggiungere due cari amici. Senza troppo entusiasmo per la città. La immaginavo come...

    Diari di viaggio
    torino e il museo lavazza

    Torino e il Museo Lavazza

    Cosa sarebbe Torino senza considerare anche la magia del suo caffè? Eh sì, Torino non è famosa solo per il suo aspetto esoterico, per i...

    Diari di viaggio
    scoprendo i musei di torino

    Scoprendo i musei di Torino

    Scoprendo alcuni dei più importanti musei di TORINO si comprende l'anima orgogliosa, policroma e resiliente di quella che è stata la...

    Diari di viaggio
    tre giorni a torino 2

    Tre Giorni a Torino 2

    Siamo partiti da Napoli con il treno delle 5.00, siamo arrivati a Torino alla stazione di Porta Nuova alle 12.00. Durante il viaggio...

    Diari di viaggio
    i mille volti di torino

    I mille volti di Torino

    Tutto si può dire su Torino ma non certo che sia una città monotona e priva di fascino, incapace di adattarsi alle continue...

    Diari di viaggio
    fuga a torino per il capodanno

    Fuga a Torino per il Capodanno

    In prossimità del 31 dicembre, la domanda che torna di frequente ogni anno è sempre la stessa: “cosa facciamo per Capodanno?”. ...

    Diari di viaggio
    torino magica e splendente

    Torino magica e splendente

    Io, mio marito e mio figlio di anni 7 siamo partiti in perfetto orario con il nostro treno Freccia rossa 1000 dalla stazione di Fi S.M.N. e...

    Diari di viaggio
    piemonte in bicicletta

    Piemonte in bicicletta

    cenare: presso l’hotel quattro stelle Mercure Royal, Corso Regina Margherita 249, Torino, Tel: 011 4376777. Se andate in macchina per...

    Video Itinerari