Toledo e Salamanca, accoppiata vincente!

Toledo, piccolo gioiello moresco, magico e senza tempo.. e Salamanca, sorprendente e meravigliosa città dallo spirito giovane ma maestoso.
Scritto da: carlacharlie
toledo e salamanca, accoppiata vincente!
Partenza il: 19/08/2018
Ritorno il: 23/08/2018
Viaggiatori: 2

turistipercaso

La scelta di visitare queste due piccole città nasce dall’esigenza di allargare la nostra conoscenza della Spagna anche a località forse meno blasonate rispetto alle classiche mete estive, ma ugualmente degne di nota

… cosicché dopo tre giorni nella bella Valencia e il doveroso pieno di paella e Agua de Valencia, salutata la Comunità Valenciana, saltiamo sulla macchina presa in affitto e partiamo alla volta della regione di Castiglia-la Mancia in direzione della tappa successiva: Toledo.

Ho sentito spesso parlare di questa città, e i giudizi ogni volta entusiastici sono quel che mi hanno convinta che fosse arrivato il momento di incontrarci, e non appena la vedo apparire dal finestrino della macchina inizio ad intuire il perché. Per prima cosa voglio dirvi che l’Hotel che abbiamo scelto, il HACIENDA DEL CARDENAL, è una scelta vincente sotto ogni punto di vista…

Alla scoperta di questo piccolo gioiello che è Toledo

È la base perfetta per partire alla scoperta di questo piccolo gioiello che è Toledo, è incantevole e suggestivo, ha una piccola ma particolarissima piscina perfetta per rigenerarsi dopo la giornata passata in giro, e un bel giardino con ristorante circondato dalle antiche mura arabe che proteggevano la città e che sembrano farlo ancora.

Ci lanciamo all’esplorazione

Messe giù le valigie ci lanciamo subito alla esplorazione, il che prevede per prima cosa una pausa rifocillamento. Tra le varie brochure recuperate in hotel vedo che a circa venti minuti da noi si trova il MERCADO DE SAN AGUSTIN, una specie di mercato gastronomico a quattro piani in cui è possibile mangiare piatti tipici e bere a volontà, ed è lì che ci dirigiamo. Il posto merita davvero, ma col senno di poi mi tocca fare un paio di piccole precisazioni..
La prima è che quei venti minuti che al solo pensiero appaiono assolutamente fattibili, è come se fossero in realtà duecento se consideriamo che dovrete farli tutti attraverso vicoletti in salita.. sarà stato che alle 15 del pomeriggio il caldo non era esattamente al massimo della sua clemenza, sarà stato che la fame era tantissima, fatto sta che prima di svoltare l’ultimo angolo e vedere l’insegna del mercato, saluto mio marito dicendogli di non pensare a me, di lasciarmi pure indietro e salvarsi la vita (dopotutto anche quella idea era stata mia); e la seconda è che appena fuori dal nostro Hotel ci sono delle meravigliose scale mobili che vi porteranno su fino al cuore del centro storico, senza che vi ritroviate ad ansimare aggrappati alle ringhiere di uno dei suddetti vicoli.
Detto questo miracolosamente mi salvo anch’io, mangiamo con una gioia mai vista, buttiamo giù un paio di birre e proseguiamo col nostro mini tour e avendo poco tempo a disposizione ci affidiamo come sempre agli efficientissimi bus turistici a due piani.
Il Bus parte dalla carinissima Plaza Zocodover, cuore della città, e tocca i punti salienti: LA CATEDRAL PRIMADA, bellissima cattedrale in stile gotico assolutamente da visitare al suo interno; ALCAZAR, il grande castello che domina tutta la città e che ospita il MUSEO DELL’ESERCITO in cui è possibile toccare con mano come l’esercito spagnolo si sia evoluto nei secoli; QUARTIERE EBRAICO con le sue sinagoghe; PUENTE DE ALCANTARA, piccolo ma molto suggestivo. Scesi dal bus ci concediamo ancora qualche momento per perderci tra quelle stradine piene di storia in cui la sensazione è quella di essere ancora parte di un’altra epoca. Ogni cosa, dalle mura medievali, alle splendide porte moresche, alla luce meravigliosa che il tramonto regala a tutto ciò che ci circonda, mi conferma che questa è una città magica e senza tempo.

Torniamo in Hotel stanchi ma soddisfatti, ci immergiamo nelle fresche acque della piscina per riprendere conoscenza e lì, attraverso la merlatura delle mura che la circondano, mi godo il sole che si perde all’orizzonte. Qualche ora dopo (si, ora…in Spagna è sempre difficile riuscire a cenare prima delle 22), al ristorante LA CAVE, con una delle più buone hamburguesas mai mangiate cala il sipario su questa giornata intensa, con la testa già proiettata alla prossima tappa di questo piccolo on the road. Piccolo consiglio spassionato del caso.. Quando scegliete l’Hotel, se la cosa non vi crea particolari disagi pratici, fatelo escludendo la colazione, perché ha sempre un costo spropositato a meno che non facciate un pasto tipo natale. Noi con 7 euro in due abbiamo fatto un’ottima colazione in un baretto poco fuori l’Hotel..il tutto a fronte dei 9 in più a testa che richiedeva invece l’Hacienda.

Da Toledo a…Salamanca

Il viaggio in macchina tra Toledo e Salamanca scorre tranquillo, e dalla Castiglia-La Mancha sconfiniamo nella vicina Castiglia Y Leòn, 230 km circa in cui incontriamo un solo casello autostradale…non male. Nella ricerca del percorso adatto vedo che esattamente a metà strada tra le due ci sarebbe una tappa degna di nota che risponde al nome di Avìla, ma la tabella di marcia non ammette modifiche, così tiriamo dritti in direzione Salamanca. Nello scegliere l’Hotel stavolta optiamo per una struttura appena fuori dal cuore del centro storico, ma nulla che comunque non sia fattibile con una camminata di dieci minuti o poco più, e stavolta senza che l’infarto corra sul filo del rasoio.
L’HOTEL CORONA SOL è un Hotel grande, nuovissimo, che sorge in una zona abbastanza tranquilla e, come dicevo, a pochi minuti a piedi dal centro, per cui prendiamo possesso della camera, dalla cui finestra mi godo una splendida visuale sulla cattedrale, e usciamo subito. Anche questa volta, come per ognuna della nostre tappe, si comincia riempiendo lo stomaco… Ora, lo so che sembra che il nostro primo pensiero sia sempre mangiare, ma sfido chiunque a negare quanto tutto sembri ancora più bello con la pancia piena! Così mentre camminiamo restiamo come folgorati che manco sulla Via di Damasco quando i nostri occhi si posano su quella che all’istante ci appare come il salvavita perfetto..la CERVECERIA 100 MONTADITOS, la mitica catena di ristoranti made in Spagna con i suoi piccoli ma buonissimi paninetti tutti a 1-2 euro e le pinte di birra tanto quanto. Bella schifezza penserete voi..e invece vi garantisco che i panini sono tutti ottimi, e con 10 euro a testa vi farete un signor pasto.

Guarda la gallery
spagna-x647e

Plaza Mayor, Salamanca

spagna-j9448

Casa de Las Conchas, Salamanca

spagna-wwksh

Cafè Novelty, Salamanca

spagna-adjff

Catedral Nueva, Salamanca

spagna-y7mda

Puente de Alcantara, Toledo

spagna-qx5k8

Plaza Zocodover, Toledo

spagna-chr7t

Catedral Primada, Toledo

spagna-a5tac

Centro storico, Toledo

spagna-nghtc

Plaza Mayor, Salamanca

spagna-h2kwb

Porta storica, Toledo

spagna-2dmgq

Hotel Hacienda del Cardenal, Toledo

spagna-rss7e

Catedral Nueva, Salamanca

spagna-p9tkf

Puente Romano, Salamanca

panoramic,view,of,the,medieval,center,of,the,city,of



    Commenti

    Lascia un commento

    Salamanca: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari