Tokyo di e dintorni in una settimana

Girare tutti i quartieri della città in così poco tempo... una missione che abbiamo superato
 
Partenza il: 23/05/2014
Ritorno il: 31/07/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Organizzazione:

– Tour deciso a tavolino da noi.

– Voli prenotati su LastMinute.com

– Hotel prenotato su Booking.com: “Hotel Sunroute Higashi Shinjuku‏” ottima posizione a Shinjuku. Ottimo prezzo, struttura modernissima e pulita, personale che parlava anche l’inglese ed era gentilissimo e soprattuto metropolitana attaccata all’hotel.

– Passaporto con marca da bollo verificato in Questura prima della partenza. (Nessun altro Visto necessario).

– Guide utilizzate: lonely planet e Guida Mondadori.

– Cellulare con connessione Wi-Fi per utilizzare Skype e chiamare gratuitamente l’Italia

– Pagamenti: soldi cambiati in Yen dall’Italia (400€) e alcune cose pagate con Carta di Credito. Comunque smentisco pubblicamente il fatto che il Giappone sia caro…noi abbiamo mangiato e ci siamo spostati con i mezzi a prezzi davvero bassi.

– Tour guidati “Nikko” & “Monte Fuji” prenotati on line su Expedia, tramite il SunriseTour.

– Cibo: purtroppo noi non siamo per nulla amanti della cucina Giapponese e quindi abbiamo avuto molta difficoltà a trovare qualcosa che ci piacesse.

– Spostamenti: abbiamo usato tantissimo la metropolitana, facendoci la carta “Suica” e ricaricandola come se fosse una carta prepagata (davvero di semplice utilizzo) e in più riconsegnandola al momento della partenza ci hanno ridato il costo della cauzione data in precedenza.

PRIMO GIORNO

Alle 14 partenza dall’Aereoporto di Malpensa, direzione Dubai per lo scalo che ci porterà a Tokyo. Atterriamo alle 17.30 (ora locale) all’aeroporto, sbrighiamo le solite lente pratiche alla dogana, aspettiamo i bagagli e prendiamo il treno Narita per arrivare in centro e sarà il fuso o le interminabili ore di volo, ma ancora non focalizziamo bene d’essere arrivati, ma non appena ci troviamo davanti all’hotel ad ormai le 21 circa di sera, iniziamo a capire che siamo realmente arrivati nella Terra del Sol Levante. Decidiamo di posare velocemente i bagagli e di andare subito ad esplorare il Quartire Shinjuku e come prima cosa scopriamo che vicinissimo al nostro Hotel c’è un piccolo e intimo Tempio Hanazono, e quella sera c’era una specie di festa popolare con bancarelle culinarie tutte disposte intorno al tempio, con luci soffuse e profumi che ci sono entrati nella memoria per sempre. Prendiamo degli spaghetti di soja e del pollo in agrodolce d’asporto e mangiamo sui gradini del Tempio, estasiati da quell’atmosfera unica e indescrivibile. Momento di provare a dormire un pò, chiudendo le finestre su una bellissima vista dall’alto dei grattacieli in notturna di Tokyo.

SECONDO GIORNO

Ci svegliamo presto e dopo aver preso “conoscenza” con gli strani WC elettronici con Bidè incluso (giuro che mi sono spaventata!!!), ci incamminiamo subito a vedere il Tempio più famoso di Tokyo, ovvero il Senso-ji. Niente da dir: per noi è il più bello e anche il più turistico che ci sia a Tokyo, davvero spettacolare con quei colori rosso fuoco. Pranziamo con del cibo d’asporto delle bancarelle e ci rimettiamo in viaggio alla volta del Parco Ueno, davvero enorme per vederlo tutto, ma prima decidiamo di fare una tappa allo Zoo Ueno (all’interno del parco) dove ci sono i Panda (tristemente) in gabbia. Il resto del pomeriggio decidiamo di visitare la Baia nella zona di Odaiba, che la guida consigliava di lasciare come ultima, dato che si trova un pò spostata dal centro di Tokyo, ma noi decidiamo d’andarci subito. Per nostro parere personale, questa zona esterna, isola artificiale, merita molto più di quanto ci sia aspetti! A parte la marea di Centri Commerciali (da vedere è il Venus Fort che ha un allestimento davvero particolare, che ci ha ricordato il Casinò di Las Vegas), c’è la zona del Rainbow Bridge davvero bellissima, soprattutto all’ora del tramonro in cui eravamo noi, in cui il colore del cielo si specchiava sull’acqua e sullo sfondo guardavamo il lungo ponte (che ricorda davvero tanto il Ponte di Brooklyn!!), il tutto lontanto dal caos della metropoli: incantevole!! Cena molto romantica in un ristorante Messicano all’interno del Centro Commerciale “Decks” da cui avevamo una vista mozzafiato.

TERZO GIORNO

Sveglia presto perchè alle 9 ci aspettava il primo tour guidato in inglese, che avevamo prenotato su Expedia. Eravamo un pò preoccupati che fosse un “pacco”, non avendo mai provato questi Tour, ma invece è bastato presentarsi alla fermata indicata sul voucher e via con le nostre spillette adesive alla volta di Nikko. Due ore circa di pulman ed eccoci tra i templi antichissimi di questa piccola città Patrimonio dell’Unesco! Davvero un’esperienza unica vedere certi monumenti così antichi che però emanano ancora una grandissima spiritualità. Foto d’obbligo sotto le “3 scimmiette” del famose “non vedo-non sento-non parlo”. Pranzo veloce in un locale con tipica cucina Giapponese incluso nel tour (purtroppo non sono riuscita a trovare nulla che mi piacesse, aimè sono rimasta con la fame!) e poi di nuovo sul pulman alla volta del Nikko Tamozawa Imperial Villa (nulla di così particolare, solo la casa davvero modesta dove ha abitato l’imperatore in passato) e Cascate Kirifuri. Rientro alle 19 nel nostro hotel e pur essendo un pò stanchi non abbiamo rinunciato a fare un giro nella zona Ovest di Shinjuku (quella dei super grattacieli per intenderci), dove siamo saliti in uno di quelli che offriva un punto panoramico gratuito al 45esimo piano, con una vista in notturna sui grattacieli davvero unica. Cena al Kfc velocemente e via a nanna.

QUARTO GIORNO

Al mattino, dopo una colazione in uno dei negozi in metropolitana (abbiamo trovato del cibo commestibile: dei croissant a cioccolato yeeeeah!) giriamo il quartiere di Shibuya. Ovviamente la prima cosa che bisogna fare appena usciti dalla metropolitana è la foto sotto la statua del famoso cane Hachiko (statua non molto grande, ma non difficile da trovare!), poi si può mettere piede nel famoso incrocio pedonale (uno dei più trafficati del mondo, in cui passano milioni di persone al giorno) e via in direzione dei Giardini del Palazzo Imperiale. Molto belli, puliti e tranquilli…peccato per abbiamo fatto una gran sudata (picchiava un sole infernale) quindi ci siamo rifugiati in un centro commerciale a pranzare nella catena“Pronto pasta” in cui facevano della pasta. Riprendiamo con un giro nel Quartire di Ginza (con tappa merenda da “Sturbucks”), passando prima dal Tokyo International Forum (una struttura davvero moderna e imponente) e poi ci siamo spostati nel Quartire Akihabara, ma abbiamo visitato poco e abbiamo preferito dirigerci verso la Tokyo Tower (la copia della Torre Eiffel Rossa) che in notturna era tutta illuminata è più bella che di giorno (nulla da invidiare all’Originale!!) e a cena ci siamo fermati nel Quartire di Roppongi all’”Hard Rock Cafè” (cibo Americano siiii!). Abbiamo camminato tutto il giorno, ma al rientro a Shinjuku siamo ancora riusciti a fare un giro nelle sale gioco tipiche, dove milioni di ragazzi passano le loro serate qui dentro a giocare ai videogiochi e a cantare nei Karaoke…un’altro mondo!!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Giappone
    Diari di viaggio
    giappone, terra di contrasti

    Giappone, terra di contrasti

    Non potevamo che decidere di esplorare questo paese straordinario con il suo mezzo più veloce ed efficiente: il treno. Possiamo...

    Diari di viaggio
    da dotombori a osaka castle, per vivere le due facce di osaka

    Da Dotombori a Osaka Castle, per vivere le due facce di Osaka

    La città di Osaka è un mix di trambusto e quiete che si alterna piacevolmente lasciando in bocca il dolce sapore di una città che,...

    Diari di viaggio
    più cervi o persone? questo il dubbio che rimane visitando la città giapponese di nara

    Più cervi o persone? Questo il dubbio che rimane visitando la città giapponese di Nara

    Quando ho deciso di visitare Nara devo ammettere che il mio obbiettivo principale era incontrare quella che consideravo la vera attrazione...

    Diari di viaggio
    fushimi inari, un sogno giapponese tra fortuna e natura

    Fushimi Inari, un sogno giapponese tra fortuna e natura

    Quando immaginavo il mio viaggio in Giappone gli obbiettivi sono sempre stati due: uno l'arcipelago di Okinawa, e l'altro il tempio dai...

    Diari di viaggio
    va dove ti portano i pokemon!

    Va dove ti portano i Pokemon!

    Si può fare un regalo alternativo al proprio figlio Oscar di soli 9 anni per la sua comunione? Certamente basta essere una madre atipica e...

    Diari di viaggio
    giappone: un viaggio di nozze strepitoso!

    GIAPPONE: un viaggio di nozze strepitoso!

    Da tempo ci sarebbe piaciuto visitare il Giappone. Dopo aver letto qui su Turisti per caso la recensione di SandraG1974 “Stupefacente e...

    Diari di viaggio
    i colori dell'autunno in giappone, viaggio di 3 settimane di con auto e treno

    I colori dell’autunno in Giappone, viaggio di 3 settimane di con auto e treno

    Viaggio di nozze di tre settimane in Giappone, una full-immersion nipponica che ti cambia dentro (al rientro in Italia, ci inchinavamo per...

    Diari di viaggio
    tre settimane in giappone self made spendendo poco

    Tre settimane in giappone self made spendendo poco

    Sfatiamo il mito che il Giappone è carissimo! Dipende da come ci si approccia, se si va con l’agenzia turistica certo i prezzi salgono,...

    Diari di viaggio
    giappone, viaggio nella terra dei samurai

    Giappone, viaggio nella terra dei samurai

    Mercoledì 10 aprile e giovedì 11 aprile: Venezia-Tokyo Partenza mercoledì 10 aprile da Venezia con volo Swiss e arrivo all’aeroporto...

    Diari di viaggio
    da tokyo a hiroshima, prima volta nel sol levante

    Da Tokyo a Hiroshima, Prima volta nel Sol Levante

    Dopo aver letto tantissimo di cose giapponesi tra libri, giornali, diari di viaggio e siti internet, dopo aver collezionato libri,...