Thailandia, tra religione, cibo e mare

Una toccata e fuga in Thailandia, alla scoperta delle città, della cucina e della natura: Bangkok, Chiang Mai e Ko Phi Phi
 
Partenza il: 06/04/2019
Ritorno il: 16/04/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Itinerario: 3 notti a Bangkok, 2 notti a Chiang Mai, 4 notti a Ko Phi Phi Spese:

Voli intercontinentali: €630 voli interni €207 alberghi €600 traghetti e trasporti €79 attività €219 assicurazione €100

App utili: Grab: come Uber, ma utilizzato in Asia. Fondamentale per non farsi “fregare” da tuktuk e tassisti, e per comunicare esattamente dove si vuole andare.

Maps.me: mappa offline per muoversi ovunque.

Note utili: i prelievi sono possibili dappertutto, ma molto costosi. Qualsiasi carta o circuito abbiamo provato, prevedeva un costo fisso di 220 baht (quasi 7 euro).

La carta di credito è quasi sempre accettata, ma spesso applicano un 5% di commissione.

Portarsi sempre in borsa dei pantaloni lunghi, o una gonna al ginocchio, o una sciarpa per coprirsi prima di entrare nei templi. A differenza di Bali, non sempre vengono forniti Sarong.

6 aprile, arrivo a Bangkok – Arrivo a Dubai a notte fonda. Per poco non perdiamo l’aereo perché da questo aeroporto, alle 3 di mattina, partono due voli per lo stesso posto a distanza di mezz’ora. Dai due poli opposti del terminal. In un aeroporto silenzioso, ovvero dove non si fanno annunci, con un pavimento scivoloso fatto apposta per non poter correre. Avrò il fiatone ancora per settimane. Arriviamo a Bangkok, e per pochi baht prendiamo il treno che dall’aeroporto ci porta fino al capolinea, al confine con il centro “storico”. Da lì prendiamo il taxi fino al nostro albergo, Lamphu Tree House Boutique Hotel. Abbiamo un primo assaggio del traffico di Bangkok: ci vogliono 15 minuti per fare 5 km. Sono le 15, ci cambiamo e partiamo a piedi alla scoperta della città. Obiettivo visitare il Palazzo Reale e Wat Pho. Scopriamo che il palazzo reale è già chiuso, litighiamo con un tuktuk che vuole venderci il giro in barca del fiume, e che per ripicca ci scarica in un posto a caso. Prendiamo un altro tuk tuk che ci porta al Wat Pho. Al Wat Pho l’ingresso costa 200 b, qui noleggiano un sarong ma si tengono in ostaggio il passaporto. Torniamo a casa a piedi, e abbiamo un secondo incontro ravvicinato con il traffico di Bangkok, questa volta come pedone. Ci vuole mezz’ora buona per attraversare la strada. È il 6 aprile, festa della dinastia reale. Le strade della zona attorno al Gran Palazzo sono deserte, e ai lati delle strade la gente è seduta a terra in attesa del re, in silenzio. Doccia (finalmente!) e cena da Juntun (padthai così così, spiedino di salmone in salsa teriaki buonissimo, cocktail non male ma poco alcolici). Litigata notturna con l’aria condizionata (io mi sono dichiarata sconfitta e ho messo i tappi, mio marito non ha gettato la spugna e ha tirato due cazzotti allo split. Poi si è messo i tappi).

7 aprile, Bangkok – Giornata dedicata al Palazzo Reale e al mercato di Chatuchak. Testiamo Grab (identico ad Uber, con in più la funzione di tradurre i messaggi in automatico), che dal nostro albergo al palazzo chiede 180 b. Scopriamo così che qualsiasi trasporto che abbiamo preso dall’arrivo a Bangkok ad ora ci ha fregato. L’ingresso al Palazzo Reale costa 500 b a testa, occhio perché non noleggiano Sarong, ma vendono gonne, pantaloni e magliette per chi è poco vestito. Anche mio marito ha dovuto mettere i pantaloni lunghi. Il complesso è molto bello, ma sicuramente è troppo caldo. Usciti dal palazzo cerchiamo disperatamente un Grab, ma ci vorrà un’ora e un km a piedi per trovarne uno che riesca a domare il traffico della zona e raggiungerci. Consiglio: spostarsi a piedi nell’area attorno al Gran Palazzo, e cercare un taxi fuori dal traffico. Andare a Chatuchak costa 200 b + 50 di pedaggio. Passeggiamo per Chatuchak tutta la domenica pomeriggio, vagabondando senza meta. Molto interessante, c’è veramente qualsiasi cosa. Un modo divertente di immergersi nella cultura thailandese. Entrando al Gate 1 c’è un punto visitatori che fornisce gratuitamente la mappa del mercato; con quella ci si orienta bene. O meglio, ci si perde sempre, ma è facile ritrovare la strada. In serata andiamo a Chinatown a mangiare street food, un’esperienza da fare. Mangiamo gyoza di maiale, spiedini di maiale e INSETTI! Mio marito berrà fino a svenire per dimenticare l’esperienza e disinfettare il palato. Comunque, sanno di guscio di gambero.

8 aprile, Ayutthaya – Prendiamo il treno dalla stazione di Hua Lamphong per Ayutthaya. Treno delle 9.25, totale 30 baht in tutto. Il treno è affollato e caldissimo, e ci vogliono 2 ore per arrivare. Da portare tanta acqua, tanta pazienza e un po’ di filosofia: si soffre, ma è uno spaccato di vita thailandese. All’arrivo alla stazione, basta attraversare la strada e percorrere la via che vi trovate davanti per prendere il traghetto, 5 baht a testa. Consiglio: non noleggiare qui la bici, poi è scomoda da portare sul traghetto! Di qua o di là dal traghetto il noleggio della bici costa 50 baht. Una volta raggiunta la città basta andare sempre dritto per raggiungere il primo tempio, il Wat Maha Thai. Costo di ingresso 50b. Visitiamo questo tempio e il Wat Phra Si Sanphet. del resto gironzoliamo in bici per il parco e davanti agli altri templi. È veramente caldo per fermarsi troppo! Ci fermiamo a pranzo in un ristorantino all’aperto, dove spendiamo 180 b in tutto. Torniamo indietro per prendere il treno delle 15.35. a pochi km dalla nostra stazione di arrivo, scopriamo che il nostro treno ha anche la prima classe, con aria condizionata. Chiedere info all’acquisto del biglietto per non soffrire quanto noi! La sera andiamo a fare aperitivo e cena in uno skybar, lo Yao sopra al Marriot. 400 b a cocktail, cena nel ristorante cinese sotto la terrazza. Merita il costo (si può prenotare un tavolo online dalla loro pagina Facebook).

9 aprile, verso Chiang Mai – Andiamo in Grab in aeroporto, ma nell’aeroporto sbagliato. BBK non è DBK, e per la seconda volta in questo viaggio facciamo un errore da polli in aeroporto. In questo caso, dato che non arriveremmo in tempo all’aeroporto giusto, decidiamo di spendere circa 40€ a testa e prendere un volo della Thai con destinazione Chiang Mai, che sarebbe partito di lì a poco. Arriviamo a Chiang Mai, mostriamo l’indirizzo dell’albergo al responsabile dei taxi fuori l’aeroporto, che fa uno scarabocchio su un foglio e ci assegna ad un tassista che è evidentemente il figlio di John e Yoko. L’indirizzo che ha in tassista è sbagliato, ci porta chissà dove e dopo una breve litigata se ne va. Siamo abbandonati in mezzo alla città. Per l’ennesima volta c’è Grab a salvarci, che ci porta all’albergo giusto, I Lanna house. Usciamo ad esplorare la città: visitiamo il tempio Wat Chedi Luang e subito prima il Wat Chao Parachiat (Sarong gratuiti con cauzione). Pranzo da See You Soon. Visitiamo il mercato di Warorot, una specie di Chatuchak più in piccolo, poi andiamo in albergo. Alle 16.30 ci vengono a prendere per il corso di cucina, organizzato dalla scuola Asia Scenic. Il corso dura fino alle 21 circa. Siamo in 10. All’inizio scegliamo quali piatti cucinare: è possibile fare 5 piatti: un piatto saltato, noi abbiamo scelto un padthai, spring rolls, una zuppa, una curry paste e un curry, cucinato con la paste preparata prima. Dopo la scelta l’insegnante ci porta nell’orto e ci spiega le varie spezie thailandesi, dopo di che facciamo un giro al mercato, dove ci vengono spiegati gli ingredienti che avremo utilizzato. Un’esperienza carina, che permette di capire da cosa sono composti i sapori della cucina Thai.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Ayutthaya
    Diari di viaggio
    2 settimane fai da te in thailandia, tra bangkok, ayutthaya, sukhotai, chiang mai e phuket.

    2 settimane fai da te in Thailandia, tra Bangkok, Ayutthaya, Sukhotai, Chiang Mai e Phuket.

    Dopo un volo della Oman Air (compagnia aerea che consigliamo vivamente) partito da Bologna per Bangkok, con scalo a Muscat, atterriamo in...

    Diari di viaggio
    thailandia, paradiso all'improvviso

    Thailandia, paradiso all’improvviso

    Sono del parere che ci vorrebbero delle ferie per pianificare un viaggio, poi altre ferie per fare la valigia forse con un attimo più di...

    Diari di viaggio
    thailandia e cambogia 2020

    Thailandia e Cambogia 2020

    Scegliere questa meta per il nostro consueto viaggio di febbraio è stato abbastanza semplice: non avevamo a disposizione un budget...

    Diari di viaggio
    la nostra prima thailandia: nord, mare e bangkok

    La nostra Prima Thailandia: nord, mare e Bangkok

    24.12.19 VERONA Io e il mio compagno visiteremo per la prima volta questo paese. Partenza da casa nostra con l'ottimo servizio di Go-Opti,...

    Diari di viaggio
    amazing bangkok!

    Amazing Bangkok!

    Dieci giorni alla scoperta dell'incredibile capitale della Thailandia tra sapori, profumi, suoni e colori di una città che pur mantenendo...

    Diari di viaggio
    thailandia, tra religione, cibo e mare

    Thailandia, tra religione, cibo e mare

    Itinerario: 3 notti a Bangkok, 2 notti a Chiang Mai, 4 notti a Ko Phi Phi Spese: Voli intercontinentali: €630 voli interni €207...

    Diari di viaggio
    thailandia in occasione del loi krathong

    Thailandia in occasione del Loi Krathong

    Volo: L'Asia è il continente più facile ed economico da raggiungere e la Thailandia è forse il paese più semplice dove arrivare. Su...

    Diari di viaggio
    appunti di viaggio: thailandia in dicembre - ko chang, ayutthaya e bangkok

    Appunti di viaggio: Thailandia in dicembre – Ko chang, Ayutthaya e Bangkok

    Il volo è il nuovo diretto di Airitaly -10 ore no stop da Malpensa a Bangkok. All'aeroporto all’uscita 3 del piano arrivi ci attende...

    Diari di viaggio
    itinerario fai da te da bangkok a chiang mai

    Itinerario fai da te da Bangkok a Chiang Mai

    nel verde dei monti di Chiang Mai, la vista da lassù era davvero stupenda.CHIANG MAI: 23/02/2018 Tour Triangolo d’oro – White...

    Diari di viaggio
    thailandia per turisti fai da te

    Thailandia per turisti fai da te

    natura. Iniziamo la risalita verso la montagna, nel distretto del Mae Taeng e, nella giungla, affrontiamo un’oretta di tranquillo e...