Thailandia… sa wat dee ka/khrap

In Thailandia all’insegna del risparmio tra Bangkok, la giungla, le spiagge paradisiache e i templi
Scritto da: irenel
thailandia... sa wat dee ka/khrap
Partenza il: 20/02/2015
Ritorno il: 07/03/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

In Thailandia si può andare per città (a Bangkok… i grattacieli e gli aperitivi al 61esimo piano), in giro per la giungla (un giro sugli elefanti e a fare bamboo rafting), a praticare snorkeling o a rilassarsi sulle spiagge paradisiache, per gustare i frullati di frutta esotica, per i massaggi, per i templi e per la cultura buddhista…

La vacanza perfetta, unica pecca: troppo corta!

Ma partiamo dall’inizio. Il viaggio l’ho organizzato io, niente agenzie, all’insegna del risparmio. Il mio ragazzo ed io viviamo vicino Londra, per motivi di lavoro, il volo prenotato quindi e’ stato London Heathrow – Bangkok. La soluzione piu’ economica ed efficiente (400 £ A/R, un solo scalo in Cina, molto breve) era con China Southern, che si e’ rivelata un’ottima compagnia, puntualissima, dal personale molto gentile.

Arriviamo a Bangkok la sera del 21 febbraio, stanchi e assonnati prendiamo un taxi per il nostro hotel, Tara Place, che consiglio per l’ottimo rapporto qualita’/prezzo e la buona posizione. La prima cosa che ci appare ovvia di Bangkok e’ che per strada, su 10 macchine, 8 sono taxi! Ovunque per la citta’, non dovrete mai cercare un taxi, sono loro che cercano voi! Nessuno disturbera’ le vostre passeggiate invitandovi ad entrare in un negozio o a comprare qualcosa, nessuno tranne i taxisti, che se vi vedono esitare per un millisecondo…taaaacccc! Eccoli che vi “offrono” un passaggio! Attenzione pero’ che praticamente nessuno di questi utilizza il meter, quindi dovrete contrattare un prezzo che, se sarete fortunati, sara’ il doppio di quello del meter. La strategia migliore che abbiamo trovato e’ stata chiedere alla receptionist di chiamarci un taxi concordando un prezzo “ragionevole” col taxista. Questo funziona, perche’ fra thai non speculano come fanno coi turisti, ma ovviamente vale soltanto se partite dall’hotel, non se decidete di prendere un taxi da un punto all’altro della citta’. Infatti, Bangkok e’ enorme, e la metropolitana/skytrain servono solo circa meta’ della citta’ (la parte moderna, dei grattacieli e dei centri commerciali), per tutto il resto dovrete camminare assai, e trattare con loro: i taxisti! Un buona alternativa e’ la barca, molto economica e veloce, ma ovviamente serve solo I punti che si affacciano sul fiume.

Domenica 22 febbraio

Ci svegliamo ancora assonnati per il fuso orario, ma riusciamo a metterci in pista verso le 9,30 di mattina, diretti verso la nostra prima meta, il Chatuchak Weekend Market, ovvero il mercato piu’ grande di Bangkok nonche’ uno dei piu’ grandi del mondo. Ci perdiamo dentro questo susseguirsi di bancarelle per circa 2-3 ore, senza dimenticare un passaggio nella parte “Pets” che per noi occidentali risulta essere piuttosto stravagante, ma a quanto abbiamo visto i thailandesi ci comprano veramente I loro animali domestici. Non si possono fare foto (a meno di non pagarle), ma vedrete veramente di tutto, dai cuccioli di cani, agli scoiattolini domestici dotati di cappellini ed accessori di lana. Questo mercato e’ stato un ottimo modo per entrare da subito appieno nella vita di Bangkok, rumorosa, trafficata, chiassosa, ma incredibilmente affascinante e profumata di fiori, e di cibo e frutta fresca venduta ad ogni angolo.

Usciti dal mercato, camminando per il giardinetto che lo costeggia, ci dirigiamo verso la fermata della MRT, prendiamo questa unica, ma efficiente linea di metropolitana fino al capolinea, camminiamo ca 15 minuti a piedi e prendiamo l’express boat diretti al Wat Arun, primo tempio buddista che visitiamo. L’architettura di questo tempio e’ molto bella e decorata finemente e si puo’ salire godendo di una bella vista della citta’ oltre il fiume.

Dopo questa visita ci dirigiamo a piedi verso Khao San Road. Il percorso e’ di almeno mezzora, ma si ha l’occasione di passare attraverso il Sanam Luang, un bel giardino dove, quando siamo passati noi, diversi thailandesi stavano facendo volare i loro aquiloni, e di proseguire su Ratchadamnoen Nai/Klang Road, un grande viale alberato considerato gli Champs Elisee di Bangkok, che conduce fino al Democracy Monument.

Khao San road e’ una via particolare, un po’ American style, ma costeggiata di ristorantini, locali serali e negozietti. Un luogo allegro e frizzante, popolato soprattutto da turisti, dove uscire per cena o per un drink. Dopo una passeggiata in Khao San road e una breve pausa cena ci rimettiamo in cammino perche’ la nostra serata prevede ancora un’ultima tappa: combattimento di Thai boxe al Ratchadamnoen Stadium. I biglietti d’ingresso sono di 3 tipi: 1000 bath per I posti in piedi, 1500 per le gradinate (vi diranno “no chair” ma questo non significa che dovrete stare in piedi, ma solo che potrete sedervi sui gradini) e 2000 bath per le poltroncine a bordo ring. Gli incontri (9 a serata) durano circa 20-30 minuti, a meno di un ko. E’ una cosa tipica e sicuramente caratteristica, anche se non si e’ appassionati di arti marziali, e l’atmosfera nello stadio e’ ancora molto autentica con gli scommettitori a bordo ring che urlano incitando (o imprecando) I loro favoriti.

Lunedì 23 febbraio

La nostra prima tappa prevede una passeggiata con pranzo a Chinatown. Raggiungiamo quella zona della citta’ con la boat express e da li’ iniziamo a camminare tra I vari vicoli di questa zona contrassegnata da lanterne cinesi appese su tutte le strade (forse erano le decorazioni rimaste dai festeggiamenti del capodanno cinese, ma sta di fatto che tutto il quartiere ci appare adornato di luci e lanterne rosse). Cinesi e thailandesi apaiono convivere molto bene, e questo quartiere lo dimostra. Non e’ molto diverso dal resto della citta’, anzi oserei dire che e’ piuttosto amalgamato con lo spirito bangkokiano, l’unica vera differenza e’ che nel mercato troverete solo merce cinese, ed ogni stand culinario prepara (e frigge) specialita’ rigorosamente cinesi.

Proseguendo verso la fermata della metropolitana si incontra il Wat Traimit, o tempio del Buddha d’oro. Entriamo a visitarlo… e sì, è abbastanza impressionante immaginare che quella statua sia tutta d’oro massiccio!

La nostra prossima tappa ci porta verso la parte moderna di Bangkok, Siam Square che raggiungiamo con metropolitana + Skytrain. Innanzitutto vogliamo visitare la casa di Jim Thompson, veramente interessante per l’architettura combinata di diverse case tradizionali thailandesi e per il bellissimo giardino tropicale. Usciti da questo museo non ci facciamo mancare una passeggiata nei modernissimi e grandissimi centri commerciali di questa zona. Dopo cena ci dirigiamo (in skytrain+metropolitana) verso il Moon Bar, uno dei piu’ famosi Skybar della citta’. C’e’ un po’ di selezione all’ingresso, ma in realta’ bastano un paio di pantaloni lunghi e scarpe non troppo sportive per entrare (almeno di lunedi’). In pieno buio, la vista sulla citta’ e’ mozzafiato!

Guarda la gallery
cultura-v6wf3

Similan Islands

cultura-ksun5

Tribu' Hmong

cultura-qvfz9

Bingo, cucciolo di elefante

cultura-dpbjz

Allevamento di farfalle

cultura-6a8w2

Donna thai in visita alla pagoda del re (Chaing Mai)

cultura-t91mx

Long Neck Karen

cultura-xsmd8

Elefanti



    Commenti

    Lascia un commento

    Bangkok: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari