Thailandia… il ritorno

In giro per il Paese dei sorrisi
Scritto da: balu1417
thailandia... il ritorno
Partenza il: 27/02/2013
Ritorno il: 17/02/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Memori del nostro viaggio in Thailandia dello scorso anno, dopo aver eliminato tutte le altre alternative che a conti fatti si rivelavano più costose e meno allettanti, abbiamo deciso di tornare in Thailandia! Quest’anno, però, abbiamo allungato il soggiorno di…

Con il cuore appesantito da una miriade di problemi siamo partiti il 27 di Gennaio con la speranza di trovare un po’ di relax laggiù nella Terra del Sorriso. Alle 05:26 abbiamo preso il treno da Livorno per Milano Centrale (tariffa super economy a 9 euro x persona!). Poi con lo shuttle ( subito a sinistra dell’uscita si fanno i biglietti : 10 euro x pers. ) fino a Malpensa dove alle 13:10 siamo partiti con la Oman air ( acquistati in agosto al buon prezzo di 488 euro x pers. ). Dopo un breve scalo di due ore a Muscat ( aeroporto niente di che . . ) siamo ripartiti e atterrati a Bangkok in perfetto orario alle 9:50 del mattino. Il volo è stato comodo e tranquillo. Ogni passeggero dispone di un proprio monitor con cui giocare, ascoltare musica e vedere un film di quelli proposti. Ce ne sono diversi anche in Italiano. Nota dolente del viaggio il cibo, dai sapori fortemente arabi. Alcune cose erano immangiabili!

Fuori dall’aeroporto siamo andati al piano due ‘partenze’ ( come suggerito da altri recensionisti )dove abbiamo preso velocemente il taxi meter ( neanche 300 baht ) e dopo una quarantina di minuti siamo scesi davanti al GRANDE CENTRE POINT TERMINAL 21. Avevamo trascorso interi pomeriggi nella scelta dell’hotel a Bangkok leggendo miriadi di recensioni e visitando interni e camere di tanti e tanti altri alberghi e quindi non posso dire che sia stata fortuna quella di aver trovato un hotel favoloso! Non facendoci neanche attendere l’ora imposta per il check in ci hanno consegnato subito la camera che, come da noi richiesto era vista piscina. Le foto della vetrata che si apre sullo skyline della città che avevamo visto e che ci avevano tanto impressionato non hanno tolto niente all’emozione del primo sguardo una volta entrati in camera! E’ meraviglioso! L’arredamento poi è di design minimalista, cosa che io adoro! Il bagno con il water giapponese computerizzato ci ha fatto tanto divertire! Per il resto tutto è perfetto e (c’è anche un piccolo angolo cottura).

A Bangkok siamo rimasti quattro notti cercando di vedere quanto possibile ma anche di gustarci un po’ l’albergo che dispone di una piscina a sfioro meravigliosa nella quale si tuffano i riflessi dei grattacieli che la circondano. Fa davvero impressione essere sdraiati su quei lettini a bordo piscina e guardarsi intorno!

Altra cosa importante di quest’albergo è l’ubicazione: si trova ad Asoke nel punto d’incontro dello sky train e della metropolitana che ti portano praticamente ovunque tu voglia andare. Noi abbiamo usato quasi sempre lo sky train. Il prezzo è modico e i biglietti si fanno prima di salire presso biglietterie automatiche che ti indicano facilmente la tariffa relativa alla meta. L’attesa è pressoché inesistente ne passano in continuazione e sono davvero comodi. Il taxi lo abbiamo preso una sola volta venendo via da Kaosan road ma il traffico sulla Sukhumvit è davvero una marmellata come dicono scherzando sempre i tassisti. Un paio di volte siamo saliti anche sul tuk tuk ma dato l’inquinamento quando possibile abbiamo cercato di evitare.

Abbiamo visitato in autonomia la parte antica della città col Palazzo reale e i vari wat, Kaosan road, China town e il lungofiume. Per spostarci sul Chao Phraya river abbiamo preso sempre l’“orange boat” che con 15 baht a testa ti porta dove vuoi (attenzione a quelli che ti vogliono far salire su boat turistiche che costano 10 volte tanto!). Si prende a sathorn dove scendi dallo sky train e se scendi al pier 5 sei a China town, se scendi all’8 sei al wat Arun , se scendi al 9 sei al palazzo reale e se scendi all’13 sei nei pressi di Kaosan road. Un consiglio: se all’ora di pranzo siete al molo 8 vi consigliamo di mangiare al ristorantino dietro il pier; noi abbiamo mangiato il più buon fried rice con i gamberetti di tutta la nostra vacanza!

L’unica volta che ci siamo affidati ad un agenzia è stato per andare al mercato galleggiante Damnoen Saduak spendendo pochissimo! Per 320 baht a testa sono venuti a prenderci direttamente in hotel. Il mercato seppur troppo turistico è comunque davvero molto caratteristico e colorato! Abbiamo fatto delle foto esagerate!

Concludo con Bangkok parlando dello shopping. Per chi è amante di mercatini e shopping center questa città è una manna! Noi ne abbiamo visitati davvero tanti, dal Terminal 21 che è sottostante e collegato direttamente al nostro hotel, al Siam Paragon, al Discovery, al central world, all’Mbk nel quale abbiamo fatto tutti i nostri acquisti (al piano 3 c’è una specie di mercatino interno dove i prezzi sono davvero buoni!).

Il primo febbraio abbiamo lasciato a malincuore il Grande Centre point e col taxi siamo arrivati all’aeroporto dove al nostro arrivo a Bangkok avevamo prenotato due posti sul minivan vip bus che porta direttamente a koh Chang (800 baht x pers. andata e ritorno). In cinque ore siamo arrivati all’isola e dopo averla percorsa da cima (dove siamo sbarcati) a fondo siamo arrivati finalmente al TROPICAL BEACH RESORT. Avevamo prenotato qui d’impatto, allettati dalla spesa irrisoria e dalle foto dei graziosi bungalow sul mare senza leggere troppo le recensioni . In seguito leggendole eravamo un po’ timorosi riguardo la collocazione definita scomoda e difficilmente raggiungibile. Menomale che invece i nostri timori si siano rivelati inutili. Il resort si trova poco distante da Bang Bao e grazie al noleggio di uno scooter (250 baht al giorno) noi ci siamo spostati sia di giorno che di notte senza alcuna difficoltà. Senza dubbio poi, la spiaggia adiacente la nostra è una delle più belle dell’isola e la mattina all’alba ci ha regalato passeggiate indimenticabili. Una sera abbiamo cenato qui proprio sulla sabbia nel resort Chivapuri : riso di mare e barbecue di pesce. Bello ma caruccio circa 1000 baht in due (di solito si spende meno!).



    Commenti

    Lascia un commento

    Bangkok: leggi gli altri diari di viaggio