Thailandia, gioie e dolori

A Bangkok per tre giorni, poi in treno fino a Phuket e da lì a Phi Phi Island. Infine, cinque giorni a Phuket
 
Partenza il: 31/01/2012
Ritorno il: 13/02/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Partenza da Roma Fiumicino

Compagnia aerea Royal Jordanian, al check in non c’è coda, sono gentilissimi ci trovano i posti migliori. Un punto di attenzione è che se si acquista il biglietto on line, non è possibile fare il web-check-in e soprattutto al banco ti chiedono la carta di credito con cui è stato pagato il biglietto, quindi meglio non scordarsela a casa. Volo Roma – Amman, 3 ore circa ma passano in un baleno con un sistema d’intrattenimento che comprende, musica, film e giochi. Il cibo è buonissimo. Amman – Bangkok è un pò più dura soprattutto perchè abbiamo un bambino proprio dietro ai nostri sedili che piange stizzito ogni 5 minuti.

Bangkok

Dall’aeroporto per arrivare in città c’è la linea della metropolitana che costa 40 Bath a persona. Abbiamo poi scoperto che i taxi costano davvero pochissimo, meno anche dei tuk tuk, se chiedi di mettere il tassametro (meter). Se si concorda il prezzo, risulta sempre più alto di quanto pagheresti con il tassametro. Quindi a Bangkok non conviene prendere la metro per due ragioni: una è che costa di più dei taxi e l’altra ragione è che le diverse linee non s’intersecano tra di loro. Sei obbligato a scendere, fare un mezzo isolato a piedi o anche di più, ripagare di nuovo il biglietto che in città è di circa 15/30 BT ma cambia rispetto alla distanza che percorri.

Secondo la nostra esperienza i tuk tuk per quanto carini, pittoreschi ed agili vanno assolutamente evitati. Per prima cosa sono spericolati, vanno veloci e sembra che la cronaca locale sia ricca d’incidenti con questi carrettini. Poi i conducenti ti portano dove dicono loro, anche si concorda destinazione e tragitto, si fermano ai negozi con cui loro, credo, prendano una percentuale rispetto agli acquisti che fai. L’ultimo motivo è che costano di più dei taxi, loro non hanno il tassametro e concordano un prezzo più alto. Da non perdere a Bangkok… Il Gran Palazzo Reale e i Templi (Wat Phra Kaeo), E’ un posto sorprendente assolutamente da non perdere. Noi abbiamo faticato un po’ per arrivarci.

La mattina cerchiamo un tuk tuk per andare nella città vecchia dove si trova il Palazzo, il conducente ci dice che non è possibile arrivare nei pressi del palazzo perché, afferma, c’è troppo traffico (?). E’ disposto a portarci per 120 BT sulla sponda del fiume da dove poi prenderemo un traghetto che ci porta vicino al palazzo. Ci accorgiamo al ritorno che la cifra è sproporzionata rispetto ai 100 BT che abbiamo pagato per il taxi direttamente dal palazzo e stando fermi per quasi un’ora nel traffico.

Appena scesi dal tuk tuk ci si avvicina un ragazzo molto affabile e gentile che ci porta ad un chioschetto dove c’è una signora che per 3000 BT a persona ci vuole offrire una crociera sul fiume. Facciamo immediato dietro front, riprendiamo il tuk tuk che si era fermato poco più avanti e ci facciamo portare in un altro posto per prendere un traghetto pubblico. Lo troviamo al prezzo di 15 BT, il biglietto si fa direttamente a bordo.

Scendiamo alla fermata giusta e possiamo già vedere i tetti colorati dei templi da dietro le mura. Baldanzosi ci apprestiamo a fare il biglietto, ma anche arrivare alla biglietterie diventa un’impresa inimmaginabile. Veniamo, infatti, fermati da un affabile e gentile impiegato del Palazzo, almeno così sembra, che ci dice che la biglietteria è chiusa per l’ora di pranzo, sono le 12.00, riaprirà alle 13.30. Ci consiglia quindi di andare a vedere nel frattempo altri monumenti e chiama un tuk tuk che sembrava posteggiato casualmente lì davanti. In realtà scopriamo dopo che è un suo compare. Concordiamo con il tizio che per 40 BT ci porta a vedere 4 monumenti che ci segna sulla mappa ma che noi non riconosciamo. La prima tappa è il Buddha alto 15 metri, la seconda è un negozio… la terza un altro negozio… ci accorgiamo di essere stati vittime di un raggiro, quindi molliamo il tuk tuk e con mappa alla mano cerchiamo di ritrovare la strada per il Palazzo. Ci fermiamo a chiedere informazioni ad alcuni conducenti di tuk tuk che ci dicono che è inutile andare al Palazzo dato che ormai è chiuso. Sono ormai le 14 passate, ma adesso siamo diventati scaltri e non ci caschiamo più. Sappiamo che chiunque è disposto a raccontare la storia del Palazzo che è chiuso per caricarci su un tuk tuk e portarci in giro per negozi. Riusciamo a trovare il Palazzo, ma anche lì davanti un finto impiegato ci dice che è ormai chiuso, ma noi imperterriti lo ignoriamo ed andiamo avanti. Arriviamo finalmente all’entrata dove c’è un gruppettino di guide. Ne scegliamo una che parla in italiano, ma dopo ci pentiamo perché il poveretto conosce solo la spiegazione in italiano, comprende male le domande cui risponde ancora peggio. Il consiglio è di prenderne una che parla bene inglese. Il costo è di 500 BT per la guida e 400 BT a testa per il biglietto d’entrata. Finalmente siamo dentro e possiamo goderci il Palazzo e gli incantevoli Templi. Centro commerciale centerworld: E’ un centro commerciale immenso dove si può acquistare di tutto. I prezzi sono quelli europei tranne per il 6° e 7° piano dove ci sono ristoranti di ogni tipo, nazionalità, raffinati ed “all you can eat” dolci e fast food. Tutto a prezzi incredibilmente bassi.

La nostra escursione fuori Bangkok

Al prezzo di 2000 BT a testa abbiamo prenotato direttamente dalla hall del nostro hotel (Sky Bayoke, altissimo e bellissimo, lo consiglio a tutti) una gita che comprendeva: • La visita al Cimitero di guerra di Kanchanaburi. • Il ponte sul fiume Kwai e relativo museo, anche se non abbiamo capito bene perché lo chiamano museo. Si tratta di qualche manichino rattoppato ed impolverato che dovrebbe rappresentare la situazione disumana che i prigionieri della II° guerra mondiale dovettero subire da parte dei Giapponesi. • Pranzo in riva al fiume e poi passeggiata sugli elefanti abbastanza deludente. Ci hanno infatti fatto salire sul nostro elefante, fatto fare il giro del piazzale, andati nell’acqua dove il pachiderma ci ha bagnato a turno con la sua proboscide e poi gocciolanti siamo risaliti sul pulmino che ci ha portato alla cava delle tigri. • La cava delle tigri è un luogo di culto per i monaci. Prima di entrare c’è un cartello con le regole di comportamento in presenza dei monaci. Puoi farti fare le foto con le tigri insonnolite e legate con una cortissima catena che le costringe a terra sempre accompagnati da una guida che ti tiene scrupolosamente per mano. Sembra di stare allo zoo. Siamo un po’ delusi per non aver potuto vedere questi meravigliosi felini in uno stato più naturale.

Guarda la gallery
kata-beach-8rdzf

Nel tempio delle tigri

kata-beach-2jpw6

Le 3 stagioni del Buddha di smeraldo

kata-beach-7x2q9

Maya beach

kata-beach-h6d3z

I treni in Thailandia

kata-beach-dt67x

Coral Island Phuket

kata-beach-yawed

Il Buddha di 15 metri a Bangkok



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bangkok
    Diari di viaggio
    l'arcipelago malese: un viaggio alla scoperta di questa lontana parte di mondo

    L’Arcipelago Malese: un viaggio alla scoperta di questa lontana parte di mondo

    Guardando le foto dell'album mi è venuta voglia di raccontare il mio viaggio. Dal 1 gennaio 2012 al 30 marzo 2012.Malesia 1...

    Diari di viaggio
    2 settimane fai da te in thailandia, tra bangkok, ayutthaya, sukhotai, chiang mai e phuket.

    2 settimane fai da te in Thailandia, tra Bangkok, Ayutthaya, Sukhotai, Chiang Mai e Phuket.

    Dopo un volo della Oman Air (compagnia aerea che consigliamo vivamente) partito da Bologna per Bangkok, con scalo a Muscat, atterriamo in...

    Diari di viaggio
    thailandia, paradiso all'improvviso

    Thailandia, paradiso all’improvviso

    Sono del parere che ci vorrebbero delle ferie per pianificare un viaggio, poi altre ferie per fare la valigia forse con un attimo più di...

    Diari di viaggio
    thailandia e cambogia 2020

    Thailandia e Cambogia 2020

    Scegliere questa meta per il nostro consueto viaggio di febbraio è stato abbastanza semplice: non avevamo a disposizione un budget...

    Diari di viaggio
    capodanno al caldo in thailandia
    Fef

    Capodanno al caldo in Thailandia

    A settembre abbiamo deciso di regalarci un Capodanno al caldo e così abbiamo scelto la Tailandia come destinazione per dicembre. Purtroppo...

    Diari di viaggio
    la nostra prima thailandia: nord, mare e bangkok

    La nostra Prima Thailandia: nord, mare e Bangkok

    24.12.19 VERONA Io e il mio compagno visiteremo per la prima volta questo paese. Partenza da casa nostra con l'ottimo servizio di Go-Opti,...

    Diari di viaggio
    a ovest della thailandia

    A ovest della Thailandia

    Raccontare i nostri viaggi è oramai un appuntamento necessario, utile a noi per ricordare nel tempo le nostre avventure e speriamo utile...

    Diari di viaggio
    amazing bangkok!

    Amazing Bangkok!

    Dieci giorni alla scoperta dell'incredibile capitale della Thailandia tra sapori, profumi, suoni e colori di una città che pur mantenendo...

    Diari di viaggio
    thailandia, al di sopra di ogni nostra immaginazione...

    Thailandia, al di sopra di ogni nostra immaginazione…

    Ad inizio novembre io e mio marito abbiamo iniziato ad organizzare un viaggio in Thailandia, per il mese di gennaio, prenotando i seguenti...

    Diari di viaggio
    bangkok e phi phi guida all'uso e consigli pratici

    Bangkok e Phi Phi guida all’uso e consigli pratici

    Giorno 1 Arriviamo all'aeroporto di Bangkok intorno alle 19 con volo Emirates. Aeroporto nuovissimo e all'avanguardia, stupisce la...

    Video Itinerari