Svizzera, vivere in un quadro

Lungo weekend per visitare le cascate più grandi d'Europa (Cascate del Reno) e i dintorni
 
Partenza il: 29/06/2013
Ritorno il: 01/07/2013
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

GIORNO 1 : LECCO – APPENZELLO – SAN GALLO – RANDEGG

Inizia alle 5,30 del mattino il nostro lungo weekend per visitare le CASCATE DEL RENO –RHEINFALL e dintorni.

Partiamo da Lecco e decidiamo di entrare in Svizzera facendo il PASSO DELLO SPLUGA.

Una strada ricca di tornanti ci porta fino 2113 metri slm in mezzo alla natura davvero incontaminata dove possiamo osservare da vicino molte marmotte che camminano tranquille sulla strada e sui prati fino a che non ci avviciniamo con l’auto. Un’esperienza fantastica… per i nostri occhi e per la mia Canon !

Tra un tornante e l’altro arriviamo a valle e proseguiamo sulla A13 in direzione Appenzello.

Se come noi decidete di prendere l’autostrada ricordatevi che in Svizzera serve il bollino autostradale, acquistabile anche in Italia. Costo € 33 validità un anno.

APPENZELLO è un borgo fiabesco con negozietti tipici e casette affrescate, merita davvero una visita se siete amanti della tranquillità e di questi paesini romantici.

Se volete fermarvi in questo paese, ho letto che si possono fare numerose escursioni ma per noi è solo una tappa, oltretutto col tempo piovoso.

Dopo una tipica colazione in una deliziosa pasticceria in centro, di fronte ad un negozio che vende il tipico formaggio della zona, ripartiamo verso San Gallo.

SAN GALLO è una città con molti edifici storici e con una splendida abbazia.

In modo particolare della città mi ha colpito la piazza interamente rossa: pavimentazione, panchine, tavolini, fontana… è tutto rosso creato con un materiale gommoso! Una vera stranezza!

Nel complesso però S.Gallo ci ha delusi…è piena di negozi e ristoranti stranieri…non andiamo certo in Svizzera per mangiare italiano (tipo scaloppina al vino bianco con ragù!!), indiano, giapponese o greco!

Per uscire dalla città abbiamo impiegato un’infinità! Tanto traffico e tanti semafori.

Percorriamo la strada per arrivare a Randegg (Germania) costeggiando immensi prati coltivati, bellissimo.

In un’oretta arriviamo al b&b che avevamo prenotato in Internet. E’ una struttura un po’ datata con poche stanze ma pulito, per un paio di notti va bene. Le recensioni si sono dimostrate corrette! Per la cena scegliamo un ristorante che si trova sulla destra pochissimi minuti prima di Singen, il nome è Schanz Stuben Rothaus , mangiamo bene e i prezzi sono nella norma.

GIORNO 2 : CASCATE DEL RENO – STEIN AN RAIN -SCIAFFUSA

A pochi km da Sciaffusa, a Neuhausen am Rheinfall, troviamo le cascate più grandi d’Europa. E’ domenica e quindi i parcheggi in paese non si pagano, mentre quelli delle cascate sì. Il costo è di 6 Franchi per 4 ore, quelli gratuiti invece distano a 5-10 minuti a piedi. Sentiamo il fragore delle cascate ma non si vedono subito…poi…eccole! Un vero spettacolo della natura. Iniziamo a passeggiare nel parco naturale che le costeggia e scattiamo un’infinità di foto! Arrivati ad un certo punto per visitare i punti migliori, dove l’acqua ci schizza e il rumore è assordante, bisogna acquistare un biglietto di 5 Franchi, che permette anche di utilizzare un ascensore che porta i turisti su e giù dalle cascate. Per tornare al punto di partenza decidiamo di prendere il battello che costa 2 Franchi, non per la fatica ma per provare anche questa esperienza. L’idea era quella di prendere il battello per arrivare fino al centro delle cascate, bagnarsi da testa a piedi e salire su una postazione spettacolare proprio in mezzo, ma la portata dell’acqua è talmente tanta che quella gita è stata soppressa ! Per chi volesse ci sono anche altre escursioni in battello di 30 minuti e di 60 minuti. All’ingresso delle cascate comunque trovate, sia dalla parte tedesca che dalla parte svizzera, i punti di informazioni con vari volantini. Passeggia, fermati, fai le foto….sono arrivate in un attimo le 13.00. Pranziamo con bratwurst e patatine fritte in un self-service vicino ad un negozio di Souvernirs, buono. Al pomeriggio andiamo a visitare Stein am rhein a pochi minuti dalla Cascate. Parcheggiamo e camminiamo verso il centro…STEIN AM RHEIN sembra un quadro ! In tutta la parte pedonale troviamo case affrescate con i tipici balconi bovindi, nella piazza c’è la pasticceria “Walz” , dove vi consiglio di fare tappa per assaggiare una delle loro favolose torte ! Facciamo una passeggiata anche nella zona lago con tutti i tavolini fuori dai locali, le macchine d’epoca di un raduno, gente che fa il bagno… provo la classica sensazione relax-vacanza! Lasciamo questo splendido borgo per fare tappa a SCIAFFUSA. Appena scendiamo dall’auto notiamo l’imponente fortezza Munot e decidiamo subito di salire dalla scalinata. Dalla cima delle mura si gode di una grandiosa vista su tutta la città. Scendiamo dalla scalinata opposta e tra i vicoli della parte pedonale ci soffermiamo ad ammirare i palazzi affrescati con le loro fiabesche finestre a bovindo. Nonostante i 35.000 abitanti, Sciaffusa ci regala un’atmosfera tipica dei piccoli borghi di questo cantone svizzero. Giornata intensa! Per la cena sconfiniamo a Singen, in Germania, in un ristorante in piazza che si chiama “Stadtgarten” . Qui troviamo una cameriera italiana che ci consiglia dei piatti tipici della zona, ristorante consigliato.

GIORNO 3 : ROMANSHORN –ARBON -ALTENRHEIN

Per tornare a casa decidiamo di costeggiare il Lago di Costanza. Nelle stradine dei paesini troviamo vari venditori di prodotti locali, tipo patate, ciliegie, lamponi, asparagi,… Prima tappa : ROMANSHORN Segnato sugli opuscoli del turismo svizzero, anche questo paesotto merita una tappa. Lo stile è sempre quello di Stein Am Rhein, forse un po’ più commerciale e meno romantico. Procediamo fermandoci per l’ora di pranzo ad ARBON, patrimonio dell’Unesco dal 2011. Parcheggiamo verso il lago, ovviamente a pagamento. Nella zona del porto sembra di stare in un paese sulle rive del Mediterraneo! Passeggiamo sulla pista ciclabile di circa 3km sulla riva del Bodensee, ci bagnamo i piedi e ci soffermiamo a godere della tranquillità sulle panchine. Sulla strada che ci porta all’ingresso in autostrada , troviamo ALTENRHEIN, o meglio,vediamo la famosa opera di da Friedensreich Hundertwasser e quindi ci fermiamo per osservarla in tutta la sua magnificenza. E’ solo uno dei 37 edifici concepiti da questo artista, gli altri sono sparsi per il mondo. Restiamo ammalliati dai colori luminosi, dalle finestre tutte diverse, dalle cime dorate. Riusciamo a visitarlo anche all’interno perché oggi c’è una festa speciale per ragazzi disabili e una signora ci invita ad entrare. All’interno c’è un negozio dedicato all’artista. . Su internet avevo letto che la struttura,utilizzata come mercato coperto del paese, può essere visitata ad orari negozio al costo di 2 Franchi, prima però informatevi. Comunque anche vista dal solo dal fuori lascia a bocca aperta.

Guarda la gallery
montagna-re4uy

ARBON

montagna-5fk3c

RHEINFALL

montagna-8hwba

ALTENRHEIN



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Germania
    Diari di viaggio
    viaggio in sassonia: lungo le sponde dell'elba

    Viaggio in Sassonia: Lungo le sponde dell’Elba

    Un diario di viaggio di Chiara PanzeriArrivo In previsione di questo viaggio mi ero preparata devo dire come non mai. Stavo per...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    viaggio on the road in polonia

    Viaggio on the road in Polonia

    Viaggio on the road, destinazione Polonia. Estate 2021 (seconda estate in epoca di coronavirus), io e mia moglie Donatella decidiamo di...

    Diari di viaggio
    il grande nord europa in camper

    Il grande Nord Europa in camper

    L’avvicinamento alla penisola scandinava Erano anni che avevo in testa questo viaggio, e solo ora, dopo averlo terminato, dopo aver...

    Diari di viaggio
    la germania di treviri, magonza, coblenza e colonia

    La Germania di Treviri, Magonza, Coblenza e Colonia

    GERMANIA 2017Partecipanti: La sottoscritta e mio maritoINTRODUZIONE: Treviri – Magonza – Coblenza e Colonia : ecco il ...

    Diari di viaggio
    in bus da norimberga a stoccarda

    In bus da Norimberga a Stoccarda

    Nonostante i viaggi in aereo siano indispensabili per arrivare i luoghi lontani e tanto sognati il mio motto,una volta arrivata a...

    Diari di viaggio
    monaco di baviera e l'oktoberfest, 2019

    Monaco di Baviera e l’Oktoberfest, 2019

    1° giorno Arriva l’ora di vedere com’è l’Oktoberfest, dopo avere rinviato negli anni in favore di altre destinazioni. Con...

    Diari di viaggio
    berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Finalmente eccomi a Berlino, dopo vari tentativi andati a vuoto. Dopo aver trovato col Ciber Monday un volo a 10 euro A/R da Bergamo mi...

    Diari di viaggio
    berlino a natale: 4 giorni nella capitale tedesca

    Berlino a Natale: 4 giorni nella capitale tedesca

    Non avevamo mai pensato concretamente ad un viaggio a Berlino fino a quando a causa di un cambio programma, abbiamo optato per questa meta...

    Diari di viaggio
    in giro per berlino

    In giro per Berlino

    30 luglio 2019 – martedì Volo Easyjet Pisa (20:25) – Berlino Schonenfeld (22:20)Una volta ritirati i bagagli ci rechiamo alla...

    Video Itinerari