Sulle tracce di Monet

Weekend in Francia, tra Rouen, Giverny e Beauvais
 
Partenza il: 27/05/2016
Ritorno il: 30/05/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Partecipanti: la sottoscritta (Barbara, 50 anni) e mio marito Marco, 56 anni

UN VIAGGIO SOGNATO A LUNGO

Dopo averne tanto parlato… finalmente ci si prospetta la possibilità di un week end sulle orme di Monet!

Siamo proprio contenti di poter approfittare di un’offerta low cost di Ryan Air, che propone un buon ventaglio di possibilità sulla tratta Bergamo – Beauvais. Nonostante il meteo non proprio favorevole… il nostro viaggio ci lascia davvero soddisfatti!

1° giorno, Venerdì 27 maggio: PARTENZA

Prendiamo il volo serale di Ryan Air che dovrebbe portarci a Beauvais per le 21:50, ma ha quasi un’ora di ritardo. Anche l’autonoleggio ci fa aspettare, perché c’è molta fila ed un solo addetto a smaltirla. Ci consoliamo tuttavia quando vediamo l’auto che ci viene assegnata: una Renault Mégane piuttosto nuova, con il cambio automatico (cui mio marito farà un po’ di fatica ad abituarsi). Attraverso Air BnB, abbiamo prenotato un alloggio presso una famiglia di Beauvais: bellissima famiglia e buon rapporto qualità/prezzo per una camera con bagno ed uso cucina (ma in generale siamo una coppia che predilige gli alberghi, almeno per permanenze così brevi).

2° giorno – Sabato 28 maggio / ROUEN

Al mattino presto partiamo alla volta di Rouen, che raggiungiamo in un’oretta di strada piuttosto scorrevole. Lasciamo l’auto nel parcheggio ricavato di fianco alle vecchie Halles cittadine e ci dirigiamo verso la cattedrale di Notre Dame: che spettacolo! Grandiosa, imponente, luminosa … domina la città ed il panorama cittadino. Vederla nel fresco ma soleggiato mattino ci fa capire perché il grande Monet la amasse così tanto. La visita della cattedrale è gratuita e noi ci torneremo anche nel pomeriggio, per una ulteriore visita, questa volta guidata, dell’interno (solo in francese) alle ore 14:30. Dopo questa prima visita (sia esterna che interna) della cattedrale da soli, ci dirigiamo al MUSEE DES BEAUX ARTS (www.mbarouen.fr), che consigliamo a tutti non soltanto per la ricca collezione permanente (visitabile a titolo gratuito), ma anche per la splendida architettura, risalente a fine 1700 e restaurata negli anni Novanta del secolo scorso. Il patio centrale è giustamente chiamato GIARDINO DELLE SCULTURE perché è una struttura coperta luminosissima che si snoda fra varie sculture neoclassiche, che il visitatore può ammirare comodamente seduto al bar centrale. La collezione permanente è davvero ricca: per i nostri interessi personali, ci soffermiamo in particolare nelle stanze dedicate all’Impressionismo e nella sezione che espone mirabili opere di Velazquez e di Caravaggio. Di quest’ultimo, è esposta una “Flagellazione di Cristo” che mette i brividi… Abbiamo la fortuna di poter ammirare anche una mostra temporanea dal titolo SCENE DI VITA IMPRESSIONISTA, che ospita molti quadri – famosi e non – dei nostri amati Monet, Manet e Renoir. Alle 14:30 siamo nuovamente all’interno della cattedrale, dove una simpatica signora ci illustra molto dettagliatamente tutte le opere presenti. La visita – della durata di 1h30 circa – si chiude nella cripta romanica, molto suggestiva, anche se ahimé la pavimentazione originale è stata ricoperta dal cemento.

Quando usciamo sta piovendo a dirotto, per cui per un’oretta ci chiudiamo in un ristorante self-.service, per il nostro tardivo pranzo. Quando passa il temporale, una lunga passeggiata ci porta ad ammirare gli altri tesori di Rouen, dal Palais de Justice in perfetto stile gotico-fiammingo, alla Place Vieux Marché (dove una Croce ed una chiesa degli anni Settanta del secolo scorso ci ricordano il supplizio di Giovanna d’Arco proprio in questo luogo) ed alla Rue du Gros-Horloge. Il centro storico è ancora ricco di tipiche case a graticci, che circondano quasi interamente anche Place Vieux Marché. Scendendo verso la Senna, un po’ fuori del bellissimo centro, restiamo colpiti da una zona di Rue Jeanne D’Arc, dove ci sono una torre medievale ed i resti di un’antica chiesa. Diamo un ultimo sguardo alla città dalle sponde della maestosa Senna, prima di ritornare verso Beauvais.

3° giorno, Domenica 29 maggio: GIVERNY

Stamattina il cielo è coperto, ma ci aspetta comunque una bellissima giornata. La nostra tappa di oggi è Giverny, con la famosa casa-giardino-museo di Monet. Il giardino è spettacolare, nonostante il cielo un po’ grigio. In alcuni punti, ti sembra quasi di essere un personaggio sbucato sulle tele del grande pittore …. Vicino a questa (che è l’attrazione principale di questo paesino), c’è anche un MUSEE DES IMPRESSIONISTES, ospitante una mostra temporanea su Caillebotte pittore e giardiniere. La mostra evidenzia le similitudini fra questo pittore e Monet: entrambi impressionisti, entrambi amanti della natura, entrambi orgogliosi di curare da sé il proprio orto ed il proprio giardino. Giverny ospita anche una piccola, bella chiesetta accanto alla quale, in una tomba un po’ trasandata, è sepolto Monet (ricordato invece in maniera più decorosa nella zona del parcheggio esterno del paese, da un bel busto bronzeo moderno). L’hotel Baudy – luogo di ritrovo dei pittori impressionisti od aspiranti tali – offre un curioso negozio di miniature (la PETITE GALERIE HOTEL BAUDY), che consigliamo di visitare. Mio marito ha trovato imperdibile una mostra privata sulla meccanica – MUSEE DE MECANIQUE – dove si viene accolti da una straordinaria antenata della lavatrice. Le macchine in mostra sono splendidi reperti di archeologia industriale e faccio fatica a convincere mio marito che non può restare lì a dormire!

Sulla strada di casa, ci fermiamo nella vicina Vernon, dominata da una bella cattedrale gotica (anch’essa dedicata a Notre Dame) affiancata da una splendida casa a graticci, che ora ospita l’Ufficio Turistico. Il simbolo della città è un vecchio mulino, visitabile solo dall’esterno, che si erge un po’ precariamente sull’unico pezzo di ponte rimasto in piedi. Nello stesso parco (e visitabile anch’esso solo dall’esterno) ci sono i resti del castello medievale di Tourelles, recentemente restaurato. Eccoci di nuovo a Beauvais, dove decidiamo di compiere una prima passeggiata notturna della cittadina: da Place Jean Hachette (l’eroina della città), attraverso il centro arriviamo all’immensa cattedrale: sulla sua sinistra, ci sono i resti romani delle antiche mura cittadine – insieme a ciò che rimane della primissima cattedrale – mentre sulla destra si vede una vecchia casa medievale perfettamente conservata. Quasi di fronte alla Cattedrale, si possono ammirare i resti della Collegiale di Saint Barthélémy, che risalgono a poco dopo l’anno 1000. Tutto ciò che vediamo è davvero bello, ma la cattedrale è semplicemente imponente!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Francia
    Diari di viaggio
    la lavanda in provenza

    La lavanda in Provenza

    La lavanda fiorisce in Provenza da metà giugno e raggiunge il culmine solitamente verso la metà di luglio, dopodiché viene tagliata e...

    Diari di viaggio
    provenza: go camping

    Provenza: Go Camping

    Descrizione pratica di un viaggio di due settimane on-the-road (9/14 agosto 2021), itinerante e un po' barboneggiante nella regione...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    provenza, svizzera francese ed italiana in tenda

    Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

    Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    il medoc delle meraviglie

    IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

    Non ero mai stata in Médoc e l'occasione giunge andando a trovare un amico innamorato delle sue foreste e del suo oceano. Ho vissuto...

    Diari di viaggio
    un grazioso fine settimana a nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza (spendendo poco)Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 3

    Normandia e Bretagna 3

    Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

    Diari di viaggio
    jumieges: le rovine più belle di francia

    JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

    Partecipanti: la sottoscritta insieme al maritoPRIMA DI PARTIRE Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in...

    Diari di viaggio
    reims e il gotico francese

    Reims e il gotico francese

    Partecipanti: La sottoscritta e mio marito INTRODUZIONE Sono una grande amante dell’architettura gotica, con una predilezione per il...