Suggestiva Spagna del Nord

Sono Pierangela, vi voglio raccontare del tour estivo che, insieme al mio compagno Pietro, ha riguardato la Spagna del Nord, terzo viaggio nella penisola iberica dopo aver visitato l’Andalusia, Madrid e dintorni, Saragozza e Barcellona. Un viaggio culturale e nello stesso tempo suggestivo. Come sempre pianifichiamo il nostro itinerario per...
Scritto da: pierangela
suggestiva spagna del nord
Partenza il: 06/08/2009
Ritorno il: 19/08/2009
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Sono Pierangela, vi voglio raccontare del tour estivo che, insieme al mio compagno Pietro, ha riguardato la Spagna del Nord, terzo viaggio nella penisola iberica dopo aver visitato l’Andalusia, Madrid e dintorni, Saragozza e Barcellona. Un viaggio culturale e nello stesso tempo suggestivo. Come sempre pianifichiamo il nostro itinerario per tempo, approfittando delle promozioni dei voli low cost. Pur avendo avuto dei problemi su alcune prenotazioni alberghiere, che per fortuna si sono risolte al meglio, le bellezze di questa parte della Spagna ci hanno compensato dei disagi iniziali.

Giovedì 6 agosto 2009 Partenza ore 9:10 da Palermo per Madrid con scalo a Milano All’aeroporto Malpensa la prima sorpresa: la mia valigia, non a caso l’ultima ad uscire sul tappeto mobile, è danneggiata, sembra che un TIR le sia passato sopra e gli indumenti sono sporchi di fuliggine, come se fossero stati vicino ad una fonte di calore.

Voglio piangere, urlare, dire parolacce, ma non posso, sono in mezzo alla gente! Faccio la denuncia e vado subito a comprare una valigia nuova, ma il negozio si trova al di là del controllo metal detector, un finanziere, capendo la situazione, mi fa passare per poter acquistare la valigia. Nel travasare la roba mi accorgo che mancano il carica batteria e la batteria piccola della video camera, ed una scarpa, che peccato, erano nuove e comode! Non potrò usare la videocamera o meglio sino a quando l’unica batteria si scaricherà! Ci imbarchiamo per Madrid, come finirà? Il volo tutto OK. Andiamo a ritirare le valigie e la mia valigia manca di nuovo! Poi mi accorgo che è scivolata dal rullo e si trova all’ingresso esterno della pedana. Cos’altro dovrà mai accadere? Andiamo al punto AVIS per ritirare l’auto, ma quella prenotata dall’Italia non è disponibile, ci danno allo stesso prezzo una Seat Leon turbo diesel 1900 , buon per noi! Inizia il tour! Ma non è facile, dobbiamo raggiungere la città di Alcobendas, a una decina di km da Madrid, le strade sono tante, raccordi, entrate, uscite e tanto traffico.

Giunti in città raggiungiamo l’albergo che è grazioso e confortevole. Usciamo per andare a cenare, e dopo aver vagato in cerca di un ristorante individuiamo una marischeria (locale specializzato in pesce e crostacei), sono le 22:00, finalmente ci sediamo.

Ordiniamo il piatto tipico del locale che scopriamo consistere in un vassoio pieno di gamberoni, granchi, molluschi, lumaconi.

Non portano le posate, ma uno schiaccianoci ed un tappo di sughero con infilzati degli spilli, notiamo infatti che i clienti intorno a noi utilizzano il primo per rompere i granchi e il secondo per le lumache di mare e così ci adeguiamo anche noi. Il cibo è buono ed abbondantissimo tanto che il cameriere ci svuota più volte il piatto dalle scorze. La cena non è ancora finita, ci viene servito un ulteriore vassoio pieno di gamberi e scampi cotti alla brace. Tutto accompagnato da 3 boccali di birra. Una vera scorpacciata! Venerdì 7 agosto 2009 Lasciamo Alcobendas per Salamanca, ma prima una tappa ad Avila che raggiungiamo percorrendo l’autostrada A6.

Avila è un suggestivo borgo medievale a 1100 m di altezza. La città è circondata da alte mura medievali fortificate dell’undicesimo secolo che coprono un rettangolo di più di 2,5 km di lunghezza, con 90 torri cilindriche e 8 porte d’accesso alla città.

Altri 100 km e siamo a Salamanca, raggiungiamo l’albergo Castellano II e con sorpresa ci viene detto che la nostra prenotazione è stata cancellata, da chi e perché? La camera è stata pagata due mesi prima! Qui non hanno camere libere e ci dirottano al Castellano III poco lontano. Alla reception ci ripetono che la nostra prenotazione è stata annullata. La nostra reazione è un misto di rabbia, delusione, sconcerto e sconforto.

Dopo più di un’ora di discussione con l’addetto alla reception, parliamo anche con il direttore dell’albergo che ci conferma la cancellazione, ci arrendiamo! Mi metto al telefono per parlare con Bookinhotels, l’agenzia dove abbiamo acquistato la camera, ma è sempre occupato.

Basta! dove andiamo? non ci resta che prendere una camera proprio qui! Con una grande opera di convincimento riusciamo a lasciarci usare il computer per vedere sul sito di Bookinhotels la nostra situazione e con grande stupore leggiamo che tre dei quattro alberghi comprati sono cancellati.

Cos’è successo? Le camere sono state pagate e vengono cancellate? Apriamo la casella di posta elettronica ma non troviamo nessun avviso, così mandiamo loro una violenta mail dove chiediamo cosa è successo e che ci troviamo in Spagna senza camere. Siamo distrutti, usciamo e ci sediamo su di una panchina in un vicino giardino per smaltire la nostra rabbia. Quello che più ci preoccupa è il timore di avere lo stesso problema nelle altre città di Leon e Santiago, dovremo prendere le camere e pagarle di nuovo? Dopo esserci calmati un po’, cerchiamo un ristorante e per fortuna ne troviamo uno il “Valencia” dove viene cucinato cibo tipico castellano. Sabato 8 agosto 2009 Visita di Salamanca, una delle città monumentali della Spagna, famosa anche per le sue prestigiose università sin dai tempi di Cristoforo Colombo. I principali monumenti sono la Plaza Major, la cattedrale Vieja e nuova, la Biblioteca, il Convento di San Sebastian.

Nel pomeriggio ci sorprende una pioggia torrenziale che ci fa riparare sotto i portici della suggestiva piazza Major. Tuoni, lampi ed acqua a catinelle. Verso le nove, smette di piovere e vicino alla piazza troviamo un ottimo ristorante “La Olla”.

Domenica 9 agosto 2009 Partiamo per Leon tappa importante sul Cammino di Santiago de Compostela. Ci rechiamo all’albergo Quindos (albergo interessante che sembra una galleria d’arte, vi sono esposti sculture, quadri, oggetti da museo, sapremo poi che il proprietario possedeva una galleria d’arte) e si ripete la stessa scena del giorno prima, la prenotazione è stata cancellata. Gli addetti alla reception sono molto gentili, ci consigliano di guardare su internet se ci sono mail da Bookinhotels, ed infatti il Tour operatore si scusa dell’accaduto e ci avvisa che saremo rimborsati dell’importo delle prenotazioni disdette.



    Commenti

    Lascia un commento

    Bilbao: leggi gli altri diari di viaggio