Sud del Perù on the road

Dal deserto alla foresta amazzonica attraversando la Pachamama
Scritto da: edgar
sud del perù on the road
Partenza il: 23/06/2018
Ritorno il: 05/07/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Per il 2018 abbiamo programmato due settimane di ferie tra fine giugno e inizio luglio: questo a febbraio. Abbiamo cominciato a pensare dove spendere queste due settimane e la prima scelta è stata l’oriente. Ci rechiamo in agenzia e il nostro fidato agente di viaggio ci dice che in oriente rischiamo seriamente di trascorrere due settimane sotto la pioggia… ahi ahi, dobbiamo cambiare destinazione. Se non possiamo andare in oriente, sicuramente l’occidente potrà fornirci maggiori opportunità. Ci viene in mente il Perù, ci informiamo un po’ e la cultura, i colori, i paesaggi ci fanno esclamare… “però il Perù!”.

Contrariamente ai nostri soliti viaggi auto-organizzati, questa volta scegliamo un tour guidato per essere più tranquilli e sicuri di non saltare qualche tappa importante.

23/06

Finalmente arriva la fine di giugno, prepariamo due valigie con abiti semi-invernali e… si parte! Le prime 12 ore di volo (Milano-São Paulo) trascorrono lentamente, poi le successive 5 ore (São Paulo-Lima) sono molto veloci… sarà l’adrenalina per l’inizio del viaggio!

24/06

Atterriamo a Lima e ritiriamo le nostre valigie. Ci attende un autista del tour operator che ci porta in hotel. Pomeriggio libero, il tour inizia il mattino successivo. Gironzoliamo per il quartiere di Miraflores, moderno con alti palazzi sulla scogliera di fronte al mare. È impressionante la scogliera fatta di terra e rocce nere a picco sulla strada a bordo oceano. Visitiamo anche il centro commerciale proprio sul bordo della scogliera con una bellissima vista sull’oceano. Scegliamo un ristorante vicino all’hotel in cui gustiamo un’ottima cheviche di pesce misto marinato.

25/06

Il mattino dopo sveglia presto e si parte per la prima tappa. Incontriamo i nostri primi compagni di viaggio, una coppia di novelli sposi decisamente più giovani di noi, ma con i quali troviamo subito una buona intesa. Partiamo con un pulmino condotto da Victor il nostro fedele autista per la prima parte del tour. Attraversiamo il traffico caotico di Lima e finalmente, fuori dalla città, iniziano i paesaggi costieri desertici: dune, sabbia e terra incolta che si susseguono fino alla nostra tappa intermedia: le isole Ballestas.

Ci imbarchiamo sulla barca che ci porta a navigare intorno alle isole. Per fortuna il mare è calmo e la navigazione procede bene. Prima di arrivare alle isole vediamo il famoso “candelabro” la cui funzione è ancora un mistero. È ben visibile, tracciato su una duna tra il mare e il cielo azzurrissimi!

Arriviamo alle isole, dove non si può attraccare. Sono veramente un’oasi naturale! Pinguini, sule, foche, pellicani la loro popolazione! Bellissime foto scattate dalla barca ci permettono di documentare tutta questa bellezza!

Torniamo indietro e il nostro autista ha già predisposto il sorvolo sulle linee di Nazca per il pomeriggio; quindi via veloci verso la prossima tappa sempre attraverso paesaggi solitari e desertici. Solo ogni tanto un piccolo villaggio con case in mattoni non completate, senza luce né acqua corrente….

Arriviamo al piccolo aeroporto di Nazca ci registriamo e si aggrega al nostro piccolo gruppo un giovane ragazzo che aveva già trascorso tre mesi in Bolivia per volontariato e ora, dopo aver acquistato una piccola moto, stava girando in solitaria il Perù: persona molto interessante e avventurosa! Arriviamo all’aereo, un piccolo monomotore. In base al peso di ognuno di noi ci fanno sedere sull’aereo, mettiamo le cuffie e via! Inizialmente tutto ok, stiamo tutti bene; vediamo l’astronauta, la scimmia, il colibrì e poi… io non vedo più nulla, sto malissimo e riesco a resistere solo guardando fuori in linea retta! Mi è dispiaciuto molto, ma purtroppo, pur avendo preso una pastiglia per il mal d’aria, non riesco a guardare in basso. Per fortuna mio marito riesce a fotografare tutto per bene! Comunque è stato un sorvolo emozionante: quelle linee/disegni sempre visti in TV ora erano reali, sotto di noi!

Dopo il sorvolo arriviamo a Nazca, dove visitiamo il Museo Antonini aperto nel 1999 che contiene diversi reperti che ci permettono di conoscere meglio le culture che si svilupparono nel deserto di Nazca. Nel giardino esterno vediamo l’acquedotto di Bisambra, un ottimo esempio di ingegneria idraulica degli antichi Nazca.

Poi finalmente in hotel dopo una prima giornata piena, interessante ma anche piuttosto stancante.

26/06

Il mattino dopo sveglia presto: ci aspettano più di 500 Km da Nazca ad Arequipa!

Percorriamo la costiera Panamericana Sur sempre tra dune e paesaggi desertici. Ci fermiamo per le inevitabili “soste idrauliche”. Circa a metà percorso l’autista ci chiede se possiamo fermarci un attimo dove c’è una piccola chiesetta. Diciamo di sì e, mentre visitiamo questa piccola cappella con tantissimi “ex voto” arriva Victor e ci porge delle candele che possiamo accendere. E’ stato per me un momento molto commovente in quanto proprio oggi sono 37 anni che mia mamma non c’è più e non avrei mai pensato di accendere una candela per lei (cosa che faccio ogni anno) addirittura in Perù.

Proseguiamo lasciando più avanti la Panamericana e dirigendoci verso l’interno. Finalmente nel pomeriggio inoltrato arriviamo ad Arequipa, ma dobbiamo ancora affrontare il traffico della città che ci fa trascorrere in auto ancora almeno un’ora! L’hotel è bellissimo, sulla piazza principale in pieno centro.

Facciamo una doccia, ci cambiamo e su consiglio della nostra guida ceniamo al ristorante Chicha del famoso chef peruviano Gaston Arcurio. Ristorante affacciato su un bellissimo patio, piatti ben presentati e gustosi, ottimo vino!

27/06

Il mattino successivo ad Arequipa abbiamo le prime 2 ore libere in attesa dell’altra parte del gruppo che dovrà unirsi a noi quattro. Visitiamo la bellissima Cattedrale sulla piazza aperta solo per la Messa e gironzoliamo per il centro fotografando angoli nascosti e persone allegre e colorate!

Alle 11 il gruppo si compatta e iniziamo il tour guidato della città. Si inizia con il Museo Santuarios Andinos in cui, oltre a bellissimi reperti, nell’ultima sala incontriamo Juanita, la ragazza dei ghiacci. In una teca a una temperatura bassissima viene conservato il corpo della ragazza quasi intatto; incredibile vedere il suo viso e pensare al suo sacrificio destinato a soddisfare gli dei.

Guarda la gallery
machu-picchu-monumento-gkw1b

Titicaca

machu-picchu-monumento-arj8q

Mate de coca

machu-picchu-monumento-74mkt

Vigogne

machu-picchu-monumento-9bxsw

Saline di Maras

machu-picchu-monumento-1szgg

Ballestas

machu-picchu-monumento-v5smp

Candelabro

machu-picchu-monumento-1c6xg

Alpaca

machu-picchu-monumento-j9c81

Machu Picchu

machu-picchu-monumento-ufc13

Nazca

machu-picchu-monumento-25cu1

Colori

machu-picchu-monumento-9gkdk

Lagunillas

machu-picchu-monumento-jxyjv

Nazca

machu-picchu-monumento-31cvj

Lagunillas



    Commenti

    Lascia un commento

    Arequipa: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari