Sri Lanka, magico Oriente

Terra incantata, gente solare e forte spiritualità
Scritto da: betti75
sri lanka, magico oriente
Partenza il: 24/03/2015
Ritorno il: 02/04/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

1° giorno: ITALIA – COLOMBO – HANURADAPHURA

Partiamo da Malpensa alle 21.30, sei ore di volo, un veloce scalo a Dubai e subito alla volta di Colombo dove arriviamo alle 13:30 (ora locale) dopo altre 4 ore di viaggio.

Il tempo a nostra disposizione non è molto e abbiamo quindi optato per una vacanza “semi organizzata” con tappe prestabilite e autista a nostra disposizione per avere la possibilità di modificare l’itinerario, strada facendo, qualora lo ritenessimo necessario.

Incontriamo all’aeroporto il corrispondente locale che ci accoglie con una collana di fiori profumati tipici dell’isola. Facciamo subito conoscenza con il nostro autista/guida Kelum. A fatica riusciamo a far entrare in auto i nostri “pochi” bagagli e partiamo subito alla volta di Anuradhapura distante 185 km. Distrutti raggiungiamo finalmente il nostro Hotel il “Palm Garden Village” inserito in un bel contesto naturalistico, con scimmiette, scoiattoli e uccellini vari che abitano praticamente all’interno del Resort.

2° giorno: ANURADHAPURA – POLONNARUWA – SIGIRIYA – HABARANA

Iniziamo finalmente la visita di questo splendido paese. Partiamo da Anuradhapura, prima capitale dello Sri Lanka. Il fascino di questa antica città è racchiuso nella ricca collezione di meraviglie archeologiche, templi e luoghi sacri, tutt’oggi adibiti a cerimonie religiose. Patrimonio dell’Unesco, questa città, racchiude tesori sparsi su un’area di almeno 3 km quadrati.

Chiunque visiti Anuradhapura non puo’ mancare l’appuntamento con “SRI MAHA BODHI” l’albero sacro. Si dice che questa pianta sia nata da un germoglio dell’albero sotto il quale Buddah ricevette l’illuminazione e che venne portato dall’India sino in Sri Lanka; è il piu’ antico albero del mondo di cui sia stata provata l’autenticità storica (oltre 2000 anni).

Visitiamo il Brazen Palace (del quale rimangono solo alcune colonne), antiche vasche, diversi templi e siti storici. E’ un continuo sali e scendi dall’auto per spostarsi all’interno dell’area archeologica e un togli e metti scarpe per accedere ai luoghi sacri frequentatissimi dalla gente del posto.

Pranziamo in un ristorante locale gustando una buonissima zuppa di prezzemolo, pesce speziato con crema di formaggio e un eccellente gelato alla vaniglia.

Chiediamo al nostro autista/guida la possibilità di poter fare un giro con gli elefanti. Veniamo subito accontentati e portati vicino ad un lago dove al costo di € 50,00 (2 persone) facciamo una passeggiata di circa 1 ora.

La nostra tappa successiva è Polonnaruwa (altro sito patrimonio dell’Unesco) che raggiungiamo dopo 108 km (2,45 ore). Come Anuradhapura la città è ricchissima di monumenti antichi che si estendono per circa 8 km. Vediamo alcune rovine, il libro di pietra, il palazzo reale (che la tradizione vuole avesse 7 piani e 1000 stanze), la vasca a loto, e il famoso Gal Vihara (tempio della roccia nera) un’emozionante tempio di statue scolpite nella roccia. Sono quattro statue raffiguranti Buddah, ciascuna scolpita in un unico blocco di granito. Il Buddah sdraiato, lungo 14 metri, raffigurato nell’atto di entrare nel nirvana è sicuramente quello piu’ emozionante.

Ci spostiamo di circa 50 km e raggiungiamo Sigiriya (ennesimo patrimonio dell’UNESCO) la fortezza del cielo, come viene definita. Dal punta di vista geologico si tratta di una massa rocciosa costituita da un accumolo di magma fuoriuscito da un vulcano scomparso oramai da tempo. Entrando nel sito si incontrano i Royal Garden, giardini acquatici e giardini rocciosi. L’ascesa con il caldo puo’ essere impegnativa ma lo spettacolo, raggiunta la vetta, è fantastico. Circa a metà salita, dopo una scala a chiocciola, si trovano degli splendidi affreschi raffiguranti delle concubine. Proseguendo si passa vicino ad un muro sul quale un tempo venivano incise le impressioni di chi vi passava. Andando ancora piu’ in la si arriva alla rocca del leone, una piattaforma dove si trovano ancora due enormi zampe di Leone scolpite nella roccia.

Una ripida scala porta alla sommità dove si ritiene che in passato vi fossero edifici. E’ da qui che si puo’ ammirare uno dei panorami piu’ belli di tutto lo Sri Lanka.

Scendendo, appena prima di uscire dal sito, è visibile una roccia a forma di Cobra.

La nostra prima e intensa giornata di visite è terminata. Pochi chilometri e raggiungiamo l’Hotel situato a Habarana: Il Cinnamon Lodge. Posto incantevole, camera spaziosissima e cibo impeccabile (la ristorazione è gestita dalla migliore catena alberghiera dello Sri Lanka).

3° giorno: HABARANA – DAMBULLA – MATALE – KANDY

Dopo una ricca colazione a bordo piscina ci incontriamo con la guida per iniziare la nostra giornata di visite. A poca distanza dall’Hotel ci fermiamo ad un negozio di Batik; solito posto per turisti, sicuramente, ma anche occasione per imparare e capire una tecnica di colorazione dei tessuti. Immancabile, come sempre, l’acquisto e via, direzione Dambulla. La giornata è caldissima e soleggiata. Raggiungiamo la locallità in tarda mattinata. Per salire ai templi nella roccia si possono percorrere due strade alternative: risalire qualche centinaio di gradini, oppure un sentiero piuttosto ripido ma preferibile con le alte temperature.

Optiamo per la seconda opzione e i gradini li lasciamo alla discesa. Lasciamo le scarpe fuori dall’ingresso ed entriamo. Che dire: spettacolare. Su una rupe alta un centinaio di metri si trova no 5 “santuari” in altrettante caverne. Nella prima grotta (Devarajia Viharaya) a colpire lo sguardo è sicuramente una statua del Buddah di 15 metri; La seconda (Maharaja Viharaya) è la grotta piu’ imponente e spettacolare ; lunga 52 metri e alta in alcuni punti ben 7 metri. 3° grotta (Maha Alut Viharaya) anch’essa piena di statue, la 4° grotta (pachima Viharaya) con un Buddha al centro e l’ultima (Devana Alut Viharaya) con un Buddha reclinato e alcune divinità Indu.

Portiamo anche noi dei fiori, i turisti sono sicuramente una minoranza rispetto alla miriade di gente del posto che quotidianamente raggiunge questo luogo per pregare.

Dopo queste meraviglie scolpite nella roccia, scendiamo e ci troviamo davanti il “Golden Temple” (costruito nel 2000), di gusto decisamente discutibile ma comunque d’effetto visivo notevole.

Lasciata Dambulla raggiungiamo Matale e qui ci fermiamo a visitare uno splendido giardino delle spezie. Il responsabile che ci accompagna ci spiega passo passo le varie tipologie di piante che vengono coltivate e le loro proprietà. Assistiamo ad un esempio alla preparazione del famoso Curry e ci lasciamo fare qualche massaggio con i loro prodotti naturali. Acquistiamo ovviamente cannella, pepe, vaniglia, noce moscata ecc… ecc…



    Commenti

    Lascia un commento

    Yala National Park: leggi gli altri diari di viaggio