Solo per i tuoi occhi

Il Marocco più bello è quello che affonda le radici nel deserto, simbolo di legami inseparabili e di tragici abbandoni. Paesaggi magici che fermano nella memoria tutto l'immaginabile portando alla realtà spazi alla Lawrence D'Arabia.Un viaggio che naviga tra la realtà dei posti e l'irreale delle sensazioni. Città con l'aspetto di guarnigioni...
Scritto da: tittyeroby
Partenza il: 23/11/2003
Ritorno il: 30/11/2003
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 2000 €

Il Marocco più bello è quello che affonda le radici nel deserto, simbolo di legami inseparabili e di tragici abbandoni.

Paesaggi magici che fermano nella memoria tutto l’immaginabile portando alla realtà spazi alla Lawrence D’Arabia.Un viaggio che naviga tra la realtà dei posti e l’irreale delle sensazioni. Città con l’aspetto di guarnigioni militari,moschee grandiose e minareti che si innalzano nel cielo azzurro e tagliano l’aria profumata di spezie, casbah, residenze di vecchi califfi,matrimoni armoniosi tra una natura straboccante e un’architettura che evoca sensazioni da mille e una notte.

Città con posizioni simboliche dove gli uomini blu del deserto barattoni i loro animali con scorte di legumi, carovane di cammelli e dromedari che navigano verso un deserto che attira il viaggiatore come una calamita, c’è da assorbire tutta questa magia e perdersi nelle strade polverose che attraversano piantagioni di banane in una luce di sole accecante, fermarsi ad ammirare gole profonde e casbah berbere con le alte mura e un’atmosfera fuori dal nostro tempo, ammirare rovine quasi scomparse e arse dal calore del sole, corrose dalla pioggia, perdersi nei mille colori dei souk colorati e sentire le voci di un’Africa così vicina eppure così lontana dalle nostre vite.



    Commenti

    Lascia un commento

    Marocco: leggi gli altri diari di viaggio