Sithonia, il dito di mezzo della Penisola Calcidica e l’incanto dei suoi paesaggi marini: impressioni di viaggio

Una settimana di fine settembre alla scoperta di Sithonia dopo aver raggiunto Salonicco in aereo. Spiagge meravigliose e incantevoli paesaggi marini con pochi eguali nell'area Mediterranea e a prezzi decisamente interessanti
Scritto da: angelo48
sithonia, il dito di mezzo della penisola calcidica e l’incanto dei suoi paesaggi marini: impressioni di viaggio
Partenza il: 22/09/2016
Ritorno il: 29/09/2016
Viaggiatori: due
Spesa: 1000 €

Anni fa avevo visto da qualche parte un servizio sulla Penisola Calcidica, un’area nel nord della Grecia, in Macedonia, costituita da tre lingue di terra che si allungano nel mare Egeo per qualche decina di chilometri. Ero rimasto colpito dalla selvaggia bellezza dei paesaggi marini ed anche dal sottile e misterioso fascino esercitato dalla più orientale delle tre penisole, quella che ospita il leggendario Monte Athos ed i suoi millenari monasteri.

Salonicco, l’antica Tessalonica, è facilmente raggiungibile in aereo dall’Italia e dista solo un centinaio di chilometri dai centri più settentrionali della Calcidica. La città, quasi completamente ricostruita con una moderna concezione urbanistica dopo il devastante incendio del 1917, merita una visita non frettolosa per la presenza di alcune antiche chiese bizantine ricche di meravigliosi mosaici e per l’atmosfera vivace che la contraddistingue. In particolare il quartiere Ladadika nell’area portuale è quasi interamente pedonalizzato ed invita a passeggiare tra le viuzze stracolme di attraenti localini ove sostare per bere o mangiare qualcosa. Spesso è possibile ascoltare musica dal vivo.

Per raggiungere la Calcidica la cosa migliore è noleggiare un’auto ed imboccare la superstrada verso Neo Moudania e da lì, costeggiando per una quarantina di chilometri il golfo di Cassandra, raggiungere la meta del vostro viaggio. Il mio consiglio è di orientarsi decisamente verso Sithonia, la penisola di mezzo delle tre. Infatti la più orientale, quella che comprende il monte Athos, è sostanzialmente una repubblica autonoma, occupata da una ventina di monasteri ortodossi, quasi totalmente chiusa ai collegamenti con il mondo esterno e visitabile solo prenotandosi con largo anticipo. Volendo si possono fare delle crociere che consentono una osservazione più ravvicinata mantenendo comunque una distanza di almeno 500 metri dalla costa. Cassandra, la penisola più occidentale, ha invece conosciuto negli ultimi decenni un intenso sviluppo turistico che ha portato ad una invadente cementificazione e quindi alla perdita di buona parte del suo fascino soprattutto per il turista più esigente.

Sithonia invece, nonostante non manchi qualche esempio di urbanizzazione non proprio attraente, si caratterizza per la scarsa densità demografica e per la presenza di vaste aree non popolate ed occupate solo dalle spettacolari pinete a pini di Aleppo o dalla macchia mediterranea. Va ricordato che la Calcidica fino a circa un secolo fa era quasi totalmente disabitata ed è stata sede di un modesto sviluppo demografico solo nel corso dei primi decenni del secolo scorso a seguito dei forti movimenti di popolazioni che fecero seguito alla guerra tra greci e turchi tra il 1919 ed il 1922. Ciò spiega la virtuale assenza di reperti artistici significativi a Sithonia, anche se va ricordata l’importante area archeologica di Olinto poco oltre lo snodo di Neo Moudania. Non va infine dimenticato che da queste parti nacquero due personaggi di straordinaria importanza nella storia dell’umanità, Aristotele ed Alessandro Magno.

A questo punto devo sottolineare che l’arma vincente di Sithonia è rappresentata dalla straordinaria bellezza del suo mare e delle sue spiagge, tale da conquistare anche un inossidabile amante della montagna come il sottoscritto. Sono censite circa una settantina di spiagge, quasi tutte facilmente raggiungibili via terra, magari affrontando qualche chilometro di sterrato. Mi ha colpito ed affascinato la notevole varietà, grandi o piccole, tra scogliere di multiforme aspetto, con sabbia bianca o dorata o di minuti sassolini, contornate dalle pinete o dalla macchia, talora all’interno di pittoreschi fiordi. Ovunque la costante è costituita dalla magnifica trasparenza delle acque e dalle caraibiche tonalità che il colore del mare può assumere (ma probabilmente una pineta in riva al mare ai Caraibi non s’è mai vista…).

Devo dire che la vicinanza geografica fa sì che Sithonia sia soprattutto meta di turisti provenenti dall’est; vedrete una concentrazione mai vista di auto con targa bulgara, serba o romena. I turisti “occidentali” sono più rari, anche se la bellezza poco reclamizzata di queste zone sta richiamando un numero crescente di connazionali. I prezzi a Sithonia sono bassi, è facile consumare del buon pesce fresco in una miriade di piccoli ristorantini sparsi nelle poche località abitate della penisola (Vourvorou, Sarti, Kalamitsi, Toroni, Neo Marmaras e poche altre) spendendo meno della metà di quello che dovreste sborsare in Italia.

Per evitarvi eventuali sorprese o delusioni devo comunque anche informarvi che non è tutto oro quello che luccica. Da testimonianze raccolte in loco ed anche sulla rete viene sottolineato un punto critico della concentrazione turistica in buona parte dei mesi di Luglio ed Agosto: la possibilità di campeggio libero praticamente ovunque fa si che alcune delle spiagge più famose possano diventare affollate e meno attraenti (sporcizia e rifiuti) in alta stagione. Altre spiagge bellissime sono almeno in parte occupate da grossi camping attrezzati il che le rende sicuramente meno godibili per il visitatore occasionale. A questo proposito mi sembra particolarmente indicativa la mia personale esperienza alla spiaggia di Portokali nella costa orientale di Sithonia. Ho raggiunto questa località praticamente deserta al momento del nostro arrivo alle 9.30 di mattina a fine settembre e quindi non in alta stagione. Ho scoperto un luogo di una bellezza abbagliante, sicuramente con pochi eguali nell’area mediterranea. Eppure in Internet potrete trovare diverse segnalazioni di gente delusa da questo posto per l’eccessiva presenza umana e/o per la sporcizia. Questo non deve assolutamente dissuadervi dal visitarla; se potete, raggiungete Sithonia al di fuori dei periodi di più alta stagione o, se proprio vi è impossibile fare altrimenti, recatevi nelle località più note al mattino presto per potere assaporarne meglio la bellezza.

Personalmente mi sento di suggerire oltre a questa anche altre località quali Lagonisi, Banana Beach, la serie di piccole baie (Linaraki, Tourkolimnionas, Klimataria…) che si susseguono lungo la breve, ma meravigliosa, strada costiera recentemente riqualificata che si snoda a sud della marina di Sykia nel tratto più meridionale della costa orientale, Kriaritsi, Porto Koufo e il suo pittoresco fiordo, Toroni e la spiaggia di Agios Ioannis poco a nord di Neo Marmaras da dove ammirare dei fantastici tramonti.

La rete stradale di Sithonia è sostanzialmente costituita solo dalla strada che ne percorre tutto il profilo costiero e che offre spesso scorci panoramici molto suggestivi. Esistono solo un paio di località non affacciate sul mare, Parthenonas vicino a Neo Marmaras e Agios Nikolaos nella zona nord-orientale che meritano comunque una visita, la prima per i tramonti, per le viste dall’alto del paesaggio costiero, per la presenza di alcuni edifici tradizionali recentemente restaurati e di un paio di panoramici ristorantini, la seconda per l’interessante contesto abitativo e per la presenza di una incantevole piazzetta centrale, occupata da una miriade di piccoli caffè e trattorie, animatissima alla sera quando si respira un’atmosfera tipicamente e genuinamente greca.

Guarda la gallery
mare-kepeh

Trasparenze caraibiche a Portokali

mare-3g7zn

Baia di Lagonisi

mare-t6w33

Portokali

mare-nngxn

Piccola rada a sud di Sykia

mare-pfdev

Porto Koufo



    Commenti

    Lascia un commento

    Grecia: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari