siria culla della civilta’ e fascino orientale

La siria è un paese che mi ha affascinato molto, ricco di storia, siti archeologici, la cordialità e disponibilità del popolo siriano in un mix emozionale di profumi e cultura. Sfatiamo anche il mito di un paese definito "canaglia" politicamente o quello del mangiare (in ufficio come prima cosa mi hanno chiesto "sei stata male?"). Per quello...
 
Partenza il: 14/08/2009
Ritorno il: 24/08/2009
Viaggiatori: in coppia

La siria è un paese che mi ha affascinato molto, ricco di storia, siti archeologici, la cordialità e disponibilità del popolo siriano in un mix emozionale di profumi e cultura.

Sfatiamo anche il mito di un paese definito “canaglia” politicamente o quello del mangiare (in ufficio come prima cosa mi hanno chiesto “sei stata male?”).

Per quello che ho visto io è un paese tranquillo, non abbiamo avuto nessun problema nè in dogana nè in giro nei suq. Nessuno t’importuna e ti assilla per vendere qualcosa come in altri paesi medio orientali.

Anche il mangiare è molto buono, questo nei grandi alberghi o ristoranti tipici, forse un pò monotono. Ottimi gli antipasti chiamati mezze a base di Hummus (purè di ceci), purè di melanzane o zucchine, olive verdi e nere, melanzane fritte condite con olio, aglio e spezie o con pomodorini molto buone. Il pane arabo khubz non lievitato è buonissimo, provate ad assaggiare quello appena sfornato dai fornai di damasco o aleppo.

Buona anche la carne di montone, di pollo o capra. Gustoso il kebab siriano, salsiccette di capra cotta alla brace con spezie, solo un pò pesantine da digerire, ma ottime accompagnate dal pane. E’ una cucina speziata con cumino, cardamomo, aglio e altre spezie. Noi abbiamo sempre mangiato piatti cucinati, niente pomodori o cetrioli o insalata e niente frutta e siamo stati benissimo.Certo sono molto invitanti le spremute di more o di arancia o melograno che si vedono in giro per le strade ma non ho voluto rischiare. Il problema è l’acqua inquinata, ricordiamoci che non hanno un sistema fognario e l’igiene. Però ognuno è fatto in modo diverso e ognuno è medico di se stesso. Da provare il tè alla menta con foglie profumatissime e il loro caffè arabo aromatizzato al cardamomo. Molto buoni anche da regalare i biscotti barazi con sesamo e pistacchi e miele.

Iniziando a raccontare del nostro viaggio vorrei semplicemente dare qualche consiglio spero utile senza soffermarmi troppo sui monumenti dato che ogni viaggiatore si documenta leggendo delle guide.

VOLO: noi siamo partiti con sirianair da roma per damasco. Lo consiglio vivamente perchè si arriva ad un orario decente 18,30 e si ha tutto il tempo di arrivare e cenare tranquillamente. Con altre compagnie si arriva di notte tardi dopo 4 h di volo e pensate come all’indomani si può iniziare un tour. L’unico inconveniente è che se si parte da altre città come noi da malpensa non ci hanno imbarcato le valigie diretti per damasco, ma abbiamo dovuto ritirarle e rifare checkin. Quindi attenzione a fiumicino calcolare almeno solo 1 h per ritiro bagaglio. Tenere alcune ore per la coincidenza dell’altro volo.

DAMASCO: noi eravamo al CHAM EBLA PALACE moderno, grandissimo (il più grande della siria), pochissima gente ma a 17 km dalla città. Per poter fare dei giri anche serali consiglierei di stare in città, da fuori molto bello il Four season o il semiramis (dove dovevamo alloggiare). La città è antica ma non mi ha entusiasmato più di tanto, forse perchè legata al nome dell’antica damasco e le aspettative erano superiori. Da vedere sopratutto per il loro valore cristiano la chiesa di s. Anania e la cappella di san paolo. Bellissima la moschea degli Omayyadi, sopratutto il cortile con richiami ai mosaici bizantini. Per le donne in qualsiasi moschea bisogna indossare un mantello con cappuccio, oltre a togliersi ovviamente le scarpe come per tutte le moschee del mondo. Il mantello con cappuccio è obbligatorio anche se si ha un foular o pantaloni lunghi. Vale anche per gli uomini se indossano pantaloncini corti al ginocchio.

Bellissimo il suq al Hamidiyya diviso per zone quello degli ori e argenti, spezie, tessuti ecc. Bellissimi foular e stoffe da TONYS che ha però prezzi fissi ma abbordabili. Belle cose preziose e un pò care da un antiquario GIOVANNI, merita comunque una visita solo per vedere la maestria degli oggetti e arredi.

Molto belle le case damascene nella città antica certe adibite ad hotel e ristoranti. Da non perdere il museo nazionale con le tavole della prima scrittura cuneiforme al mondo. Salite anche sul colle Jebel qassioun per vedere il panorama di tutta la città nella sua immensità di 5 milioni di abitanti.

Scendendo verso il sud di damasco in una zona di rocce basaltiche, abbiamo visto SHABA a 90 km da damasco. Più che le rovine molto bello il museo con i mosaici. BOSRA tutta in basalto nero. Bellissima la cittadella e il teatro romano perfettamente conservato perchè sepolto dalla sabbia fino al XX sec.

MAARULA da vedere questo paesino arroccato sulle rocce azzurro e giallo, da visitare il convento di S. Sergio e bacco e la grotta di S. Tecla. Qui si parla l’aramaico l’antica lingua di cristo. Bellissimo il KRAC DES chevaliers fortezza militare dei crociati definito da laurence d’arabia il più bel castello del mondo. Ben conservato come allora.

Ci siamo spostati verso la costa passando TARTUS 2° porto della siria con la cittadella e la fortezza dei templari ma niente di che, in quanto in grande abbandono e degrado. LATAKIA sul mare bell’albergo Afamia rotama resort ma niente di che da vedere. Posto per pernottare e di passaggio per poter visitare altri siti. Interessante UGARIT più per la sua importanza storica un sito archeologico di circa 6000 anni fa, con resti conservati nei musei di damasco, aleppo e il louvre. Bello il paesaggio della valle dell’oronte, una zona verdeggiante e fertilizzata dal fiume. Bellissima APAMEA di epoca romana. Il cardo lungo 2 km è il 2° sito dopo palmira come bellezza.

ALEPPO bellissima città tutta bianca chiara dei palazzi. Albergo ottimo lo Sheraton nuovo di 3 anni in centro comodo a piedi per la moschea e il suq.

la città è famosa per i pistacchi + buoni del mondo (assaggiate quelli freschi al suq) e i saponi all’olio d’oliva. Ottimi per chi ha pelli sensibili e non sopportano i profumi troppo forti dei normali saponi.

Da visitare la cittadella che domina tutta la città. Zona Al -Jadeida con case e palazzi bianchi e neri. Il museo nazionale pieno di reperti, sculture, ornamenti, vasellame ancora più bello di damasco. E’ importante visitare i musei perchè troverete tutti quei reperti provenienti dai siti che visiterete e servirà per darvi un’idea dell’epoca e di comprendere la civiltà passata una volta giunti nei siti dove per alcuni ci sono solo rovine. Anche ad aleppo come a damasco i palazzi più belli sono ristoranti. Noi siamo stati al Dar zamaria orient house e al beit sissi molto belli e si mangia anche bene in questa atmosfera suggestiva all’interno di questi bellissimi cortili interni. Grande moschea niente di chè mentre suggestivo il suq piene di spezie, saponi, tessuti ecc. In questa città si sente la vera atmosfera orientale. Bellissime case nella zona nuova residenziale, con terrazze e balconi maestosi e ornati come antichi palazzi. Nei dintorni di Aleppo abbiamo visitato EBLA un’antica città importante più per la scoperta di tavolette con scrittura sumera ancora da decifrare che per quello che si vede. C’è ancora tanto da scavare, questi siti vengono apprezzati di più dopo una conoscenza archeologica documentata. Museo di Idlib niente di che ma molto bello quello dei mosaici di epoca bizantina. (da vedere) Ma’araton Nuaman.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aleppo
    Diari di viaggio
    ricordi di siria

    Ricordi di Siria

    Questo non è un racconto di viaggio, ma è il ricordo di un viaggio, ricordo stimolato dalle notizie di distruzioni che sentiamo e vediamo...

    Diari di viaggio
    emozioni e sensazioni... siria e giordania.

    Emozioni e sensazioni… Siria e Giordania.

    La premessa di questo diario di viaggio è che non si parlerà di costi, avendo noi comprato un pacchetto, veramente tutto compreso, volo,...

    Diari di viaggio
    dall'antilibano all'eufrate. viaggio in siria

    Dall’Antilibano all’Eufrate. Viaggio in Siria

    DALL’ANTILIBANO ALL’EUFRATE. VIAGGIO IN SIRIA 7-14APRILE 20107 APRILE. BOLOGNA - ALEPPOPartiamo in sei: Teresa e Maria...

    Diari di viaggio
    italia fans club siria

    Italia Fans Club Siria

    Periodo: Dal 26 Dicembre al 6 Gennaio Volo: Turkish Airlines 400 euroGuida: Touring, niente di che, però era la più...

    Diari di viaggio
    le strade della siria in camper

    Le strade della Siria in camper

    dal 25.09.2010 al 16.10.2010 Partecipanti: Cinzia & Luca, Paola & Goffredo“La Siria è un paese canaglia”, “Ti fidi ad andare in...

    Diari di viaggio
    siria e giordania i love you!

    Siria e Giordania I love you!

    Siria e Giordania 2010 24-06 Italia 25-06 Damascus 26-06 Damascus- Palmira 27-06 Palmira-Aleppo 28-06 Aleppo 29-06 A Aleppo-Ebla-Apamea-...

    Diari di viaggio
    siria per caso

    Siria per caso

    Non mi sarebbe mai venuto in mente di fare un viaggio in Syria se non fose stato che la mia amica Patrizia, invitata dal suo amico Alaa,...

    Diari di viaggio
    giordania & siria in scooter 2009

    Giordania & Siria in scooter 2009

    Siria e Giordania (2009) Periodo : dal 1/8/2009 al 24/8/2009 Partecipanti : 2 (Massimo e Sabrina) Itinerario: Italia – Grecia – Turchia...

    Diari di viaggio
    siria culla della civilta' e fascino orientale

    Siria culla della civilta’ e fascino orientale

    La siria è un paese che mi ha affascinato molto, ricco di storia, siti archeologici, la cordialità e disponibilità del popolo siriano in...

    Diari di viaggio
    siria & giordania in scooter di 2009

    Siria & Giordania in scooter di 2009

    Siria e Giordania (2009) Periodo : dal 1/8/2009 al 24/8/2009 Partecipanti : 2 (Massimo e Sabrina) Itinerario: Italia – Grecia – Turchia...